VINCE HUNTER

(Vincent Shamar Hunter)

Hunter nel giorno della presentazione (foto tratta da www.virtus.it)

nato a: Detroit, Michigan (USA)

il: 05/08/1994

altezza: 203

ruolo: ala

numero di maglia: 32

Stagioni alla Virtus: 2019/20

statistiche individuali del sito di Legabasket

biografia su wikipedia

PRESENTAZIONE VINCE HUNTER

tratto da www.virtus.it - 14/08/2019

 

Bologna, 14 agosto – Oggi pomeriggio, a Casa Virtus Alfasigma, è stato presentato Vince Hunter, nuovo acquisto di Virtus Segafredo.

Il giocatore statunitense ha risposto alle domande dei giornalisti e alle curiosità dei tifosi presenti in sala stampa.

Di seguito un breve estratto della presentazione:

“Sono molto contento di essere qui, non vedo l’ora di iniziare questa nuova avventura. Voglio vivere la città e vivere il calore e l’affetto dei tifosi” – esordisce Hunter.
C’è anche spazio per un piccolo aneddoto che vede coinvolti Hunter e Coach Djordjevic: – “A maggio ad Anversa, dopo la premiazione (Best Top Scorer Basketball Champions League 2019, ndr), ho incontrato il Coach in ascensore, e mi ha detto che ci saremmo visti l’anno prossimo, ora sono qui e sono pronto a mettermi a disposizione della squadra.  Sono il più giovane tra i giocatori stranieri e ho la fortuna di avere intorno a me compagni con grande esperienza, che potranno sicuramente aiutarmi a migliorare. Le statistiche individuali non mi interessano – prosegue Vince – le partite si vincono solo se la squadra è unita”.

Terminate le domande dei giornalisti, alcuni tifosi presenti in sala stampa hanno chiesto al nuovo acquisto le sue sensazioni riguardanti il derby: “Nella mia carriera ho già giocato dei derby  –  riferendosi al derby  greco contro l’ Olympiakos, ai tempi del Panathinaikos – ma questo è più importante. Durante le partite dò sempre il massimo, ma per il derby sono pronto a dare tutto, perché la città deve essere nostra.”

 

Hunter vola a canestro contro Udine nella finalina del torneo di Lignano Sabbiadoro (foto tratta da www.virtus.it)

H

TALKING ABOUT... VINCE HUNTER!

tratto da www.virtus.it - 28/11/2019

 

Quando è nata la tua passione per il basket?

“Penso che la passione per il basket sia nata nel tempo, guardando tutte le partite di mio fratello. Era lui il motivo per cui volevo giocare”.

Se non fossi stato uno sportivo, cosa avresti fatto?

“Sto ancora cercando di capire ciò che sarà la vita dopo il basket, non ne ho la minima idea”.

Le caratteristiche fondamentali di un grande giocatore di basket?

“Una grande voglia di lavorare e la passione”.

Il momento più significativo della tua carriera?

“Vincere 4 coppe in Europa. Vincere è tutto”.

Cosa consiglieresti a chi vuole seguire le tue orme?

“Tutto è possibile, se si ha un atteggiamento positivo e si è disposti a lavorare sodo”.

La colonna sonora ideale per darti la carica prima di una partita?

“Non so se ho una colonna sonora preferita, ma prima della partita ascolto molta musica di Detroit. Le stesse persone da dove vengo, credo che mi dia una grande ispirazione”.

Il tuo giocatore preferito?
“Kobe Bryant”

 

LA STAGIONE DI VINCE HUNTER

tratto da  www.virtus.it -13/05/2020

 

Vince Hunter: “Coach Djordjevic ha avuto un grande ruolo nel portarmi qui. Ci siamo incontrati in ascensore ad Anversa durante le premiazioni per la stagione europea e mi ha detto ci vediamo a Bologna”.

A completare il reparto dei lunghi nella stagione 19/20, Coach Djordjevic si affida ad una sua “vecchia” conoscenza, “vecchia” per modo di dire, dato che il ragazzo in questione è nato il 5 agosto del 1994. Vince Hunter, atletismo e fisicità, ha dimostrato di poter dire la sua sia a livello realizzativo che in difesa. Un talento il suo, con il quale il coach serbo ha dedicato le giuste attenzione, talvolta utilizzando più bastone che carota.
L’asse Teodosic – Hunter o Markovic – Hunter si è dimostrata letale per gli avversari, sugli assist del duo serbo l’ala americana ha prodotto giocate e gesti tecnici di altissima scuola.

Nella seconda giornata di Campionato, in trasferta contro Pistoia, Vince fa registrare più punti che minuti giocati, parte dalla panchina e si rivela un’arma tattica pregiata per la Virtus; gioca 15′ segnando 10/13 da due, 2/3 ai liberi, 3 rimbalzi ed un recupero. In relazione al minutaggio si dimostra il più continua e il più produttivo dei suoi. Sempre in Campionato, questa volta contro Trieste, il lungo bianconero contribuisce in maniera importante alla vittoria di Bologna, offrendo il suo contributo sostanzioso alla causa, con 6/6 da due, 4/6 ai liberi, 6 rimbalzi, 3 recuperi e 2 assist. 

Anche in EuroCup la Virtus decolla grazie ai suoi canestri. Il debutto in trasferta ad Ulm è poderoso, davanti ai chili e ai centimetri di Hunter e di tutti gli altri avversari, la squadra tedesca non riesce ad impostare il suo gioco. Il lungo statunitense gioca un ultimo quarto da incorniciare, in 20′ 8/12 da due, 0/1 da tre, 1/2 ai liberi e confeziona 2 assist. Inoltre, impreziosisce la gara con alcune stoppate difensive, facendosi trovare sempre pronto in mezzo all’area.

Nelle partite di cartello, con il palazzetto pieno, Vince si carica, sembra che non aspetti altro di ricevere il pallone nel pitturato, schiacciare a canestro e sentire le ovazioni dei tifosi. E’ quanto successo nel derby e poi con Milano, nell’ultima partita dell’anno, davanti a 9.000 persone, nel teatro della Segafredo Arena. Una prestazione importante la sua dal punto di vista offensivo, condita da una buona reattività a rimbalzo, alla fine saranno 19 punti segnati, 6 rimbalzi e 23 di valutazione.

 

LBA: 18.2 minuti, 12.6 punti, 5.3 rimbalzi.

EuroCup: 16 minuti, 8.6 punti, 4.3 rimbalzi.