CESARE GARULLI

Il Prof. Cesare Garulli (foto tratta da Il Mito della V Nera)

nato a:

il: 07/04/1915

Stagioni in Virtus: anni '50 e 1970/71

PROFILO

di Ezio Liporesi per Virtuspedia

 

Cesare Garulli aveva gareggiato per la Virtus atletica (13,52 nel lancio del peso ai campionati italiani assoluti di Bologna nel 1936), per poi divenire allenatore in quella sezione. Fu poi preparatore atletico della Virtus Pallacanestro negli anni '50, assumendo anche l'incarico di allenatore dei più giovani; dopo un'esperienza come preparatore, il primo in Italia nel calci, del Bologna (al quale sarebbe tornato dopo la sua esperienza in Virtus) e del Lanerossi Vicenza Calcio, a inizio anni '70 tornò per sostituire, sempre come preparatore, Giorgio Moro, il quale aveva avuto un diverbio con l'allenatore Tracuzzi. Garulli, che portava i giocatori a correre nella tenuta del presidente della Virtus Tennis, Giorgio Neri, già commissario della sezione pallacanestro, aveva però metodi troppo rigidi e i giocatori lo "scaricarono" presto, approfittando anche dell'arrivo, a novembre della stagione 1971/72 di Nico Messina al posto di Tracuzzi. Garulli e Moro avevano un forte legame: Cesare era stato testimone di nozze di Giorgio, avendo fatto il militare con suo padre, deceduto quando il figlio aveva solo un anno e mezzo.

GARULLI, MORO E TRACUZZI

di Silvano Stella - La Gazzetta dello Sport - 17/11/1971

 

...

La società, inoltre, accusa Tracuzzi di mancata collaborazione coi preparatori atletici. Lo scorso anno avrebbe dovuto collaborare con il professor Moro il quale, ad un certo punto, fu però messo in condizione di rinunciare all'incarico. All'inizio di questa stagione si sarebbe espresso favorevolmente per affidare la squadra ad un nuovo preparatore e lui stesso avrebbe segnalato due nominativi uno dei quali quello del professor Garulli.

Tracuzzi e Garulli, entrambi autonomi nei campi specifici, dapprima hanno collaborato in tandem con ottimi risultati presentando al torneo di Borgotaro una squadra già sufficientemente registrata, ma successivamente non si sarebbero trovati più d'accordo sui programmi di allenamento. Da qui sono nati dissapori e polemiche che hanno coinvolto un po' tutti compresi i giocatori che si sarebbero lamentati dell'eccessiva preparazione atletica a discapito di quella tecnica. A questo proposito, tuttavia, la società assicura che di fronte alle 7-8 ore settimanali di preparazione si avevano non più di due ore e mezza di preparazione atletica.

...