STAGIONE 2021/22


 
Resta, Pasa, Ciavarella, Tava, Zandalasini, Cinili, Laterza, Hines-Allen - Dojkic, Barberis, Sartorio
Battisodo, Zanca, Gianolla, Lardo, Losi, G. Campanella, Tassinari

 

 

Segafredo Bologna

Serie A:

Play-off:

Coppa Italia:

Eurocup:



N.
nome ruolo anno cm naz note
2 Myisha Hines-Allen A 1995 185 USA  
6 Francesca Pasa P 2000 172 ITA  
7 Elisabetta Tassinari G 1994 172 ITA Capitano
9 Giulia Ciavarella A 1997 183 ITA  
11 Alessandra Tava A/C 1991 183 ITA  
12 Margherita Migani C 2004 191 ITA  
15 Beatrice Barberis A 1995 180 ITA  
17 Maria Laterza C 1989 191 USA/ITA  
18 Ivana Dojkic G 1997 180 CRO  
19 Margherita Curti G 2003 172 ITA  
20 Valeria Battisodo P 1988 174 ITA  
21 Brianna Turner A 1996 191 USA  
22 Giulia Bassi A 2003   ITA  
24 Cecilia Zandalasini A 1996 189 ITA  
46 Sabrina Cinili A 1989 191 ITA  
Solo amichevoli: Flavia Parrinello
 
  Lino Lardo All     ITA  
   Angela Gianolla  Ass     ITA  
  Jordan Losi Ass     ITA  
  Giacomo Campanella Ass     ITA  

 

Partite della stagione

Statistiche di squadra

Statistiche individuali della stagione

Giovanili

 

LA VIRTUS FEMMINILE RINNOVA BARBERIS, BATTISODO E TASSINARI

tratto da www.virtus.it - 26/05/2021

 

Virtus Segafredo Bologna comunica il rinnovo contrattuale di Beatrice Barberis, Valeria Battisodo ed Elisabetta Tassinari.

8 punti di media e 4.3 rimbalzi a partita per Beatrice Barberis nella stagione appena conclusa, con 18 punti nella sua miglior partita contro Lucca. Importante anche il suo contributo nei playoff, dove ha alzato notevolmente il livello delle sue prestazioni soprattutto nei quarti di fiale contro Sesto San Giovanni. Queste le parole dell’ala bianconera: “Ringrazio prima di tutto la Società per la fiducia dimostrata nei miei confronti e per darmi l’opportunità di far parte di una squadra che oltre a competere per vincere, parteciperà all’Eurocup. L’anno scorso abbiamo disputato un’ottima annata e quest’anno vogliamo alzare ancora l’asticella. Sono orgogliosa ed entusiasta di far parte di questo progetto.  Non vedo l’ora di ricominciare.”


Esperienza e regia oculata per Valeria Battisodo che ha chiuso la stagione 20/21 con 6.8 punti e 3.5 assist a gara. A lungo tra le migliori giocatrici del campionato alla voce assist, Battisodo ha guidato la Segafredo fino alla semifinale scudetto. Queste le parole della playmaker bianconera: “Sono molto contenta e orgogliosa di far parte per un altro anno di questa storico Club, in cui ho trovato persone e dirigenti professionali e appassionati. Lo scorso anno importante in termini di risultati e personalmente mi sono trovata benissimo con il gruppo storico di italiane che mi ha accolto dal primo giorno facendomi subito sentire una di loro. Tutto ciò sarà fondamentale anche il prossimo anno coi nuovi innesti per il raggiungimento degli  ambiziosi obiettivi che Virtus Segafredo Bologna si è prefissata di raggiungere. Per me sarà molto stimolante tornare a lottare per lo scudetto e giocare una competizione cosi importante come l’Eurocup. Non vedo l’ora di iniziare e dare il mio contributo.”


Terza stagione in bianconero per il capitano Elisabetta Tassinari che ha chiuso il campionato con 6.3 punti di media a partita. Queste le parole della guardia bianconera: “È un rinnovo che mi rende felice ed orgogliosa. Più di ogni altra cosa, mi preme ringraziare il dottor Zanetti ed il Club per l’opportunità che, ancora una volta, mi è stata data. Giocare in una squadra così ambiziosa sarà uno stimolo ed una responsabilità. Non vedo l’ora di iniziare e di ritrovare la Segafredo Arena piena dei nostri tifosi.”

GRANDI ARRIVI PER LA FEMMINILE

di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 28/05/2021

 

In una stagione in cui la squadra maschile torna a vincere gare di playoff, le ultime tre erano state con Lino Lardo in panchina nel 2010 e 2011, e nella quale le ragazze hanno raggiunto per la prima volta i playoff e anche superato i quarti di finale, la proprietà riannoda i fili della storia bianconera, portando sulla panchina della Segafredo femminile proprio Lardo, allenatore anche della nazionale femminile. Non è però l'unica mossa di questo prima fase di trattative: arriva, infatti, a Bologna anche Cecilia Zandalasini, la più forte giocatrice italiana con un curriculum impressionante, in cui spiccano tre scudetti, quattro Coppe Italia e quattro Supercoppe con Schio, un campionato WNBA e un titolo turco con il Fenerbahce. Per lei anche 56 presenze nella nazionale azzurra con 562 punti all'attivo. Chiara l'intenzione del patron Zanetti di portare la Virtus femminile ai massimi livelli, come già sta facendo con la squadra maschile, attraverso un processo di crescita che passa anche dall'arrivo di grandi nomi. A livello mediatico Cecilia è per il mondo della pallacanestro femminile, un'operazione paragonabile a quelle che hanno portato in bianconero Teodosic e riportato alla Virtus Belinelli. Assistente di Lino Lardo e responsabile dell'area tecnica sarà Angela Gianolla che, dopo una carriera ricca di successi in varie squadre italiane, ha iniziato da un paio di stagioni l'esperienza di allenatrice. Solo una prima serie di arrivi per una squadra che nella prossima stagione dovrà affrontare anche l'Eurocup, sbarcando per la prima volta in Europa, e che in campionato mira apertamente a raggiungere la finale scudetto, per accedere alla successiva Eurolega, a cui avranno appunto diritto le due finaliste. Un altro arrivo importante: l'esperta ala romana Sabrina Cinili, da tanti anni protagonista sui campi italiani e non solo, con anche recenti successi: le Coppe Italia del 2019 con Ragusa e, freschissima, nel 2021 con Schio, poi la Supercoppa del 2019 sempre con la squadra veneta. Tante anche le presenze in nazionale, con 105 presenze e 437 punti segnati.

CONTINUANO GLI ARRIVI ALLA VIRTUS FEMMINILE, MA ANCHE CONFERME

di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 04/06/2021

 

Dopo le presentazioni delle novità in casa Virtus femminile della scorsa settimana (l'allenatore Lino Lardo, la responsabile del settore tecnico nonché assistente Angela Gianolla e le giocatrici Cecilia Zandalasini e Sabrina Cinili) sono continuati i grandi arrivi. In ordine di tempo, la ventunenne Francesca Pasa, play guardia già messasi notevolmente in luce a San Martino di Lupari. Proprio contro la Virtus, nella stagione appena conclusa, la migliore prestazione di Francesca, con 19 punti, 3 rimbalzi e 7 assist. Poi la guardia croata Ivana Dojkić, che dopo le prime esperienze in patria ha giocato e vinto campionati e coppe nazionali in Slovenia. Trasferitasi a Mosca ha fatto le prime esperienze in Eurocup, poi ripetute dopo il trasferimento in Ungheria. Nell0ultima stagione ha giocato nel campionato della Repubblica Ceca ed è arrivato anche l'esordio in Euroleague. Punto di forza anche della nazionale croata che ha guidato nelle qualificazioni a EuroBasket 2021, ha guidato la Croazia a uno storico approdo chiudendo con 26 punti di media e 6 assist in 5 partite. L'ala americana Myisha Hines-Allen Con la canotta dei Washington Mystics, che l'hanno scelta nel 2018, ha vinto l’anello WNBA nel 2019; nel 2020 è stata inserita nel secondo miglior quintetto della WNBA dopo aver chiuso la stagione con 17 punti e 9 rimbalzi di media a partita (quinta miglior rimbalzista della stagione). Il suo career-high personale è arrivato contro Dallas con 35 punti segnati, mentre, complessivamente, la giocatrice statunitense ha avuto due partite con più di 30 punti segnati e sette gare con almeno 20 punti. Nella scorsa stagione, durante la offseason americana, ha vestito la canotta del Basket Lattes Montpellier chiudendo con 16.6 punti e 9.5 rimbalzi di media nel campionato francese. L'ala forte Brianna Turner al WNBA draft del 2019 è stata selezionata al primo round da Atlanta Dream, per poi passare ai Phoenix Mercury. Alla sua prima stagione da professionista è stata inserita nel miglior quintetto rookie della WNBA, dopo aver giocato 12 partite con almeno 10 punti segnati e 12 gare con oltre 10 rimbalzi. Nel 2020 la texana è stata inserita nel miglior quintetto difensivo della WNBA dopo le 43 stoppate totali in tutta la stagione (2 di media a partita). Nel 2019 Turner ha vestito la canotta di Adelaide Lighting nel campionato australiano durante la offseason americana, chiudendo la stagione con 16.8 punti e 10.7 rimbalzi di media, con 2.4 stoppate. Nella scorsa stagione, invece, ha giocato nel campionato russo con il Nika Syktyvkar e ha chiuso la stagione con 13.8 punti di media e 12.4 rimbalzi a partita. Non ci sono stati, però, soltanto arrivi, la Segafredo ha anche confermato Valeria Battisodo, Beatrice Barberis ed Elisabetta Tassinari, ormai unica superstite di un gruppo storico che, anche in questo momento di svolta verso ambizioni sempre maggiori, amiamo sempre ricordare. Bb7, nobile bandiera e meravigliosa capitana della Virtus in queste due stagioni, dalla prossima sarà anche un significativo trait d'union tra il passato, il presente e il futuro delle V nere al femminile.

 


 

TUTTO VIRTUS

Gli aggiornamenti estivi sulla Virtus maschile e femminile
di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 25/06/2021

 

Partito Djordjevic, la Virtus affida il comando tecnico della squadra a Sergio Scariolo, che sarebbe già stato allenatore delle V nere nel 2003 se non ci fosse stata la cancellazione dell'affiliazione. Ricco il palmares del neo allenatore bianconero: con squadre di club un titolo in Italia e due in Spagna, dove ha vinto anche due coppe nazionali, poi il titolo Nba come vice a Toronto. Con la Nazionale spagnola, guidata in due differenti periodi, uno dei quali ancora in corso, un argento e un bronzo alle Olimpiadi, un oro ai mondiali, tre ori e un bronzo agli europei. Tuttora è campione mondiale in carica come allenatore della Spagna.

Queste le prime parole di Scariolo alla presentazione: "Complimenti alla società, alla squadra, a Sasha, allo staff per lo scudetto vinto. Ora c'è da consolidare la società a livello europeo. Metto a disposizione della società la mia esperienza. Darò il 100% di me stesso e aiuterò tutti a dare il 100%. Il tutto con equilibrio, nessuno stress se si perdono due partite, non dobbiamo pensare di essere i migliori di tutti se vinciamo due partite".

Nuovo arrivo nella Virtus femminile: Giulia Ciavarella, ala di 183 cm, del 1997. Giocatrice della nazionale maggiore, dopo avere fatto tutta la trafila delle nazionali giovanili, e anche di quella 3 vs 3, che recentemente ha raggiunto la qualificazione alle Olimpiadi di Tokio. Inizia la sua carriera alla Smith Roma Centro di Pomezia, poi le Stelle Marine di Ostia, con il San Raffaele Roma e l’Ahtena Roma. La sua prima squadra a livello professionistico è la Viterbo Ant con la quale disputa il campionato di A2 per due stagioni, dal 2015 al 2017. Sul finire della stagione 2016/2017 vince lo scudetto under 20 con la maglia di Battipaglia. Nell’estate del 2017 il trasferimento a Campobasso, sempre nel campionato di A2. Nella stagione 2019/2020 il salto in Serie A, dove per due stagioni veste la maglia di San Martino di Lupari. 

La nazionale femminile, guidata dal coach della Virtus Lardo, al Campionato Europeo in Spagna ha aperto contro la Serbia. Occasione persa. L'Italia aveva preso faticosamente un più dieci a 4'30" e vinceva ancora di quattro punti a 38" ma lì Zandalasini (18 punti, 4 su 9 da due, 2 su 11 da tre e 4 su 6 ai liberi) ha fallito due liberi e le serbe hanno rimontato. Era partita in quintetto anche Cinili, ma zero punti in 12', con un errore nel tiro da due punti e uno in quello da tre. Poi per Sabrina molta panchina. Vittoria serba per 86-81. Nella seconda gara netta vittoria contro Montenegro per 77-61, con 11 punti di Zandalasini (0 su 1 da tre, 4 su 7 da due e 3 su 3 ai liberi) e 6 di Cinili (2 su 2 da tre punti e 0 su 2 da due). Dopo un giorno di riposo, le azzurre battono la Grecia 77-67, dopo una gara controllata senza troppe difficoltà fino a ultimo quarto già iniziato, dopo che a inizio terzo periodo il vantaggio era stato anche di 21 punti. Poi con un parziale di 3-18 la Grecia addirittura superava l'Italia, 63-64. Immediata reazione della squadra italiana, con un 14-3 che portava al risultato finale. Per Zandalasini 11 punti (2 su 3 nelle triple, ma 2 su 9 da due, 1 su 2 in lunetta), alcuni dei quali nel break finale, per Cinili 3 punti, 1 su 1 da due punti e ai liberi, più tre errori nel tiro da lontano. Italia seconda nel girone e costretta allo spareggio contro una delle terze, l'incompleta Svezia, guidata dall'ex allenatore azzurro Crespi: non bastano i 19 punti di Zandalasini (8 su 12 da due, 0 su 3 da lontano e 3 su 4 in lunetta), le italiane sono sempre costrette a inseguire e perdono 64-46. Per Cinili 2 punti e 3 assist. Termina così l'Europeo dell'Italia.

Dopo quasi due anni di attesa, è tornato, il “39° Lavoropiù Walter Bussolari Playground” ai Giardini Margherita di Bologna. La gara che ha inaugurato il torneo, però, faceva parte del “4° Trofeo Emil Banca Pink” e ha visto di fronte le ragazze del CSI Sasso Marconi e quelle del Monte San Pietro, nel primo match valido per il girone A. A tinte rosa anche la seconda sfida di serata: il derby, tra Matteiplast, partita con i favori del pronostico, presentando nel roster alcune giocatrici di Serie A, e BSL San Lazzaro, entrambe impegnate nel girone B, assieme alle modenesi del Finale Emilia. La Matteiplast ha vinto  46-32 con MVP del match Giulia Ciavarella neo acquisto della Virtus.

 

 


 

QUELLA BELLISSIMA DOZZINA

di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 30/07/2021
 

Novità anche in casa Virtus femminile: arriva il centro Maria Laterza, nata a New York nel 1989, una vasta esperienza alle spalle sia in Italia, sia negli Stati Uniti, con ventidue presenze anche nella nazionale azzurra. Un nuovo arrivo, ma anche una conferma: è stato infetti rinnovato il contratto ad Alessandra Tava, che con Elisabetta Tassinari rappresenterà la linea di continuità con le origini della V nera femminile. E con Beatrice Barberis e Valeria Battisodo formano il poker di conferme dopo il brillante campionato scorso che ha visto la Virtus Segafredo approdare alle semifinali playoff. Con le nuove arrivate Myisha Hines-Allen, Ivana Dojkic, Brianna Turner, Sabrina Cinili, Cinzia Zandalasini, Maria Laterza, Francesca Pasa e Giulia Ciavarella, la Virtus presenta una dozzina bianconera che aspira a fare molto bene sia nel campionato italiano che in Eurocup.

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA FEMMINILE UFFICIALMENTE AMMESSA AD EUROCUP WOMEN 2021/2022

tratto da www.virtus.it - 22/07/2021

 

Un totale di 57 squadre si sono registrate per la stagione 2021/2022, e il numero sale a 61 con le formazioni che si uniranno alla competizione al termine delle qualificazioni di EuroLeague Women.

48 formazioni giocheranno la Regular Season, divise in quattro gruppi da 12 club ciascuno. 35 sono già qualificate per la fase della stagione regolare (18 in Conference 1 e 17 nella Conference 2), 26 squadre giocheranno i Qualifiers per stabilire le restanti partecipanti. All’interno delle qualificazioni sono state determinate tredici teste di serie, che non potranno affrontarsi tra loro nello spareggio che assegnerà il posto nelle Conference.

Le Conference seguiranno il concetto della prossimità geografica ma molto dipenderà dal numero di team registrati per ogni paese. Ecco la loro composizione:

Conference 1 (18 squadre già qualificate)
Perdente EuroLeague Women  Qualifiers Conference 1 – seconda classificata
Perdente EuroLeague Women  Qualifiers Conference 1 – terza classificata
Nika Syktyvkar (RUS)
BC Nadezhda Orenburg (RUS)
WBC Enisey Krasnoyarsk (RUS)
Nesibe Aydin (TUR)
OGM Ormanspor (TUR)
CBK Mersin Yesisehir Bld (TUR)
Uni Gyor (HUN)
Aluinvent DVTK Miskolc (HUN)
MKS Polkowice (POL)
KS AZS AJP Gorzow Wlkp. (POL)
Panathinaikos (GRE)
Olympiacos SFP (GRE)
Neve David Ramla (ISR)
BC Horizont Minsk Region (BLR)
BC Prometey (UKR)
KKZ Crvena Zvezda (SRB)

 

Queste le dodici squadre che si giocheranno i rimanenti posti nei Qualifiers:

Sparta&K Moscow Region Vidnoje (RUS) – testa di serie
Hatay BSB (TUR) – testa di serie
Birevim Elazig Il Ozel Idare (TUR) – testa di serie
Ludovika-FCSM Csata Budapest (HUN)
PEAC Pecs (HUN) – testa di serie
KS Basket 25 Bydgoszcz (POL) – testa di serie
KU AZS UMCS Lublin (POL)
PAOK (GRE)
Eleftheria Moschatou (GRE)
Niki Lefkadas (GRE)
A3 Basket Umea (SWE) – testa di serie
Elitzur Holon (ISR)

Conference 2 (17 squadre già qualificate)
Perdente EuroLeague Women  Qualifiers Conference 2 – seconda classificata
Perdente EuroLeague Women  Qualifiers Conference 2 – terza classificata
LDLC Asvel Feminin (FRA)
Villeneuve D’Ascq ESB (FRA)
Roche Vendee BC (FRA)
Lointek Gernika Bizkaia (ESP)
Estudiantes Madrid (ESP)
Clarinos De La Laguna (ESP)
BK Zabiny Brno (CZE)
KP Brno (CZE)
Virtus Segafredo Bologna (ITA)
Basket Namur Capitale (BEL)
Royal Castors Braine (BEL)
Kangoeroes Basket Mechelen (BEL)
BCF Elfic Fribourg (SUI)
Rutronik Stars Keltern (GER)
MBK Ruzomberok (SVK)

Le 14 squadre che giocheranno i Qualifiers:
Flammes Carolo Basket (FRA) – testa di serie
Tarbes Gespe Bigorre (FRA) – testa di serie
Ensino Lugo (ESP) – testa di serie
CB Islas Canarias (ESP) – testa di serie
La Molisana Magnolia Campobasso (ITA)
Banco di Sardegna Dinamo Sassari (ITA)
VOO Liege Basket (BEL) – testa di serie
Kortrijk Spurs (BEL)
Piestanske Cajky (SVK)
Clube Uniao Sportiva (POR) – testa di serie
BBC Grengewald Hueschtert (LUX) – testa di serie
London Lions (GBR)
Haukar (ISL)
Ulriken Eagles (NOR)

Il sorteggio per entrambe le competizioni si terrà a Freising (Germania) giovedì 19 agosto. 


 

È INIZIATA LA STAGIONE DELLA VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA FEMMINILE!

tratto da www.virtus.it - 19/08/2021

 

È iniziata ufficialmente oggi la stagione 2021-2022 della Virtus Segafredo Bologna femminile che, dopo i test fisici e atletici individuali in mattinata, oggi pomeriggio ha svolto il primo allenamento agli ordini di coach Lino Lardo nella palestra Porelli.

Prima sgambata e primi palleggi per le ragazze bianconere che in serata si riuniranno insieme allo staff, in forma privata, presso il Savoia Hotel Regency.


 

I NUMERI DI MAGLIA DELLA VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA FEMMINILE PER LA STAGIONE 2021-2022

tratto da www.virtus.it - 26/08/2021

 

Svelati i numeri di maglia della Virtus Segafredo Bologna femminile per la stagione 2021-2022 che vedrà la squadra bianconera disputare il campionato di Lega Basket Femminile e la FIBA EuroCup Women. 

Tutti confermati i numeri delle giocatrici che già dalla passata stagione hanno indossato la canotta bianconera.
Le novità riguardano, ovviamente, le nuove arrivate. Numero 2 e numero 21 per Myisha Hines-Allen e Brianna Turner, stessi numeri che abitualmente utilizzano in WNBA. 46 per Sabrina Cinili, perché il 23 è il numero della fortuna e moltiplicato per 2 dà il 46, “doppia fortuna”. Numero storico per Cecilia Zandalasini, il 24, “il numero di Kobe Bryant, ce l’ho da quando ero piccola e mi ci sono affezionata”. Ivana Dojkic ha scelto il 18, anche se il suo numero “abituale” era l’8: l’1 davanti all’8 ha tante ragioni, la croata aveva 18 anni la prima volta che lo ha indossato.

Giulia Ciavarella ha scelto il 9 legato al suo segno zodiacale, i pesci e inoltre tra lei e sua sorella ci sono 9 anni di differenza, con nel mezzo anche un altro fratello. Nessuna motivazione particolare, invece, per il numero 6 scelto da Francesca Pasa. Il numero 21, in onore di Tim Duncan, era il numero al college di Maria Laterza: al suo arrivo in Italia, però, l’unico numero disponibile era il 17 e“ora sono molto superstiziosa perché ogni anno che ho indossato il 17 è stato un anno vincente.”

 


 

IN ATTESA DELLE PRIME GARE

di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 27/08/2021

 

Con entrambe le formazioni, femminile e maschile, al lavoro, si attendono le prime amichevoli. La squadra guidata da Sergio Scariolo, dopo qualche giorno di lavoro alla Porelli, è partita per una settimana destinazione Folgaria. Formazione al completo, presente anche Nico Mannion, giunto sabato a Bologna. La permanenza nella località trentina sarà l'occasione per conoscersi meglio, dal punto di vista tecnico e umano, in considerazione della presenza di un nuovo staff tecnico (anche se qualcuno è rimasto, ma la struttura è stata ampliata con l'inserimento anche di nuove figure professionali) e pure tra i giocatori quasi la metà sono alla prima esperienza in bianconero. Molte le novità anche in campo femminile: nuova la guida tecnica, ma tantissime le novità anche tra le giocatrici. Della formazione giunta quarta nella stagione passata sono rimaste solo Beatrice Barberis, Valeria Battisodo, entrambe al secondo anno bolognese, e le storiche Alessandra Tava ed Elisabetta Tassinari, presenti fin dall'inizio dell'avventura Virtus femminile, ma che affondano le loro radici in un tempo ancora più lontano, in quella formazione da cui le V nere hanno raccolto l'eredità. Se gli uomini saranno impegnati nelle stesse quattro manifestazioni delle ultime stagioni, Supercoppa, campionato, Eurocup e Coppa Italia, le ragazze affronteranno le stesse manifestazioni, ma per la formazione del nuovo allenatore Lardo, in Supercoppa ed Eurocup si tratterà di un esordio. Naturalmente il debutto europeo è quello più atteso, con la Virtus femminile per la prima volta sulla scena continentale.

SI APETTA LA PRIMA GARA

In attesa del debutto le ragazze dopo l'annullamento dello scrimmage contro Schio

di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 03/09/2021

 

Per le ragazze, invece, lo scrimmage contro Schio in programma nella città veneta il 31 agosto, è stato annullato per indisponibilità della Virtus. Ora c'è molta attesa per il debutto, il 4 settembre a Rovigo contro la Reyer Venezia.

LA VIRTUS DI LARDO SFIORA IL COLPO CONTRO LA REYER E BATTE SAN GIOVANNI VALDARNO

di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 10/09/2021

 

Prima gara per le ragazze allenate da Lino Lardo. Senza la Zandalasini ferma dopo l'operazione, con la Cinili a riposo precauzionale e le americane Allen e Turner in WNBA, in campo a Rovigo contro la Reyer le otto titolari rimaste più Giulia Bassi, la giovane imolese già vista in panchina la stagione passata. Vola via subito la squadra campione d'Italia, 11-2, ma la Segafredo ricuce, 13 pari. Il primo quarto si chiude 24-22. Venezia prova nuovamente a scappare, ma due triple di Ciavarella prima, poi una di Dojkic, poi quella di Pasa tengono la Virtus in gara. A metà gara 41 a 37. Nel terzo periodo le lagunari allungano, 57-49, ma con un parziale di nove punti a zero c'è il sorpasso delle bolognesi, 57-58. Torna avanti la Reyer, ma c'è un nuovo sorpasso delle V nere, 61-62. Di nuovo la squadra campione sembra produrre lo sforzo decisivo, ma Bologna aggancia il supplementare in extremis, 66-66. Senza storia il supplementare, vince la Reyer 80-70. Ecco il tabellino bolognese: Pasa 7, Tassinari 2, Ciavarella 17, Tava 6, Barberis 8, Laterza 6, Dojkic 19, Battisodo 3, Bassi 2.

La formazione femminile della Segafredo, dopo avere sfiorato il successo contro la Reyer, vince la sua prima amichevole, 59 a 68 a San Giovanni Valdarno. Sotto nei primi tre quarti, la Virtus ha espresso le sue qualità migliori nell'ultimo periodo ed è riuscita a prevalere anche con un discreto margine.


 

LA VIRTUS FEMMINILE SI AGGIUDICA LA COPPA STRACCIARI

di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 17/09/2021

 

Nella Coppa Ford Stracciari, a Castenaso contro Broni, la Virtus femminile vince 71 a 69, nonostante le solite quattro assenze, Zandalasini, Cinili, Hines-Allen e Turner (anche le avversarie erano comunque largamente incomplete). Dopo avere avuto un largo vantaggio nella prima parte ed essere stata rimontata, la Virtus è riuscita comunque a prevalere. Migliore realizzatrice Dojkic con 17 punti; in doppia cifra anche Pasa con 11 punti. Molto apprezzati gli assist del capitano Elisabetta Tassinari, autrice anche di 8 punti, gli stessi di Tava, mentre 9 li ha fatti registrare a referto Ciavarella, 7 Barberis, 6 Battisodo e 5 Laterza.

ULTIME AMICHEVOLI FEMMINILI

di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 24/09/2021

 

Con i soliti otto dodicesimi della formazione titolare, più Bassi e Parrinello, la Virtus ha giocato a Schio il 15 settembre, dove avrebbe dovuto giocare uno scrimmage il 31 agosto che fu annullato su richiesta della Virtus. In questa amichevole le ragazze di Lardo partono bene, 0-5, e stanno anche in vantaggio nel primo quarto, però chiuso in vantaggio dalle finaliste dello scorso campionato per 18 a 16. Il divario aumenta all'intervallo, 42 a 33, nonostante una grande Ciavarella. La seconda metà della gara è tutta a favore della squadra di casa che chiude il terzo periodo sul 66 a 51 e vince la gara 87 a 59. Questo il tabellino bianconero:  Pasa 6, Tassinari 13, Ciavarella 19, Tava 2, Parrinello, Barberis, Laterza 2, Dojkic 11, Battisodo 6, Bassi.

A Castel San Pietro la squadra guidata da Lardo affronta l'ultima amichevole prima della Supercoppa. Avversario di turno è Lucca. Punteggio largo, 72-49, e quarti indirizzati fin da subito, 21 a 8 al 10' con una grande Tassinari, 35 a 25 a metà gara, 51 a 34 a fine terzo quarto. Migliore realizzatrice Dojkic con 14 punti, poi Ciavarella e Battisodo 11, Barberis e Pasa 10, Tassinari 7, Tava 5 e Bassi 4. Non hanno segnato Laterza, Parrinello, Curti e non entrata Migani. Erano presenti le quattro ragazze, Bassi, Parrinello, Curti e Migani, che in tutto questo precampionato si sono alternate per sostituire le assenti Zandalasini, Cinili, Hines-Allen e Turner. Notizie dagli Stati Uniti: la squadra di Hines-Allen, Washington Mystics, perdendo a Minnesota, è arrivata al nono posto per classifica avulsa e non è entrata nei playoff, dentro invece come quinta classificata la formazione dei Phoenix Mercury di Brianna Turner.

La prima Virtus ufficiale della stagione 2021/22, la semifinale della Supercoppa a Schio contro Venezia

Zandalasini, Bassi, Battisodo, Curti, Dojkic, Laterza, Barberis, Tava, Tassinari, Pasa

Sullo sfondo le infortunate Cinili e, semicoperta, Ciavarella (foto tratta da www.virtus.it)

MENOMATE, SCONFITTE, MA MAGNIFICHE LE RAGAZZE IN SUPERCOPPA FEMMINILE

di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 01/10/2021

 

A Schio si gioca la Supercoppa femminile, con la formula della Final Four. In semifinale la Virtus, ancora senza Cinili, Hinse-Allen e Turner, con Zandalasini a referto ma non impiegata e il forfait di Ciavarella, affronta Venezia. Dopo un inizio favorevole alle veneziane, la Segafredo passa a condurre 10-11 con Pasa. La Reyer torna avanti 14-11, ma le ragazze di Lardo piazzano un parziale di 0-7, completato da un canestro di Barberis, 14-18. Dojkic firma il più cinque, 15-20, Pasa il più sei di fine primo quarto, 17-23. Nel secondo periodo Venezia si avvicina, 21-24, ma Battisodo piazza subito la tripla, poi segna Laterza, 21-29. La Reyer non ci sta e con un 7-0 arriva a contatto, 28-29. La Virtus fa ancora meglio: due liberi di Pasa e i canestri in successione di Laterza, Tava e ancora Pasa costruiscono uno 0-8 che manda le squadre al riposo sul massimo vantaggio bolognese, 28-37. Sontuosi 20 minuti della Segafredo, contrassegnati dagli undici punti di Pasa e gli undici rimbalzi di Barberis. Il terzo quarto inizia con un 10-0 veneziano che riporta le lagunari avanti, 38-37. reagisce Dojkic, 38-39. Si va avanti a vantaggi alternati ed è Battisodo due volte a firmare quello delle bianconere, poi la Reyer strappa e va sul 48-43, poi sul 50-45. Grande cuore di Battisodo che lima il divario con due liberi, 50-47 al 30'. Si segna poco a inizio ultimo quarto, in tre minuti un 4-1 che porta Venezia 54-48. Tripla di Tava, 54-51, poi il divario oscilla tra i tre e i cinque punti fino al 60-55. Con due triple a seguire, Battisodo e capitan Tassinari, una splendida Virtus torna avanti, 60-61 a 57". Purtroppo Bologna non ne ha più e subisce un 9-0 anche ingeneroso per quanto visto in campo. Finisce 69-61, ma la Virtus femminile merita grandi applausi, per la resistenza opposta con solo sette giocatrici: Battisodo 17 punti, Dojkic 14, Pasa 11 (32 minuti giocati), Barberis 6 (con 14 rimbalzi e 39 minuti in campo), Laterza e Tava 5 (e 31 minuti in campo), Tassinari 3 (30 minuti), ma quel canestro ha fatto sognare. Non entrate Curti, Bassi e Zandalasini.

DEBUTTO VINCENTE

di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 08/10/2021

 

Si inizia nell'opening day di Moncalieri contro San Martino di Lupari, con la Virtus che gioca in casa. Segna Kelley, ma Barberis sorpassa da tre. San martino va avanti 3-6, ma Bologna risponde con un 7-0, prima Dojkic poi capitan Bibi ne segna cinque con due liberi e una tripla, 11-6. Immediata risposta della squadra guidata dall'ex allenatore bianconero Serventi: uno 0-8 per il punteggio di 11-14. La Segafredo risponde con un 8-4, frutto di tre canestri di Laterza e altri due liberi di Tassinari, 19-18. Vantaggi alternati, dopo il 19-20 arriva la tripla di Pasa, a cui risponde sempre da tre, Filippi, 22-23 al 10'. Barberis continua il trend a inizio secondo periodo, 24-23, poi piccolo strappo di San Martino che va sul 24-28, poi sul 25-30. Laterza, Dojkic e la tripla di Pasa costruiscono il 7 a 0 per un nuovo sorpasso bolognese, 32-30. Pareggia Milazzo, ma Tassinari mette la tripla, poi di nuovo Pasa e ancora il capitano da tre, 40-32 con parziale di 15-2. Dojkic mette anche il più nove, 44-35, ma all'intervallo si va sul 44-37. Nel terzo quarto Barberis firma un più otto sul 47-39, ma la Virtus subisce uno 0-6 fermato da un canestro di Tassinari, 49-45, poi arriva la tripla di Battisodo e Bologna respira, ma un altro 0-6 porta il punteggio al 30' sul 52-51. Tassinari da tre, poi da due e dopo Laterza e la Segafredo con un 7-0 vola sul 59-51. Fila resiste e torna a meno quattro, 62-58. Barberis da due, ma Russo da tre, 64-61. Due liberi di Dojkic, ma risponde Filippi con la tripla, 66-64. Battisodo fa un canestro, Laterza un libero, 69-64. Milazzo da tre, Bologna con i liberi torna a più ciqnue, ma Milazzo si ripete, 72-70. Barberis un solo libero, Milazzo entrambi, 73-72. La Virtus perde palla sulla rimessa per infrazione di cinque secondi, ma la difesa regge, Barberis arpiona l'ultimo rimbalzo e vince Bologna 73-72. Con tre titolari fuori e due in panchina senza entrare, la Virtus vince in sette: 21 punti in 334 minuti per una super Tassinari, 3 su 6 da due, 4 su 6 da tre e 3 su 4 ai liberi; 13 punti e 7 rimbalzi in 40 minuti per Barberis, 12 punti e 7 rimbalzi in 30 minuti per Dojkic; 11 punti in soli 12 minuti per Laterza uscita con 5 falli; in 30 minuti 8 punti e 5 assist per Pasa; 8 punti anche per Battisodo in 29 minuti; non segna ma gioca 25 minuti Tava. Al seguito anche Hines-Allen, appena arrivata dagli Stati Uniti.

 

 

 

 

 

 

 


 

Di spalle Tava, di fronte Barberis, in mezzo con il pallone Tassinari, grande protagonista con 21 punti della vittoria nell'esordio in campionato contro San Martino di Lupari

ESPUGNATA EMPOLI

di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 15/10/2021

 

Con i primi minuti in campionato di Ciavarella (4 punti), i primi stagionali di Zandalasini (10 punti), con l'esordio di Hines-Allen (9 e 7 rimbalzi), la Virtus esce vittoriosa da Empoli e conquista il secondo successo in campionato, 44-56. Per Dojkic 13 punti, 8 di capitan Tassinari, 7 con anche 7 rimbalzi di Barberis, 3 di Battisodo e 2 di Laterza. Non hanno segnato Tava e Pasa, non sono entrate Migani e Bassi. La gara era iniziata con le triple di Barberis e Dojkic, 0-6, poi Ivana metteva anche quella del 2-9. Un parziale di 4-0, poi altro canestro pesante, con i primi punti di Zandalasini, 6-12. Empoli piazza un altro importante break, di sette punti e sorpassa, 13-12 a fine primo quarto con la Segafredo a segno solo da tre. In apertura di secondo periodo Ciavarella riporta sopra Bologna con il primo canestro da due punti, poi la tripla del capitano, 13-17. Elisabetta sfrutta anche un tecnico al coach avversario e segna il primo libero della gara per le Vu nere, 15-18. Rotto il ghiaccio, le bolognesi allungano dalla lunetta, prima Hines-Allen, poi Zandalasini, 15-22. Laterza e Dojkic completano un parziale di 0-9, 15-26. Le toscane replicano con quattro punti consecutivi, ma risponde Battisodo da oltre l'arco, 19-29. All'intervallo si va sul 21-29. Il terzo quarto inizia con un canestro della Segafredo, di Hines-Allen, 21-31. Empoli reagisce con un 5.0, 26-31. Tripla di Hines-Allen, ma anche di Ravelli, 29-34. Le squadre si emulano, doppietta in lunetta per Dojkic e Narviciute, 31-36. Hines-Allen, grande protagonista di questo terzo periodo e Tassinari allontanano le avversarie, 31-40. Il terzo quarto termina con un parziale di 4-2, 35-42 (il canestro bolognese firmato da Zandalasini). Come i quarti precedenti, anche l'ultimo inizia con un canestro bolognese, Cecilia da tre, 35-45. Barberis, Dojkic, Ciavarella e di nuovo Beatrice danno a Bologna il massimo vantaggio, 35-53, parziale di 0-11 e gara quasi in cassaforte. Empoli risponde con un 6-0, 41-53, parziale interrotto dalla sospensione di Tassinari. Da lì alla fine per la Segafredo solo un libero di Dojkic, ma la vittoria è netta, 44-56.

La prima storica formazione della Virtus femminile in Europa

DOPPIA CADUTA

di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 22/10/2021

 

Esordio in Coppa per una Virtus femminile ancora incompleta, con Turner ancora impegnata nella finale WNBA e la Cinili in panchina ma non a referto. Il primo canestro è di Dojkic, Hines-Allen segna il 4-2, poi le spagnole sorpassano con un gioco da tre punti. Una tripla di Hines-Allen riporta le squadre in parità sul 9-9, poi le ospiti allungano fino al 12-18. Un canestro di Zandalasini, poi Hines-Allen e Dojkic dalla lunetta producono un 6-0 che riporta le squadre a contatto, 18-18. Sarà l'ultimo pareggio. La Virtus ha anche l'occasione per riportarsi avanti, ma il primo quarto termina così. Nel secondo periodo subito quattro punti della Lointek Gernika, ma Pasa serve un bell'assist a Hines-Allen che segna e converte anche l'aggiuntivo, 21-22. Un parziale di 3-12 determina il 24-34 per il primo vantaggio in doppia cifra delle ragazze spagnole. All'intervallo si va sul 30-41. Inizia male anche il terzo quarto, 31-45. Bologna si aggrappa alla difesa e rosicchia qualcosa con un parziale di 9-4, 40-49. Al 30' il punteggio è 44-54. La Segafredo va sotto di dodici all'inizio dell'ultimo periodo, 44-56 e Bologna sta all'asciutto per oltre due minuti, poi un lampo di Dojkic, prima un gioco da tre punti, poi palla rubata e contropiede, un 5-0 tutto suo per il 49-56. Hines-Allen allunga il parziale con un canestro da sotto, 51-56, ma arriva la tripla di Azkue a freddare le speranze, 51-59. La Virtus si aggrappa alla lunetta, Dojkic fa 4 su 4, Hines-Allen 1 su 2 e le Vu nere tornano in gara, 56-59. Moore fa due liberi, ma Hines-Allen replica con un canestro da due, 58-61. Zandalasini sbaglia la tripla del pareggio, Tava cattura il rimbalzo, subisce fallo ma fallisce i due liberi. La Virtus non cede ancora, Zandalisini a 20 secondi segna il 60-61, parziale di 16-5, ma la squadra spagnola chiude la gara dalla lunetta, 60-65. Non bastano a Bologna i 20 punti e 10 rimbalzi di Hines-Allen, i 19 punti di Dojkic e i 14 di Zandalasini, il trio che produce 53 dei 60 punti bolognesi.

Passano meno di quaranta ore e alle 15,00 del sabato arriva Campobasso per la terza giornata di campionato. Parte male Bologna, 2-8 con unico canestro della squadra di casa di Zandalasini. Due liberi di Dojkic, due triple di Cecilia e di nuovo Ivana dalla lunetta producono un 10-0 e la Segafredo va avanti 12-8. Chagas da oltre l'arco rompe l'inerzia, ma un canestro di Dojkic e due liberi di Hines-Allen fanno allungare la Virtus 16-11. Immediata risposta delle Molisane che raggiungono le avversarie. Nuovo piccolo strappo con Hines-Allen e Barberis per il 20-16, poi il primo quarto si chiude 20-18. Hines-Allen inizia il secondo periodo con due personali realizzati, 22-18, ma le V nere vengono nuovamente raggiunte. Tripla di Hines-Allen, ma parziale di 0-6 e La Molisana avanti 25-28. Un canestro di Hines-Allen, ma risponde Gray dalla lunetta, 27-30. Pareggia Dojkic con canestro più aggiuntivo. Per tre volte, poi, la squadra ospite va avanti di due, ma prima Zandalasini, poi Barberis dalla lunetta e infine Hines-Allen riportano sempre Bologna a contatto, 36-36 al 30'. Inizia male il terzo quarto per la Virtus che sta sei minuti senza segnare e subisce uno 0-10, 36-46. Dojkic suona la sveglia, prima con un canestro da due, poi con mezzo bottino in lunetta, 39-46. Bologna spreca occasioni per avvicinarsi ulteriormente e Chagas punisce da tre, 39-49. Dopo le polveri bagnate si continua con le triple, Zandalasini, dall'altra parte Parks, poi Hines-Allen per la Virtus, 45-52 e finisce così il terzo quarto. Si ricomincia sullo stesso ritmo, prima Parks, poi Zandalasini, 48-55. Dopo sei triple, tre per parte, Premasunac segna da due, poi lo fa anche da oltre l'arco, 48-60. Accorcia Battisodo, ma la tripla di Togliani fa malissimo, 50-63. Zandalasini da tre, poi da due, 55-63, ma è l'ultimo sussulto bolognese, Campobasso torna a più dodici, Barberis orgogliosamente fa tre canestri e la gara termina 61-70.

 

ULTIM'ORA DI COPPA

Ancora più netta la sconfitta delle ragazze in Francia contro il Flammes. Dopo una metà gara equilibrata, 31-31 al 20', le ragazze di Lardo cedono senza opporre resistenza, 53-15 nei secondi venti minuti, finendo sconfitte 84-46. In doppia cifra le solite tre: Hines-Allen 13 punti, Zandalasini 12 e Dojkic 10, anche se diventa difficile parlare di singoli dopo una sconfitta di tali proporzioni. Virtus femminile ancora a zero dopo due gare.


 



 

LA RISCOSSA DELLA FEMMINILE

di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 29/10/2021

 

Sabato sera a Moncalieri la Virtus femminile prova a reagire dopo la batosta di coppa. Quattro punti di Hines-Allen aprono la gara, 0-4, ma la gara sta in equilibrio fino all'otto pari. Cinque punti di Dojkic, una tripla di Barberis, un altro canestro di Ivana e quattro punti di Zandalasini costruiscono un parziale di 0-14 che porta il punteggio sull'8-22. Tava firma il +17, massimo vantaggio, 9-26 e il primo quarto termina 11-26. La squadra di casa inizia il secondo quarto con un 7-0, 18-26. Zandalasini da oltre l'arco e Hine-Allen dalla lunetta rispondono con cinque punti, 18-31. Un canestro di Hines-Allen dà un nuovo massimo vantaggio di +18, sul 23-41; come nel periodo precedente limato in chiusura di quarto da un canestro di Moncalieri, 25-41 a metà gara. Giacomelli da tre, in apertura di terzo quarto, riporta le piemontesi a meno tredici, 28-41, ma Bologna ritorna in fretta al +18, ancora con Hines-Allen, 31-49. Il distacco tocca il +19 su un canestro di Barberis, subito ritoccato da un libero di Hines-Allen, 34-54. L'americana firma anche il +22, 37-59. Il terzo periodo finisce 41-60. Negli ultimi dieci minuti Bologna non lascia la presa, anzi chiude un parziale da 8-24 e la gara termina, 49-84, un +35 dopo aver toccato due volte il +37, la prima volta con due liberi di Tava, la seconda su due liberi di Tassinari. Per Hines-Allen 27 punti, 8 su 10 da due, 2 su 3 da tre e 5 su 6 in lunetta, con anche 8 rimbalzi; poi 13 di Dojkic più 4 rimbalzi e 4 assist, 12 di Zandalasini con 8 rimbalzi, 11 di Tava (3 su 3 da due, 1 su 2 da tre e 2 su 2 ai liberi), 9 di Barberis, 7 di Tassinari con anche 4 assist e 5 di Ciavarella. Non hanno segnato Battisodo, Pasa, Laterza e Migani. Per Bologna 19 su 35 da due (54%), 10 su 20 da tre (50%) e 16 su 20 (80%) dalla lunetta. Curiosamente il punteggio di 49-84 con cui si è conclusa la gara è molto simile, ma questa volta in positivo, a quello (84-46) dell'ultima sconfitta in coppa in terra di Francia.

 

ULTIM'ORA DI COPPA

Di nuovo Virtus femminile contro una squadra francese in Eurocup. Dopo un'imperiosa partenza, 9-1, le ragazze di Lardo sono presto state risucchiate dalle transalpine finendo fino a meno venti nell'ultimo quarto. Con orgoglio la Segafredo ha chiuso sul meno dodici, 66-78.

 

Zanetti festeggia con la squadra la vittoria a Venezia

CHE VIRTUS A VENEZIA

di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 05/11/2021

 

Una grande Segafredo vince a Venezia, contro l'imbattuta Reyer, dominando la gara con l'esordiente Turner, 14 punti e 18 rimbalzi. Bene anche le altre straniere e Zandalasini: 18 punti Hines Allen, 16 di Dojkic e 17 di Cecilia. Tutta la squadra, però, ha contribuito a questo successo sorprendente, almeno nelle proporzioni. Una Virtus decimata aveva già sfiorato l'impresa in Supercoppa, ma questa volta è stata una vera e propria lezione di basket impartita dalle Vu nere, ancora prive di Cinili ma al Taliercio anche di Alessandra Tava, alla squadra campione d'Italia. Zandalasini segna il primo canestro poi la Reyer va avanti 10-6 ma Bologna cala il poker delle stelle: cinque punti di Hines Allen, un canestro di Turner, uno di Dojkic e la tripla di Zandalasini, costruiscono un parziale di 0-12 che proietta la Segafredo sul 10-18, poi il primo quarto termina 14-21. Zandalasini apre anche il secondo periodo con due punti che sono i primi di una serie di otto consecutivi della squadra bolognese, 14-29. Le ragazze guidate da Lardo volano sul più ventuno, 17-38. Venezia reagisce con un 6-0 che chiude la prima metà gara, 23-38. Anche il terzo quarto inizia con un parziale di 0-8 per il massimo vantaggio di Bologna che doppia la squadra di casa, 23-46. La Virtus arriva anche al più ventisei e al 30' il punteggio è 31-55. La Virtus non si ferma neppure nell'ultimo periodo, anzi: Barberis firma il più quaranta, 35-75, poi Bestagno fa in tempo a diventare l'unica della Reyer ad andare in doppia cifra con 11 punti e a tenere il divario sotto le quattro decine, 37-75.

 

ULTIM'ORA DI COPPA

Il mercoledì di coppa è da leoni solo per la Segafredo femminile. L'andamento della domenica di campionato si ripete: gli uomini perdono in Montenegro, a Podgorica, dopo essere stati a lungo in vantaggio, anche 42 a 29 nel secondo quarto. Nei primi 36 minuti la squadra di casa ha un solo effimero vantaggio quasi alla fine del terzo quarto, ma negli ultimi minuti passa a condurre e vince 86-82, con Teodosic che manca l'aggancio a pochi secondi dal termine; le donne nel terzo quarto finiscono a meno 17, ma poi si riprendono e compiono una grande rimonta fino al 62-67 finale, prima vittoria europea per la Virtus femminile.

 

 


 

Hines-Allen, Cinili, Lardo, Barberis, Tava, Turner, l'A.D. FAAC Michetti, Zandalasini, Tassinari, Dojkic, Pasa, Ciavarella, Battisodo, Laterza

(Foto tratta da www.virtus.it)

LA PRESENTAZIONE DELLA VIRTUS FEMMINILE

di Ezio Liporesi - 1000cuorirossoblu - 05/11/2021

 

Stamattina alle 10,00 nella sede Faac a Zola Predosa, si è svolta la presentazione della Virtus Segafredo Bologna 2021/22. Naturalmente a stagione già ampiamente avviata perché si è atteso l'arrivo anche dell'ultima americana, Brianna Turner, impegnata fino all'ultimo nei playoff WNBA, nei quali la sua squadra si è arresa solo in finale. L'evento si è svolto in un periodo particolarmente felice per la squadra bianconera: dopo qualche sconfitta, arrivata anche a causa di molte assenze, la Segafredo ha vinto in maniera perentoria a Venezia, contro l'imbattuta Reyer campione d'Italia in carica, poi ha conquistato in Spagna la sua prima storica vittoria europea.

Ragazze al gran completo: quattro i volti già conosciuti, le veterane Elisabetta Tassinari, per il terzo anno capitano, record di tutte le Virtus bolognesi in questo secolo, e Alessandra Tava, poi Beatrice Barberis e Valeria Battisodo al loro secondo anno in bianconero. Otto le nuove arrivate, dalla celebratissima Cecilia Zandalasini, alla forte Sabrina Cinili, unica a non aver potuto ancora disputare una gara perché infortunata ma oggi sosterrà il primo allenamento, poi Francesca Pasa, Giulia Ciavarella, Maria Laterza, Ivana Dojkice le ultime arrivate Myisha Hines-Allen e Brianna Turner. Presente anche il coach Lino Lardo con il suo staff tecnico, la team manager Roberta Resta, il presidente Alberto Piombo, che ha seguito la squadra nella trasferta spagnola e il direttore generale Paolo Ronci.

Dopo le interviste di rito concesse ai media, mentre su un maxischermo scorrevano bellissime immagini di gioco della Virtus femminile, a prendere la parola per primo è stato l'amministratore delegato di FAAC, Andrea Moschetti, sempre presente alle partite, che ha sottolineato la soddisfazione per come le aspettative dell'importante azienda sponsor siano state superate dalla realtà: partiti da zero, in soli tre anni si è arrivati ad importanti successi, come l'ultimo di Venezia, e anche al palcoscenico europeo. Ronci che ha simpaticamente presentato le giocatrici, con un intermezzo anche in inglese in onore delle due atlete statunitensi, ha spiegato che di comune accordo con l'allenatore si è preso il rischio, per arrivare a due giocatrici molto forti come Hines-Allen e Turner, di non averle subito a disposizione per i loro impegni oltreoceano; ha poi sottolineato come la società, con la stessa strategia adottata per la formazione maschile, abbia voluto arrivare a giocatrici della nazionale e comunque ad un gruppo italiano forte e di prospettiva. Infine ha invitato la città, in tutte le sue componenti, ad avvicinarsi e a sostenere la realtà della Virtus femminile, seguendo gli sforzi e le iniziative che la società sta mettendo in piedi.

L'allenatore Lardo ha espresso la sua gioia per essere arrivato alla presentazione dopo due belle vittorie, ma anche per godere del privilegio di allenare un gruppo che ha sempre risposto anche nei difficili momenti d'inizio stagione quando la squadra soffriva per le mancanze dovute agli infortuni e agli arrivi posticipati delle americane, impegnate in WNBA. Zandalasini e Turner hanno poi fatto da modelle per la presentazione delle maglie e le foto di prammatica. Ci sono molte aspettative e molte speranze, anche perché, sebbene la squadra sia in buona parte nuova, si sta formando un ottimo gruppo, che si scorge non solo nelle parole delle giocatrici, ma è evidente anche nel clima instauratosi tra le ragazze.

LA VIRTUS STRITOLA SASSARI

di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 12/11/2021

 

Senza Laterza e Cinili (che però ha effettuato primo allenamento), la Virtus ha colto la sua terza vittoria consecutiva, spazzando via Sassari. Zandalasini, Dojkic (tripla) e Hines-Hallen fanno subito 7-0. Sassari torna a meno sul 7-6 e 9-8, ma la Segafredo allunga, 15-8, fissato da Turner. Sarde nuovamente a meno uno, 17-16, ma Bologna allunga fino al 27-18 del decimo minuto. La Virtus sale a più dodici un paio di volte, l'ultima sul 32-20, ma subisce uno 0-5, 32-25. Sassari arriva anche più volte a meno tre e a meno due sul 40-38. Con un parziale di 11 a 2 le Vu Nere vanno all'intervallo sul 51-40. Imperioso avvio di terzo quarto con un 7-0 (Turner e cinque punti di Hines Allen), 58-40. Sul 62-47 Bologna mette a segno un 12-0 per il 74-47. Tava firma il più 29, 80-51 e il terzo quarto si chiude su una grande tripla di Beatrice Barberis, che festeggia il compleanno, grazie a un assist di Zandalasini dopo uno stilistico recupero, 83-56. Nell'ultimo periodo ancora Tava a firmare il massimo vantaggio, 88-58, poi 90-58; Giulia Ciavarella lo incrementa con canestro e aggiuntivo, 93-58. finisce con un comprensibile rilassamento bianconero, 97-71. Dojkic 24 punti, Hines-Allen 21 (con dieci rimbalzi) e Turner 14. Anche le italiane hanno tutte prodotto punti: 9 per Tava, 7 per Zandalasini, 6 per Battisodo, Ciavarella e Barberis, 2 Pasa e Tassinari. Per le Vu nere, tra coppa e campionato, si tratta della terza vittoria consecutiva.

LA VIRTUS ROSA S'ILLUMINA D'AZZURRO

Cecilia, Beatrice e Lino decisivi in Slovacchia

di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 19/11/2021

 

Due belle vittorie della nazionale italiana di basket femminile. I successi sono stati conseguiti in Slovacchia e a Faenza contro il Lussemburgo. Soprattutto il primo ha un peso specifico notevole. Tanta Virtus in quel successo. Una vittoria costruita sulla difesa, marchio di fabbrica del coach Lino Lardo, con l'apporto di canestri decisivi di Cecilia Zandalasini (17 punti) e contributi importanti in termini di minutaggio (19 minuti), difesa e rimbalzi (4) dell'esordiente Beatrice Barberis. Partita bene l'Italia (4-9) si è ritrovata sotto 18-12 poi 26-23 al 10'. Di nuovo a meno sei sul 29-23, le azzurre hanno prodotto un parziale di dieci punti consecutivi, 29-33, per poi essere raggiunte con un 4-0 che ha chiuso la prima metà gara. L'Italia è partita bene nel terzo quarto, 36-40, ma ha subito un 20-3 che sembrava decisivo, 56-43 al 30'. Con un parziale di 0-9 (cinque Bestagno, quattro Zandalasini) l'Italia è tornata in corsa, 56-52, ma sul 63-56 a meno di due minuti dalla fine la gara sembrava compromessa. Canestro di Cecilia, rimbalzo in difesa di Barberis e due liberi ancora per Zandalasini, 63-60. Dopo il canestro della squadra di casa, Bea Barberis ha catturato un rimbalzo offensivo fondamentale sulla tripla fallita da Bestagno (16 punti), permettendo all'Italia di andare di nuovo al tiro con Romeo (19 punti) da tre, 65-63. Un solo libero per la Slovacchia, due per Romeo, 66-65 e timeout Slovacchia. Sulla rimessa Cecilia Zandalasini emergeva dalle acque del parquet e volava in alto tra le due avversarie con la leggerezza di un delfino e la voracità di uno squalo, catturava il pallone e volava in contropiede a siglare il più uno poi arrotondato da due liberi di Romeo. Sul tiro fallito da Oroszova è partita la festa italiana.

A Faneza contro il Lussemburgo tutto molto più facile. Sei minuti per Barberis, sei punti per Cecilia nella facile vittoria per 80-48.

 


 

CADE IN CASA LA VIRTUS FEMMINILE

di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 26/11/2021

 

Contro Ragusa c'è finalmente Cinili, ma manca Tassinari, nei dodici Migani. Brutta partenza, 0-4 e 2-6. Poi Dojkic, Battisodo da tre, sei punti di Turner e un libero ancora di Dojkic costruiscono un parziale di 12-0, per il 14-6. Tagliamento con una tripla rompe il digiuno ospite, ma Pasa risponde in maniera identica, 17-9, Ostarello s'iscirve al festival delle triple, Zandalasini non è da meno, 20-12. Hines-Allen e Dojkic arrotondano e doppiano le avversari alla fine del primo quarto, 24-12. Il secondo periodo comincia peggio del primo, con un parziale di 0-7, lo interrompe Dojkic, 26-19. Tagliamento porta Ragusa a meno quattro, 26-22. Barberis, Hines-Allen e nuovamente Beatrice in lunetta allungano, 32-22. Un parziale di 1-6, tutto di Taylor riavvicina le siciliane, 33-28. Segna Turner, ma risponde ancora Taylor con un gioco da tre punti allungando a nove i suoi punti consecutivi per Ragusa, 35-31. Turner e Battisodo chiudono con un 4-0, 39-31 alla pausa. Il terzo quarto inizia con il solito parziale ospite, 0-5, poi segna Hine-Allen, 41-36. Tripla di Tagliamento, poi Taylor pareggia dalla lunetta, Kuier sorpassa e Romeo allunga, 41-45, parziale 2-14. Barberis accorcia, ma Consolini segna da tre e Taylor dalla lunetta, 43-50. Hines-Allen, ma rispondono Consolini da due e Romeo dalla lunetta 45-54, parziale 6-23. Ancora Hines-Allen, ma Ostarello ruba a Pasa e segna, 47-56. Barberis fa due su due in lunetta, 49-56 e così finisce il terzo quarto, il cui parziale è 10-25. Santucci apre l'ultimo quarto, 49-58, poi Zandalasini, Barberis e di nuovo Cecilia da tre portano Bologna a meno due, 56-58. Kuier risponde con cinque punti, poi la tripla di Zandalasini e il canestro di Turner e Segafredo di nuovo ad un solo possesso, 61-63, Parziale di 0-6, ma Dojkic segna da tre, 64-69. Taylor allunga, ma Turner segna due canestri e sul secondo anche l'aggiuntivo, 69-71, ma più di così la Virtus non riesce ad avvicinarsi e Ragusa chiude con un parziale di 1-12. Punteggio finale 70-83. Cinque in doppia cifra: 17 Turner, 12 Barberis e Hines-Hallen, 11 Zandalasini e 10 Dojkic. Per il resto 5 Battisodo e 3 Pasa. Solo sedici secondi per Tava, non entrate Ciavarella, Laterza e Migani, che sostituiva Tassinari. Per Cinili quasi sedici minuti in campo e zero punti.

FINISCE ANZITEMPO L'EUROPA DELLA VIRTUS FEMMINILE CHE SI RISCATTA A FAENZA

di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 03/12/2021

 

Contro le francesi del Flammes Carolo manca Laterza infortunata e arrivata in panchina con la stampella. Dopo tre minuti è 0-10 e la Virtus segna solo dopo quattro giri di lancette, azione da tre punti di Hines-Allen, 3-10. La forbice si allarga in fretta con le francesi che vanno a più quindici, 7-22. Il primo quarto termina 10-23. Berkani apre il secondo periodo con una tripla, 10-26. Entra capitan Tassinari e dà una scossa: canestro a rimbalzo d'attacco e assist per Turner, 14-26. Assist di Barberis per Turner, 16-26. Akhator fa tre liberi su quattro, 16-29 (tra le due coppie di personali esce Barberis per infortunio), ma Cinili risponde con una tripla su assist di Dojkic. Segna Hines-Allen prendendo il rimbalzo sul suo errore, 21-29, ma Bouderra ristabilisce dalla lunetta i dieci punti di scarto. Battisodo in entrata, Zandalasini, poi la tripla di Ciavarella e Bologna è a meno tre, 28-31, parziale di 7-0. La Segafredo avrebbe anche la palla per proseguire la rincorsa, ma la spreca e le transalpine piazzano uno 0-10, 28-41. All'intervallo il punteggio è 30-44, con la Virtus che ha vanificato nel finale la bella rincorsa. Nel terzo quarto si comincia come nel primo con un digiuno Virtus che questa volta supera anche i quattro minuti, 30-48. Sblocca la situazione un canestro pesante di Bibi Tassinari, ma la squadra francese vola a più venti, 33-53. Segna ancora Tassinari, ma bisogna aspettare oltre sette minuti per avere un punto non del numero sette, è un libero di Pasa, 36-56. Tassinari segna anche il 38-58 (è appena rientrata Barberis, ma sta in campo solo un minuto) Il terzo quarto termina 40-64. In questo quarto la Segafredo ha segnato dieci punti, frutto di tre canestri di Tassinari che hanno fruttato sette punti e tre liberi, due di Dojkic oltre a quello di Pasa. Nell'ultimo periodo la Virtus piomba anche a meno ventisette, 53-80. Gli ultimi sette punti bianconeri servono solo a ridurre lievemente il margine, finisce 60-80.

A Faenza mancano Laterza, Cinili e Barberis. In squadra Migani e solo in dieci a referto. Quintetto con Pasa, Zandalasini, Dojkic, Hines-Allen e Turner. Dojkic, tripla di Hines-Allen e ancora Ivana e le V nere volano sul 2-7. Piccolo parziale di 4-0 della squadra locale, poi Zandalasini e ancora Dojikic, 6-11. Faenza piazza un parziale di 9-0, sorpassa e va sul 16-11. Arriva la tripla di capitan Tassinari a sbloccare la Segafredo, 16-14. Il primo quarto termina 18-14. A inizio secondo quarto le romagnole vanno due volte a più sei, è Battisodo a tenere in scia la Virtus con cinque punti, 22-19, poi segna Turner e Dojkic sorpassa, 22-23, parziale di 0-7. Davis con un libero pareggia. Segna Turner, pareggia Cupido, poi uno 0-12 di Dojkic, con un gioco da tre punti, e Hines-Allen da due punti e con un 6 su 6 dalla lunetta, poi dopo otto punti di Myisha, Ciavarella arrotonda con un libero, 25-37. Faenza interrompe i cinque minuti di digiuno con due liberi, ma Bibi mette la tripla, 27-40. Il secondo quarto termina 29-40. Il primo canestro del terzo quarto è di Faenza, ma poi Bologna segna venti punti filati, 31-60 (sette sono di Zandalasini che segna da due e da tre, stoppa, prende rimbalzi). Hines-Allen porta la Virtus al massimo vantaggio, 33-65 e il terzo quarto termina 34-65. Nel quarto periodo ancora Hines-Allen firma il più 37, 36-73. La gara termina poi 43-77, con 21 punti di Hines-Allen (anche 7 rimbalzi e 7 assist), 16 di Dojkic, 9 di Zandalasini, 8 di Turner (con 19 rimbalzi) e Battisodo, 6 di Tassinari e Ciavarella, 3 di Pasa. Non hanno segnato Tava (in 22 minuti) e Migani (4 minuti).

 

ULTIM'ORA DI COPPA: LASCIA LA COPPA CON UN SUCCESSO LA VIRTUS FEMMINILE

 

A La Roche-sur-Yon la Virtus chiude il girone vincendo la sua seconda gara. Senza Barberis e Laterza e con Hines-Allen non schierata, la Virtus ha dominato la prima parte di gara fino a doppiare le avversarie sul 18-36. Poi ha resistito al ritorno delle avversarie con una glaciale Zandalasini, 6 su 6 in lunetta negli ultimi 80 secondi. Segafredo vittoriosa per 63-67. Successo delle Vu Nere contro una squadra fin qui imbattuta in Coppa. 24 punti di Dojkic, 17 per Zandalasini e Turner (per lei anche 15 rimbalzi e 7 stoppate). Sei punti di Cinili con un'importante tripla nel finale.


 

FEMMINILE SUL VELLUTO NONOSTANTE I GUAI FISICI

di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 10/12/2021

 

Contro Lucca si gioca di lunedì alle 19,00, davanti a non molto pubblico, nutrita rappresentanza toscana. La Virtus ha Barberis al rientro, mentre Laterza è a referto ma non utilizzabile, sono assenti invece Hines-Allen, in borghese a bordo campo, e Tava. Squadra femminile in piena sintonia con la maschile, tanto che nel corso della gara anche Tassinari e Cinili subiranno lievi infortuni e non potranno rientrare e coach Lino Lardo dovrà concludere la gara con sette giocatrici disponibili. Quintetto bolognese con Battisodo, Dojkic, Zandalasini, Cinili e Turner. Segna Battisodo e pareggia Natali, sarà l'unico pari della partita. Una tripla di Zandalasini chiude un parziale di 7-0, 9 a 2 Bologna. Una tripla di Dojkic dà il più otto, 12-4; un appoggio di Zandalasini il primo vantaggio in doppia cifra, 16-6. Lucca torna più volte a meno sei, ma la Segafredo torna al più dieci, prima con due liberi di Zandalasini, 25-25, poi con un bel canestro di Barberis su un assist di capitan Tassinari. Una tripla di Dojkic dà il più 11, 30-19, poi il quarto termina 30-20. Il secondo quarto inizia con un parziale di 8-0: tripla di Tassinari, canestro di Barberis e gioco da tre punti di Dojkic, 38-20. Lucca torna a meno 14, prima sul 38 a 24, poi sul 40-26, ma le V nere producono un 9-0, per un nuovo massimo vantaggio, 49-26. Distacco che viene ribadito a fine secondo quarto da una tripla di Dojkic, 54-31. Nel terzo quarto Battisodo porta Bologna sul +25, 58-33, Turner sul +26, 65-39. Stesso distacco sul 71-45, grazie a due liberi di Dojkic e a fine periodo grazie a un canestro pesante di Ciavarella, 74-48. Turner ribadisce il distacco con il canestro del 76-50. Lucca torna a meno 18, 84-66, ma il finale è bolognese, con un parziale di 12-4 che fissa il punteggio finale sul 96-70. Dojkic ispirata 28 punti, 6 su 9 da due, 3 su 6 da tre, 7 su 7 ai liberi e 5 assist; Zandalasini, bella e concreta, 21 punti, 8 su 16 e 3 su 4 in lunetti con anche 7 rimbalzi e 6 assist; 18 punti con 8 su 16 e 14 rimbalzi per Turner, che ha combattuto sotto i tabelloni con ardore; per Cinili 9 punti con 4 su 6 e anche 6 rimbalzi, una presenza che fa sempre più sentire la sua importanza; una rinfrancata Battisodo, 7 punti, 4 rimbalzi e 4 assist; per Ciavarella 6 punti, frutto di due triple e un moto perpetuo in campo; 4 punti per una Barberis al rientro, sempre generosa anche se le mancava ovviamente la forma fisica dei giorni belli; 3 punti per Bibi Tassinari che aveva iniziato con bel piglio, ma che ha dovuto arrendersi ad un problema fisico.

TUTTO FACILE A BRONI

di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 17/12/2021

 

Nella trasferta da giocare contro Broni, al Palaverde Gianni Brera, la Virtus deve fare ancora a meno di Hines-Allen e Laterza, mentre Tassinari c'è ma per onor di firma, rientra invece Alessandra Tava. In quintetto Battisodo, Dojkic, Zandalasini, Cinili e Turner. Segna Dedic, pareggia Zandalasini, poi Dedic fa 1 su 2 in lunetta, ma Cinili sorpassa da tre, 3-5. Due liberi di Battisodo, nuova tripla di Sabrina, poi Zandalasini da due, 3-12 e parziale di 0-10. La terza tripla di Cinili vale il 5-15. Dedic fa un libero su due, Zandalasini anche, 6-16 ma poi c'è un 6-0 locale, 12-16 e timeout Lardo. Turner spezza l'inerzia ma sbaglia l'aggiuntivo, poi fa 1 su 2 ancora in lunetta, 12-19. Pasa firma il canestro del 13-21, ma anche per lei non va il libero supplementare. Il primo quarto termina 15-21. Unica a non essere entrata delle dieci giocatrici bianconere è ovviamente Bibi Tassinari. Barberis realizza il più 8, 15-23, Dojkic prima lo ribadisce, 17-25 su assist di Tava, poi con una tripla porta la Segafredo al massimo vantaggio, 17-28. Barberis segna poi fornisce l'assist a Dojkic e le Vu nere allungano, 17-32, parziale di 0-9. Broni si riporta a meno dodici, ma ancora Dojkic a segno (dalla lunetta), poi Barberis, 20-36, nuovo massimo divario tutto costruito dalla coppia vincente dei primi sette minuti del secondo quarto, Ivana-Bea. Parziale di 6-0 della squadra di casa, ma risponde subito la Virtus con le triple di Battisodo e Dojkic, 26-42. Al riposo si va sul 28-42. Dojkic e Barberis, a secco nel primo quarto hanno segnato 18 dei 21 punti bianconeri (12 Ivana e 6 Beatrice). Primi canestro del terzo quarto di Dojkic e Zandalasini ed è nuovo massimo vantaggio, 28-46. Parziale di 6-0 per Broni, 34-46. Dojkic segna da due, fa un gioco da tre punti, poi segna Turner e Zandalasini mette due liberi, parziale di 0-9 e nuovamente Segafredo alla massima forbice, 34-55. Ci si torna su un gioco da tre punti di Turner, 39-60. Tripla di Cinili per il 39-63 che chiude il terzo quarto. Nell'ultimo periodo su un'azione da tre punti di Dojkic le Vu Nere tornano al massimo vantaggio 42-66. Parziale e di 6-0 locale poi la Virtus riparte con Turner, 1 su 2 in lunetta e canestro da due, 48-69. Altro parziale interno, 7-0, e Broni arriva a meno 14, 55-69, Un libero di Dojkic, poi riparte Broni con 4 punti, 59-70, parziale di 17-4. Dojkic segna da tre, Turner mette due liberi, 59-75, poi la gara termina 60-75. Dojkic 26 punti (5 su 7 da due, 3 su 6 da tre e 7 su 8 ai liberi), 7 rimbalzi e 4 assist. Per Turner 13 punti e 11 rimbalzi, 12 di Cinili, 4 su 5 da oltre l'arco, 9 di Zandalasini (anche 9 rimbalzi), 8 di Barberis, 5 di Battisodo e 2 di Pasa.


 

IL GEAS VINCE AL SUPPLEMENTARE

di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 24 /12/2021

 

Contro Sesto San Giovanni, la Virtus parte male, 0-6 (dopo il primo canestro della gara Graves si è infortunata ed è dovuta uscire) e 2-8, ma poi reagisce, pareggia con due triple di Zandalasini e sorpassa con Turner che completa il parziale di 8-0 e porta la Segafredo sul 10 a 8. Raca (migliore in campo con 21 punti e 12 rimbalzi) riporta il Geas avanti con una tripla, poi nuovo sorpasso di Turner dalla lunetta e due canestri pesanti di Barberis per un altro 8-0 che chiude il primo quarto, 18-11 e parziale più esteso di 16 a 3. Trucco realizza due liberi in apertura di secondo periodo, ma Zandalasini, Barberis e Ciavarella allungano, 24-13. Piccola reazione ospite con quattro punti consecutivi, subito frenata da Barberis, 26-17. Altro parziale di quattro punti del Geas, ma risponde Turner con due canestri, 30-21. Panzera segna da tre ma le risponde Tava, 33-24. Il canestro di Ercoli fissa il punteggio di metà partita sul 33-26. Un libero su due di Zandalasini apre il terzo quarto, poi il Geas si avvicina ancora con il solito parziale di 0-4, 34-30. Turner a bersaglio, poi 1 su 2 in lunetta di Dojkic al suo primo punto, 37-30. Segna il primo canestro anche Cinili, da tre, per il 40-32. Il terzo periodo si chiude con il solito mezzo bottino in lunetta, questa volta Zandalasini, 41-34. Imperioso avvio del Geas nel quarto periodo, otto punti filati e il sorpasso, 41-42. Immediata reazione della Virtus con due canestri di Zandalasini e uno di Turner, 47-42. Sesto San Giovanni si rifà sotto, è ancora uno 0-4, 47-46. Cinili allunga da due, 49-46, ma ancora quattro punti per le lombarde ed è nuovamente la Virtus ad inseguire, 49-50. Dotto sbaglia due liberi e allora in una gara di stereotipi Zandalasini mette il solito libero su due e si va al supplementare, 50-50, ma Gwathmey protesta e prende tecnico, così il supplementare si apre con un libero di Dojkic, 51-50. Dotto fa due su due ai liberi e sorpassa, Turner ribalta di nuovo il vantaggio a favore delle Vu nere con un appoggio, 53-52, ma la Virtus finisce qui, un nuovo 0-8 del Geas chiude l'incontro, 53-60. Percentuali Virtus: 30% da due, 21 da tre e 63 ai liberi, 0 su 16 per Dojkic, 2 su 12 Cinili (11 rimbalzi), 5 su 19 Zandalasini (15 punti e 9 rimbalzi), 0 su 4 Battisodo. Le più positive sono Turner 16 punti con 7 su 13 e 2 su 2 in lunetta più 7 rimbalzi: Barberis 10 punti con 4 su 7. Rientrata in campo capitan Tassinari, ma per un solo minuto. Ancora fuori Laterza e Hines-Allen.

CHIUDE L’ANNO IN CARROZZA LA VIRTUS FEMMINILE

di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 30/12/2021

 

A Costa Masnaga la Virtus si presenta sempre senza Laterza e Hines-Allen. Il primo canestro è di Villa, ma 5 punti di Cinili, 4 di Ciavarella e un canestro di Zandalasini lanciano la Segafredo, 2-11. Un'azione da tre punti di Cecilia portano Bologna al più dodici, 6-18. Vantaggio ribadito qualche minuto dopo da due liberi di Battisodo, 18-30, e in chiusura di primo quarto da un canestro di Turner (che fallisce l'aggiuntivo, come le era già successo in un'occasione precedente) 20-32. Il secondo periodo si apre ancora con due punti dell'americana, 20-34, ma la squadra di casa recupera con un 7-0 e dimezza il divario, 27-34. Pasa e Dojkic rimettono in moto la formazione felsinea, 27-38. Con un parziale di 7-2 Limonta arriva a meno sei, 40-34. È ancora Pasa a fare ripartire Bologna, questa volta con una tripla, 34-43, punteggio sul quale si va all'intervallo lungo. Le 10 giocatrici delle Vu nere sono già scese tutte in campo, otto hanno messo punti a referto. Per Turner già 12 punti (6 su 6) e 7 rimbalzi, ed è suo anche il primo canestro del terzo quarto ma bisogna aspettare 3 minuti, 34-45, ma Costa Masnaga risponde con quattro punti, 38-45. Turner segna anche il paniere del 38-47 e fornisce l'assist a Zandalasini per quello del 40-49. Ciavarella su invito di Pasa riporta Bologna a più 11 e Turner con metà bottino dalla lunetta a più 12, 40-52. Ciavarella firma il 42-55, ma Costa Masnaga non molla, 46-55 e così finisce il terzo quarto negli ultimi secondi del quale Turner fallisce i suoi primi due tiri in azione. L'americana riprende confidenza con il canestro a inizio quarto periodo, 46-57, poi due liberi di Barberis, i suoi primi punti, 46-59. Beatrice fallisce il tiro e così non arriva il massimo vantaggio e subito Limonta ne approfitta, 50-59 su un antisportivo proprio di Barberis che frutta alle lombarde quattro punti. Zandalasini converte un libero assegnato per tecnico alla panchina avversaria, poi Turner allunga, 50-62. Spreafico accorcia, ma Zandalasini e Dojkic riportano la Segafredo al massimo vantaggio, 52-66, poi ritoccato da un 1 su 2 di Turner ai liberi e da due canestri di Dojkic e un altro di Brianna, 52-73, con parziale di 0-11. Finisce 56-76. Turner 24 punti con 11 su 13, anche se 2 su 8 in lunetta, con ben 22 rimbalzi, più 5 assist, 6 stoppate, 7 falli subiti. In doppia cifra anche Zandalasini 12 punti, Ciavarella 11, Dojkic 10. Tutte a bersaglio le giocatrici della Segafredo, tranne Tava.


 

UNA DOMENICA TUTTA BIANCONERA

di Ezio Liporesi - Cronache Bolognesi - 14/01/2021

 

Di doppie Bologna-Virtus ne ho vissute tante, anche la doppia Segafredo maschile e femminile negli ultimi anni si era già verificata, ma l'accoppiata casa - trasferta è un inedito. Domenica scorsa le ragazze della Virtus hanno ospitato Empoli alla Segafredo Arena alle 15 e terminata la gara mi sono trasferito a Casalecchio, campo di casa della Reggiana Pallacanestro, per assistere alla gara che vedeva impegnate le V nere. ecco le cronache dal vivo.

Contro il fanalino di coda Empoli, fin qui una sola vittoria, la Virtus si presenta sempre senza Hines-Allen e Laterza. La Segafredo parte male, dopo cinque minuti il punteggio è 0-5. Zandalasini sblocca le V nere con una tripla, con un'altra di capitan Tassinari la squadra bianconera sorpassa, 6-5, Battisodo allunga con l'unico canestro da due punti del primo quarto bianconero, 8-5, ma con un parziale di 0-5, Empoli torna avanti, 8-10. Pareggio di Barberis, poi altro parziale toscano e dopo i primi 10 minuti il punteggio è 10-16. L'USE Scotti va un paio di volte sul più sette, ma sul 19-23, Bologna produce un buon 7-0: canestro di Turner, tripla di Ciavarella, sorpasso di Tava, 24-23. Prontamente reagisce Empoli con un parziale di 2-9, durante il quale s'infortuna Barberis, e torna avanti di sei punti, 26-32. Il primo quarto termina 33-37. Nove le giocatrici bolognesi già a referto, tutte quelle scese in campo tranne Pasa, ma al massimo con sette punti. Dall'altra parte hanno segnato solo in sei, ma producendo un bottino più sostanzioso. Imperioso inizio del terzo quarto della Virtus: con 18 punti a 2 va avanti 51-39. Sembra finita, ma la compagine toscana non ci sta: risponde con un 4-15 e si riporta a meno uno, 55-54 (il terzo periodo si era chiuso 55-51). Bellissimo assist di Tassinari per Turner, poi un'azione da tre punti di Dojkic e, dopo i liberi di Rembiszewska, le triple in sequenza di Tassinari e Zandalasini: un parziale di 11-2 per il 66-56. A questo punto Bologna vola anche a più sedici, 74-58 (parziale dilatato a 19-4), poi chiude 76-67, l'ultimo canestro bianconero è di Migani. Migliore realizzatrice Dojkic, 20 punti, con anche 6 rimbalzi; sempre solidissima Turner, 15 punti e 18 rimbalzi, 11 punti per Zandalasini più 8 rimbalzi, poi 8 punti 4 assist di Tassinari, ma soprattutto la solita impronta di gioco, con lei in campo la palla gira e la squadra ne trae beneficio. Pubblico non numeroso, ma il solito sparuto ma encomiabile gruppetto di tifosi alla balaustra (due ragazzi e una ragazza), non ha mancato di sostenere incessantemente la squadra.

Contro Reggio Emilia rientrano Cordinier e Tessitori ma esce Weems causa covid. Sempre fuori Mannion, Hervey e, naturalmente Abass e Udoh. Segna Candi, pareggia Alibegovic, su assist di Teodosic, poi vola via la Reggiana, 8-2 e 21-8. Un parziale di 0-11, frutto di sei punti di Jaiteh e cinque di Milos, illude Bologna che la tempesta sia passata, invece il canestro di Diouf in chiusura di primo quarto fa chiudere il periodo sul 23-19 e rinfranca l'Unahotels che riparte con altri 5 punti e va sul 28-19, poi allunga fino al 37-23, parziale di 16-4. Con un parziale di 8-17 le V nere tornano a meno 5, 45-40 e a metà gara sono sotto 49-42. Il terzo quarto vede un parziale iniziale di 7-20 che porta la Virtus avanti 56-62. Di quei 20 punti Pajola ne segna 11 (tutti i primi 8) altri 4 vengono da suoi assist, 2 sono frutto di una sua palla recuperata e in questa fase recupera un altro pallone e subisce un fallo in attacco. Reggio Emilia non sarà più capace di raggiungere i bianconeri. Si avvicinerà, 60-62, poi 67-69 a inizio ultimo quarto (al 30' 65-69), ma Bologna regge. Su una tripla di Belinelli c'è il massimo vantaggio Segafredo, 67-76. La formazione allenata da Caja torna due volte a meno cinque, 71-76, poi 81-86 a 1'49". Teodosic perde palla, ma Crawford fa altrettanto e allora la Virtus vince 81-90, ma proprio nell'ultimo minuto c'è la tegola dell'infortunio al ginocchio per Teodosic. Per Alibegovic 19 punti che fanno perdonare qualche svagatezza difensiva, per Milos 18 punti e 9 assist (e i soliti tanti falli subiti, ben più dei 5 fischiati); Per Jaiteh 14 punti (6 su 8 e 2 su 2 ai liberi) e 9 rimbalzi; per Pajola 13 punti e 6 assist; 12 i punti di Belinelli. Un discreto pubblico, equamente diviso tra le due fazioni ha assistito alla gara.

ULTIM'ORA COVID: DUE RINVII PER COVID

Fermate dai guai degli avversari sia la maschile che la femminile

 

La situazione di giocatori contagiati dal covid nelle squadre avversarie ha comportato due rinvii nell'ultima settimana virtussina: domenica 16 gennaio la Segafredo versione femminile non ha potuto giocare a Campobasso e mercoledì 19 stessa sorte per la formazione maschile che ha dovuto saltare il turno casalingo contro i turchi del  Bursaspor. Le gare delle V nere son sempre una festa e dispiace sempre non vedere le formazioni bianconere scendere in campo, ma per le due squadre alle prese con il recupero di molti effettivi, appena rientrati, in procinto di farlo o ancora lontani dal campo, l'occasione per rieducazione, allenamenti e ripresa della piena efficienza, con l'augurio sempre di tornare presto a una vita e a un calendario regolare. Intanto Udoh è rientrato a Bologna per continuare la rieducazione nel lungo percorso dopo l'infortunio occorsogli dopo soli sei minuti giocati in questa stagione nella prima gara ufficiale contro Tortona in Supercoppa.