MOUHAMMADOU JAITEH

(Mouhammadou Einstein Jaiteh)

Mouhammadou Jaiteh il giorno della presentazione

 

nato a: Pantin (FRA)

il: 27/11/1994

altezza: 211

ruolo: centro

numero di maglia: 14

Stagioni alla Virtus: 2021/22

statistiche individuali dal sito di Legabasket

biografia su wikipedia

palmares individuale in Virtus: 1 SuperCoppa



 

MOUHAMMADOU JAITEH NUOVO ACQUISTO DI VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA

tratto da www.virtus.it - 20/07/2021

 

Virtus Segafredo Bologna S.p.A. comunica di aver raggiunto un accordo con Mouhammadou Jaiteh fino al 2023.

Centro di 211cm, Mouhammadou Jaiteh nasce a Pantin il 27 novembre 1994.

Le parole del Direttore Generale di Virtus Segafredo Bologna Paolo Ronci: “Jaiteh è un giocatore che stavamo osservando da tempo. Ha 26 anni, nazionalità francese e nell’ultimo campionato in Turchia ha chiuso in doppia doppia punti/rimbalzi, con ottime prestazioni contro i top teams Fenerbache ed Efes. Possiede già qualità importanti e pensiamo possa ulteriormente migliorare all’interno della nostra squadra. Virtus Segafredo da il benvenuto a Mouhammadou Jaiteh che ha sottoscritto un contratto fino a giugno 2023.”

Si forma in Francia, all’Istituto di INSEP fino al 2012, per poi passare allo Stade Olympique Maritime Boulonnais in LNB Pro B dove vince il premio di MVP e il Most Improved Player.
Dal 2013 al 2016 veste la canotta di Nanterre con cui vince, nel 2015 la FIBA EuroChallenge e viene inserito per tre volte nel miglior quintetto del campionato francese.
Nel 2018 il suo arrivo in Italia all’Auxilium Torino, dove chiude la stagione con 11 punti e 7 rimbalzi di media in 20 minuti di utilizzo. L’anno successivo il passaggio in Russia con la canotta dell’Avtodor Saratov, 14 partite su 19 disputate in doppia cifra di punti segnati.
Nella passata stagione ha giocato nel campionato Turco, tra le fila del Gaziantep: 16.1 punti e 10.8 rimbalzi di media in 28 partite giocate.

Nazionale francese, Mouhammadou ha conquistato la medaglia di bronzo agli Europei del 2015.

Virtus Segafredo Bologna dà il benvenuto ufficiale a Mouhammadou Jaiteh nella grande famiglia bianconera.

CORDINIER E JAITEH, “QUANDO SEI ALLA VIRTUS E’ NORMALE CERCARE DI VINCERE TUTTO”

tratto da bolognabasket.it - 24/01/2022

 

Cordinier e Jaiteh sono stati intervistati dal sito francese BeBasket. Una qualche loro dichiarazione.

Jaiteh – Si vede che in Virtus ci sono molte ambizioni, lo si nota dalle infrastrutture e dalle attenzioni dello staff. E’ qualcosa di perfetto. Quando abbiamo firmato ci hanno subito spiegato gli obiettivi, e non sarebbe corretto dire che siamo qua solo per vincere qualche partita: la Virtus punta a trofei, ed è per questo che abbiamo firmato.
Teodosic? Quando sei un lungo è buona cosa avere buoni rapporti con il regista e con chi organizza il gioco. Ad ogni modo, mi trovo bene sia con lui che con Cordinier, sia in campo che fuori: poi è il talento che fa la differenza, e la cosa migliore è facilitarci la vita a vicenda.
Scariolo? Il suo curriculum parla per lui, ha grande esperienza e conoscenza del gioco.
Pressioni per portare Cordinier a Bologna? No… diciamo che il coach sa quello che fa e decide da solo. Chiaro che mi ha chiesto qualcosa e io ho dato parerare positivo, ma non penso abbia deciso solo per questo…
Il derby? qualcosa di pazzesco, specie vedendo il muro dei tifosi. Ed è disgustoso averlo dovuto giocare con solo il 30% della capienza.

Cordinier – E’ curioso come ho scoperto di abitare nello stesso appartamento di Rigaudeau.. Sappiamo che ci sono tante aspettative e che dobbiamo lavorare per essere all’altezza, e viene fatto di tutto per permetterci di rendere al meglio. E’ l’organizzazione migliore che abbia mai vissuto nella mia carriera, ed è bello giocare in una squadra che vuole vincere tutto.
Giocare con Teodosic e Belinelli? Quando sei in una grande squadra è normale avere accanto grandi giocatori, ed è la cosa migliore per progredire e imparare, è un piacere farne parte.
Il campionato italiano? Non avevo mai giocato fuori dalla Francia, e mi sembra che ci siano molte differenze, specie sul ritmo. Molto è basato su due o tre giocatori stranieri, e si gioca specialmente a metà campo. Ma noi con il gruppo che abbiamo non cambiamo il nostro stile di gioco se giochiamo in campionato o in Coppa, pensiamo solo a vincere il più possibile.
Scariolo? Ha principi forti, un sistema di gioco ben chiaro provato in tanti anni. E dobbiamo solo cercare di integrarci il meglio possibile al suo interno. Lui ha molta esperienza e sa come far crescere i giocatori.
Il derby? Incredibile, fin dal riscaldamento c’era un grande entusiasmo, con i tifosi Fortitudo che hanno iniziato subito a fischiarci e i nostri tifosi a coprire i loro fischi.



 

JAITEH, “DA QUANDO HO SMESSO DI ALLENARMI SUI LIBERI HO MIGLIORATO LE PERCENTUALI. DERBY? E’ UNA SFIDA SPECIALE

tratto da bolognabasket.it - 12/03/2022

 

”Mam Jaiteh è stato sentito da Luca Aquino per il Corriere di Bologna. Un estratto dell’intervista. “Il derby? Me ne parlano tutti dal primo giorno. Per noi è una partita chiave, non dobbiamo guardare alla loro classifica perché sappiamo che questa è una sfida speciale. Bisognerà essere pronti a lottare e portare in campo la massima energia davanti ai loro tifosi che sappiamo essere molto caldi.
In Francia era molto sentita Limoges-Pau, ma è sempre difficile fare paragoni. In queste partite si generano spesso grandi sorprese, non sempre il favorito vince e per noi questa deve essere una lezione. Se andiamo là pensando di vincere facile non succederà, dobbiamo lottare edessere competitivi al nostro massimo perché è una partita speciale.
I tiri liberi? La cosa divertente è che si pensa che magari abbia lavorato di più su questo aspetto. Invece i miglioramenti sono avvenuti quando ho smesso di fermarmi alla fine di ogni allenamento a tirare 90 liberi, èstato Milos aconsigliarmelo. Mi mettevo troppa pressione e non andava bene, adesso mi presento sulla linea senza pensarci: se entra bene, altrimenti si va avanti.
Il punto di forza della Virtus? La capacità di avere tanti giocatori che possono essere decisivi in ogni partita. Gli avversari non possono concentrarsi solo su uno di noi, tutti hanno dimostrato di poter essere protagonisti. Se un giorno qualcuno gioca male, c’è sempre qualcun altro pronto a salire di livello”


 

 

Jaiteh nell'amichevole contro Pesaro del 7 settembre 2021

JAITEH: GRAN BELLA VITTORIA MA CONTA ESSERE PRIMI ALLA FINE

trattoda bolognabasket.it - 11/04/2022

 

Le parole di Mam Jaiteh a fine partita, ai microfoni di Eurosport.

Gran bella partita, gran bella vittoria, abbiamo dimostrato quello che possiamo fare. Importante vittoria per il resto del campionato, e l’atmosfera è stata quella delle migliori occasioni. E’ bello essere primi in classifica, ma l’obiettivo è ancora lontano, quello che importa è essere primi alla fine ed è per questo che stiamo lavorando.


 

 

JAITEH: L’OVAZIONE DEL PALADOZZA UN’EMOZIONE INCREDIBILE

tratto da bolognabasket - 28/04/2022

 

Mam Jaiteh è stato intervistato da Luca Muleo su TRC.
L’ovazione del PalaDozza è stata incredibile, ringrazio tutti i tifosi per la spinta che ci hanno dato.


 

IL MESE DI APRILE DI MAM JAITEH

tratto da bolognabasket - 28/04/2022

 

La Virtus ha battuto Ulm – pur in una serata da 2/24 da tre – grazie all’apporto decisivo di Mam Jaiteh, che ha segnato 27 punti (10 in fila nel finale) con 11 rimbalzi. Il centro francese, che sta disputando una grandissima stagione e sfruttando alla grande l’intesa con Milos Teodosic, ha numeri di altissimo livello nel mese di aprile. Le statistiche, riportate dal Corriere di Bologna, parlano di 18.3 punti e 8.3 rimbalzi di media in 23′ nelle 7 partite giocate, con il 74.3% da due e un plus/minus medio di +10.


 

MAM JAITEH MVP DEI QUARTI DI FINALE DI EUROCUP

tratto da bolognabasket - 28/04/2022

 

 

Il pivot Mam Jaiteh ha portato la Virtus Segafredo Bologna alla vittoria casalinga contro il ratiopharm Ulm, guadagnandosi il premio di MVP per i quarti di finale di 7DAYS EuroCup!

Con la stagione in palio contro un avversario senza paura, Jaiteh si è fatto avanti per la Virtus e ha portato la squadra in semifinale con la vittoria 83-77 su Ulm. Jaiteh ha registrato il record in carriera di 27 punti con 12 canestri da due punti realizzati. Nella vittoria su Ulm, Jaiteh ha catturato 11 rimbalzi, il meglio dei quarti di finale (di cui 6 in attacco), eguagliando il suo massimo in carriera. Il suo indice di prestazione (38) è stato il secondo migliore della carriera e il più alto in qualsiasi partita dei quarti di finale dal 2015.


 

 

TEODOSIC E JAITEH NEL MIGLIOR QUINTETTO DI EUROCUP

tratto da bolognabasket.it - 07/05/2022

 

Ci sono due giocatori della Virtus nel miglior quintetto di Eurocup. Milos Teodosic e Mam Jaiteh sono infatti stati scelti assieme a Jaron Blossomgame di Ulm, Will Cummings dei Boulogne Metropolitans 92 e Derek Needham di Bursaspor.


 

 

7DAYS EUROCUP MVP: MAM JAITEH

tratto da www.virtus.it - 09/05/2022

 

Euroleague Basketball è lieta di annunciare che Mam Jaiteh è stato votato come MVP della 7DAYS EuroCup per la stagione 2021-22.

I tifosi, i media, gli allenatori e i capitani delle squadre hanno partecipato alla votazione della squadra All-EuroCup da cui è stato scelto l’MVP.

Jaiteh è sia il primo giocatore francese che il primo giocatore di una squadra italiana a vincere il premio di MVP dell’EuroCup.


 

 

JAITEH: “VOGLIO CERCARE DI ESSERE DOMINANTE, ED E’ BELLO ESSERE APPREZZATI DAI GRANDI GIOCATORI CHE CI SONO IN VIRTUS”

tratto da bolognabasket.it - 19/05/2022

 

Mam Jaiteh è stato intervistato dalla testata francese BeBasket

“Il mio obiettivo era raggiungere un club di questo tipo. Il progetto mi andava bene perchè sono in una fase ambiziosa, cerco di andare il più avanti possibile così come la Virtus. Hanno costruito una squadra come se fossimo in Eurolega, e l’obiettivo della stagione era diventarlo davvero. Essere titolare in una delle grandi d’Europa era qualcosa che volevo, ma questo non mi cambia visto che tutto a questo livello può cambiare velocemente; ora si deve cercare di eccellere e di fare il meglio con quello che abbiamo, in una squadra di grandi giocatori è ancora più gratificante sentirsi apprezzato e avere fiducia dai compagni come dall’allenatore. Avere la fiducia di gente come Teodosic, Belinelli e Shengelia è ancora più positivo, e sono felice di vedere il modo in cui la Virtus conti su di me.”

“Il futuro? Vorrei essere dominante, e non lo dico per sembrare orgoglioso o superbo, ma come un obiettivo: come posso fare per dare il meglio quando sono sul campo? Quando sei un grande team hai minuti limitati, e tanta concorrenza, per cui devi essere efficace nel tempo che ti viene dato. E questa per me è stata una grande sfida, prima giocavo 30′ e ora sapevo già che sarebbe stato diverso. Serve andare in campo e fare bene in modo rapido, e adattarsi alla situazione.”

“L’NBA? Non essere stato scelto è stato un brutto schiaffo, forse nel 2015 ho sbagliato a non accettare di tornare in Europa subito dopo il draft, mentre io volevo fare parte di una squadra e me ne bastava una che contasse su di me. Ma fino a quando giocherò non chiuderò mai quella porta”