ALL STAR GAME JUNIOR, LA VETRINA DEI GIOVANI

Al Cierrebi da oggi a domenica 60 squadre in campo

di Alessandro Gallo - Il Resto del Carlino - 20/09/2007

 

Un anno dopo si replica con la seconda edizione dell'All Star Game Junior. da oggi a domenica saranno attivi quattro campo, nel complesso del Cierrebi: alle 15, davanti a Stefano Pillastrini, Fabio Di Bella e Guilherme Giovannoni sarà alzata la prima palla a due della gara d'esordio, quella che vedrà di fronte la Virtus Medusa e l'Andrea Costa Imola a livello di under 15.

Sono i numeri di questa edizione patrocinata dalla federazione italiana pallacanestro a colpire: 4 giorni di gara, 100 partite, 60 società iscritte e almeno 1000 i ragazzi, in età compresa tra i 6 e i 18 anni, che prenderanno parte all'iniziativa curata da Simona Vedovati, Giordano Consolini e Marco Sanguettoli, i dirigenti bianconeri che seguono con grande attenzione e professionalità il settore giovanile.

Da "fuori" arriveranno Siena, Udine, Pesaro, Trieste e Biella. Praticamente tutti presenti i club di casa nostra, dall'Andrea Costa Imola a San Lazzaro, dal Castiglione Murri alla Francesco Francia senza dimenticare Vergato, Calderara, Baricella, Ghepard, San Giovanni in Persiceto, Masi Casalecchio.

"Ci sono tutte - taglia corto Sabatini, proprietario della Virtus - tranne una, la Fortitudo. Sono dispiaciuto, non fa niente, perché sarà una grande festa dello sport e un momento di aggregazione e di condivisione dei valori che lo sport può trasmettere.

Festa con relativa campagna sociale: la Virtus nei giorni scorsi ha lanciato il progetto "La vita è bella, non giocatevela" e lo riproporrà, a partire da oggi.

 Lo promuoveranno i giocatori che si alterneranno sui campi, lo ricorderanno le t-shirt con il logo che ricorda l'iniziativa.

Oggi si giocherà dalle 15 alle 20, domani e sabato, invece, ci si fermerà con due ore d'anticipo. "Per dar modo a tutti i ragazzi che lo vorranno - spiega Simona Vedovati, dirigente del settore giovanile - di raggiungere il PalaMalaguti e assistere alle partite del torneo internazionale.

Sabato, alle 16, sul campo centrale, una sfida particolarmente attesa, quella tra Atc Dozza e Power Log, riservata agli atleti in carrozzina. Domenica, infine, dalle 10 gli All Star Game (previsto anche un momento per il minibasket in rosa) che si succederanno fino alla sera.

CONSOLINI: "L'ALL STAR GAME È UNA FESTA"

tratto da Il Resto del Carlino - 21/09/2007

 

La benedizione di Fabio Di Bella che, al Cierrebi, davanti ai giovani chiamati a prender parte all'All Star Game Junior, ricorda i suoi inizi nel Pavese.

L'entusiasmo di Giordano Consolini, che della Virtus è il responsabile del settore giovanile oltreché tecnico dell'under 17.

"È una bella rassegna - racconta Consolini - una formula collaudata che piace. Con i bambini in campo che possono giocare sereni. I talenti? Lo spirito della manifestazione è diverso. Vogliamo dar modo a tutte le società di Bologna e provincia di trascorrere quattro giornate all'insegna della pallacanestro. Giocare per divertirsi, senza pressioni particolari".

Lo spirito, del resto, è legato anche alla campagna sociale patrocinata dal ministro Melandri.

"La vita è bella, non giocatevela". Poi qualche talento, inevitabilmente, verrà fuori. Si gioca fino a domenica al Cierrebi.

...


 

"ALL STAR JUNIOR, È SOLO L'INIZIO"

tratto da Il Resto del Carlino - 24/09/2007

 

Quattro giorni di festa. Quattro giorni sui campi del Cierrebi per divertirsi e per dare un'occhiata ai giovani che, un giorno, potrebbero emulare le gesta di Belinelli e Vitali, ultimi prodotti del vivaio bianconero approdati in serie A.

L'All Star Game Junior conquista tutti. "I ragazzi che sono venuti - spiega Marco Sanguettoli, allenatore del settore giovanile Virtus - amano già il basket. Ma sono andati a casa convinti che questo sia lo sport più bello dle mondo". La Virtus e Sabatini credono nel progetto giovani non a caso. Con Giordano Consolini, responsabile del settore, lavorano lo stesso Sanguettoli, Simona Veodvati e Andrea Rizzoli. "É stata e sarà la vetrina giovanile di Bologna", la chiosa di Claudio Sabatini.