AMATH M'BAYE

(Amadou-Amath M'Baye)

M'Baye nel ritiro di Sestola (foto tratta da www.virtus.it)

 

nato a: Bordeaux (Francia)

il: 14/12/1989

altezza: 206

ruolo: ala

numero di maglia: 24

Stagioni alla Virtus: 2018/19

biografia su wikipedia

nato a: Sassari

il: 05/05/1995

alt

PIETRO ARADORI

 

 

nato a: Brescia

il: 09/12/1988

altezza: 196

ruolo: guardia

numero di maglia: 21

Stagioni alla Virtus: 2017/18

biografia su wikipedia

nato a: Sassari

il: 05/05/1995

alt

 

ECCO AMATH M'BAYE

tratto da www.virtus.it - 21/07/2018

 

Virtus Pallacanestro Bologna comunica di aver raggiunto un accordo con Amadou-Amath M’Baye, ala forte 29enne, che dalla stagione 2018-2019 indosserà la canotta di Virtus Segafredo.

AMATH M’BAYE è nato a Bordeaux, in Francia, il 14 dicembre 1989 e ha doppia nazionalità senegalese e francese. Ala forte di 206 centimetri, è cresciuto cestisticamente negli Stati Uniti, frequentando la Stoneridge Prep School a Simi Valley, in California, per poi approdare alla University of Wyoming nel biennio 2009-2011 e successivamente alla University of Oklahoma dal 2011 al 2013. Con Wyoming ha viaggiato a 12 punti e 5.7 rimbalzi a partita in 31 incontri, mentre ad Oklahoma ha chiuso il suo ultimo anno a 10.1 punti e 5.1 rimbalzi, oltre alla nomina nel terzo miglior quintetto della “Big 12” e nel miglior quintetto “Big 12 All-rookie”.

La carriera professionistica è iniziata in Giappone, a Nagoya, con la canotta dei Mitsubishi Diamond Dolphins, con i quali ha giocato per tre stagioni a 20.2 punti e 7.7 rimbalzi. Nel 2014-2015 è stato anche MVP dell’All-Star Game della Lega.

Nell’estate 2016 è approdato in Italia, a Brindisi, in una stagione terminata a 17.8 punti (quinto realizzatore dl campionato) e 5.3 rimbalzi. Nella stagione 2017-2018 si è trasferito all’Olimpia Milano, con la quale ha debuttato in Eurolega: in 17 gare di campionato ha registrato una media di 6.4 punti e 3.5 rimbalzi in 21′ di utilizzo, mentre nelle trenta gare di Eurolega ha chiuso a 6.3 punti e 2 rimbalzi in 18′.

Con i colori della Nazionale francese, ha conquistato la medaglia di bronzo agli Europei Under 20 del 2009, in Grecia.

“Amath ha le caratteristiche tecniche che da inizio estate, assieme a coach Sacripanti, avevamo individuato come ideali per la nostra squadra”, commenta il Direttore Sportivo bianconero, Marco Martelli“Inoltre, i colloqui avuti con lui negli ultimi giorni ci hanno trasmesso una forte motivazione a entrare nel gruppo fin qui costruito. Siamo dunque molto felici che abbia scelto la Virtus e il progetto tecnico a lui presentato”.

“Sono entusiasta di questa nuova sfida e di aiutare la Virtus Bologna a vincere”, sono le prime parole del nuovo acquisto bianconero. “L’ultima volta in cui sono venuto al PalaDozza sono rimasto affascinato dall’atmosfera e dalla passione dei tifosi: purtroppo non giocai quella partita, ma adesso non vedo l’ora di scendere in campo a Bologna vestito di bianco e nero. Ho parlato con coach Sacripanti ed è stato facile capire che il Club, il management e la squadra hanno tutti grandi ambizioni, e per questo sono felice di arrivare e lavorare duro per raggiungere assieme questi obiettivi. Sentirsi voluto dalla Virtus è un bellissima sensazione e io sono una persona estremamente leale: farò in modo di dare sempre al Club e alla squadra il 110%”.

M'Baye proiettato verso il canestro del Ludwigsburg nel torneo di Olbia. Qvale osserva (foto tratta da www.virtus.it)

M'BAYE: "MI PIACE GIOCARE IN UNA SQUADRA E PER UN ALLENATORE CHE CREDONO IN ME. IN ATTACCO POSSIAMO ESSERE A LIVELLO DEI MIGLIORI"

tratto da bolognabasket.it - 19/10/2018

 

Amath M’Baye è stato intervistato da Luca Aquino sul Corriere di Bologna.
Ecco un estratto delle sue parole.

Abbiamo cominciato in maniera solida, capendo come giocare gli uni con gli altri e cercando di fare quello che ci viene chiesto dall’allenatore. Dobbiamo cercare di cavalcare questo momento e continuare a giocare bene. 
L’inserimento in squadra? Sta andando tutto bene. Cerco di capire ed eseguire quello che il coach vuole da me e abituarmi a giocare con i miei nuovi compagni. 
Cosa chiede Sacripanti? Come numero 4 devo essere attento in difesa e fare un buon lavoro a rimbalzo, mentre in attacco devo cercare di facilitare i nostri giochi, essere una sorta di raccordo per ribaltare la palla da un lato all’altro. 
Sente di dover provare qualcosa dopo l’annata di Milano? Non so se devo dimostrare qualcosa, a me piace giocare a pallacanestro e mi piace farlo in una squadra e per un allenatore che mi valorizzano e credono in me. 
I punti di forza e le debolezze della Virtus? In attacco abbiamo tanto talento e sappiamo colpire in vari modi. Da questo punto di vista credo che possiamo essere al livello delle migliori squadre del campionato italiano e della Champions League. In difesa dobbiamo cercare di migliorare sotto alcuni punti di vista.
Domenica ad Avellino? In Italia, indipendentemente dall’avversario, ogni partita è difficile e presenta delle insidie. Ovviamente ad Avellino giochiamo contro una delle migliori squadre del campionato, dovremo essere ancora più concentrati sul nostro piano partita ed eseguirlo il meglio possibile.