STAGIONE 1964/65

 

Rossi, Alesini, Borghetti, M. Nanetti, Calebotta, Pasquini

Ciamaroni, Zuccheri, Tesoro, G. Dondi Dall'Orologio, Cesaroni

(foto scattata nell'amichevole di Fidenza dell'ottobre 1964 - collezione Paolo Gandolfi)

 

Knorr  Bologna

Serie A: 3a classificata su 12 squadre (15-22)

 

FORMAZIONE
Antonio Calebotta (cap.)
Mario Alesini
Justo Bonetto
Giorgio Borghetti
Augusto Giomo
Gianfranco Lombardi
Corrado Pellanera
Santo Rossi
Franco Tesoro
Ettore Zuccheri
Ris.: Giorgio Bonaga, Giovanni Dondi Dall'Orologio, Enrico Ferrari, Lamberto Locchi, Roberto Montanari Pancaldi, Mario Nanetti
Solo amichevoli: Angelo Baldassarri, Lucio Marco Ciamaroni, Roberto Gnudi, Augusto Labanti, Cesaroni
 
Allenatore: Mario Alesini

 

Partite della stagione

Statistiche individuali della stagione

Giovanili

Tratto da "Virtus - Cinquant'anni di basket" di Tullio Lauro

 

Anche nel 1965 lo scudetto deve percorrere i pochi chilometri di autostrada che dividono Varese da Milano per tornare alla squadra di Rubini, dove nel frattempo ha esordito il 2 metri e 8 Masini. La Knorr finisce al 3° posto, dietro alla coppia lombarda ma staccata di 6 punti dai campioni d'Italia. Le sconfitte saranno 7 a fronte di 15 vittorie. I punti segnati 1680 (64,6 di media) e 1493 quelli subiti (57,4 di media). Dado Lombardi deve abdicare dalla poltrona di capocannoniere a favore di un altro grande di quegli anni: Paolo Vittori, finendo al terzo posto con 448 punti segnati (17,2 di media).

 

Tratto da "100MILA CANESTRI - Storia statistica della Virtus Pallacanestro" di Renato Lemmi Gigli

 

Stavolta due sconfitte nelle prime tre partite compromettono in partenza le chances virtussine nei confronti delle altre due big che non perdono un colpo. Terzo posto dunque senza grandi sussulti. Terzo anche Lombardi tra i cannonieri dopo essere stato brillante olimpionico a Tokyo (con Giomo e Pellanera) e prima di andare a cogliere (ancora con Pellanera) un bel 4° posto azzurro agli Europei di Mosca.

 

 

Calebotta proiettato a canestro nell'amichevole di Fidenza (foto fornita da Paolo Gandolfi)

KNORR BOLOGNA 118 - FULGOR FIDENZA 52

di A. P. - La Gazzetta di Parma - 10 ottobre 1964

 

Sconfitti ma con onore. Questa, in sintesi, la partita che la Fulgor Fidenza ha disputato contro la forte Knorr Bologna, davanti ad un pubblico numerosissimo per uno spettacolo d'eccezione. Infatti nella squadra bolognese erano presenti nomi famosi della pallacanestro italiana, quali l'anziano ma sempre valido Alesini novantasette volte nazionale, Calebotta, il grande escluso di Tokio, e altri, che hanno riscosso calorosi applausi dal pubblico fidentino.

Fulgor Fidenza*: Lavelli 4, Aimi, Bassi 16, Nerncini 17, Dalla Turca 4, Perseghella, Zilioli 9.

Knorr Bologna: Nanetti 9, Dondi, Cesaroni 4, Zuccheri 18, Rossi 20, Alesini 16, Borghetti 23, Calebotta 16, Ciamaroni, Tesoro 12.

Arbitri: Bocchi e Albini di Parma.

*Mancano due punti nei punteggi individuali.

NANETTI FIRMA ALL'ULTIMO SECONDO LA VITTORIA NELL'AMICHEVOLE CONTRO LA REYER

di Sandro Scabello - da un quotidiano dell'epoca

 

Con un "piazzato" azzeccato all'ultimo istante da Nanetti, la Knorr è riuscita a raddrizzare in extremis le sorti di un incontro che l'ha vista per un lungo tratto in stato di evidente e sorprendente inferiorità di fronte a una Reyer puntigliosa e garibaldina.

Le assenze dei militari Lombardi, Zuccheri e Pellanera giustificano solo in parte la opaca prestazione fornita dal quintetto petroniano che nutre ambizioni da scudetto. Se Nanetti (solo due punti in quella gara) non avesse imbroccato quel tiro impossibile dall'angolo proprio mentre stava scadendo il tempo regolamentare, si sarebbero disputati i tempi supplementari ed è probabile che la Knorr, con Giomo e Calebotta in panchina dopo l'uscita per limite di falli, avrebbe finito per soccombere.

L'entusiasmante esibizione della Reyer ha sorpreso un po' tutti, a cominciare dai tifosi bolognesi che, vista la loro squadra in ginocchio, hanno provato a sfogare il loro malumore contro l'ex Fiorini, uno dei migliori in campo.

La Reyer ha disputato una gara magistrale in difesa. La rigida difesa ad uomo messa in opera dai granata ha bloccato sul nascere le iniziative dei bolognesi che solo nella ripresa sono riusciti ad "entrare" con convinzione. All'attacco, pur muovendosi con brio e velocità, i granata non sono riusciti ad aprire dei varchi nella retroguardia felsinea. Fortunatamente quasi tutti si sono dimostrati...chiudendo in vantaggio il primo tempo (31-35).

In questa prima parte della gara si sono distinti su tutti Fiorini e Vincenti. Il primo si è battuto con una grinta e una volontà ammirevoli. Ha recuperato delle palle impossibili all'attacco dando il là a tutti i contropiedi granata.

Il secondo è stato un gigante in difesa. Ha conquistato numerosi rimbalzi inserendosi inoltre con tempestività e bravura nelle proiezioni offensive della squadra. Preziosissimo è risultato l'apporto di Cedolini.

Giorgio ha tenuto costantemente impegnate le sue guardie del corpo che per fermarlo hanno dovuto ricorrere sovente alle maniere brusche accumulando in tal modo falli su falli.

Ha sbagliato un solo "personale" e ciò testimonia la lucidità e la freddezza con cui ha agito in fase conclusiva, doti, queste, che sono state sottolineate con commenti entusiastici dagli appassionati presenti.

Nella ripresa la Knorr, punta sul vivo, ha ridotto in breve il distacco. All'8', comunque, la Reyer conduceva ancora 48 a 44.

Per gli ex virtussini, a questo punto, si profilava l'ombra di un clamoroso rovescio.

La Reyer, tuttavia, sempre forte e registrata in difesa, non riusciva a concretare sotto le sue elaborate trame offensive. Sul 61 a 61 i granata hanno avuto la possibilità di distanziare per l'ennesima volta gli avversari. De Stefani, purtroppo falliva i due "personali" a sua disposizione rinfocolando così le speranze dei bolognesi.

...

 

 

Knorr - Reyer              65-63 (31-35)

Knorr: Dondi, Giomo 10, Nanetti 2, Rossi 2, Alesini 9, Borghetti 17, Calebotta 9, Bonetto 16, Tesoro, Montanari.

Reyer: Cedolini 14, Albonico 2, Vincenti 13, Fiorini 14, Vaccher 3, Bottan 5, De Stefani 2, Lessana 6, Toso 2, Besa 2, Ferro, Guadagnino.

Note. Usciti per cinque falli: Giomo, Calebotta, Rossi, Fiorini e De Stefani.

Tiri liberi: Reyer realizzati 21 su 32; Knorr 19 su 32.

Arbitri: Righi e Montalbini.