KEITH SWAGERTY

Keith Swagerty a canestro

nato a: San Josè (USA)

il: 30/10/1945

altezza: 2,01

ruolo: ala/centro

numero di maglia: 13

Stagioni alla Virtus: 1966/671967/68

(in corsivo la stagione in cui ha disputato solo amichevoli)

 

CHI SONO I NUOVI

Giganti del Basket - n. 7 novembre 1967

 

Keith Swagerty - Candy - proveniente dalla Università del Pacifico di Stockton (California) - pivot bianco - 21 anni - alto 2,01-al quarto posto nella classifica dei rimbalzisti il californiano di San Josè è quarta scelta dei New York Knickerbockers (la squadra di Bradley). Negli ultimi tre anni in 80 partite ha segnato circa 1600 punti e ha preso in media 18 rimbalzi a partita. L'anno passato ha segnato 498 punti, realizzando una lusinghiera media di 19,2 punti, 19,3 rimbalzi per incontro e il 44 per cento dei tiri liberi. Era corteggiato dalla squadra di Houston della ABA.

In Italia ha esordito in giugno al torneo di Chieti. Ha fornito prove alterne, Assai brillante contro lo Zadar (25 punti) il 29 giugno dove ha anche marcato benissimo il forte Cosic.

Il Marine contende un rimbalzo

 

KEITH SWAGERTY

di Gianfranco Civolani

 
Nessuno è perfetto e dunque anche Messer Gigi Porelli per necessità contingente (non c'erano lire) fu costretto a provvedersi di alcuni americani veramente da brivido. E qui ricordo Morfeo Mills e il povero Skalecky (e dico povero perché era talmente bloccato e complessato da non riuscire mai ad articolare verbo) e dico il peggiore di tutti ovvero Mister Cook che quasi trascinò in B la gloriosa Virtus. Ma prima di Porellone la Virtus aveva presentato in pista qualche americanone abbastanza affidabile e qui potrei citare per esempio negli anni cinquanta Fletcher Johnson (oggi cardiochirurgo molto rinomato), un falso lungo dotato di grande esplosività ancorché un po' troppo dispersivo. E non era nemmeno malaccio quel Ted Werner che se non altro qualche rimbalzone con le sue manone dispari riusciva pur tuttavia a catturarlo. Ma certamente il più forte di tutti fu il marine Keith Swagerty il quale restò purtroppo una sola stagione in quanto - sue parole - era molto meglio il sole della California rispetto alle piccole angherie che gli faceva Dadone Lombardi.
Quel Swagerty arrivò in Virtus anche per merito mio, sissignore. Perché l'allora presidente virtussino Gabrielli mi chiese se in America conoscevo qualcuno che potesse accostare il lasagnone californiano. E io risposi che potevo mettere in azione il mio amico Enzo De Luca, un siciliano che aveva mille maniglie importanti.
Detto e fatto: subito De Luca fu avvertito e si mise in movimento e la concorrenza di Milano e Varese fu debellata e Swagerty scelse Bologna perché il mio amico Enzo evidentemente seppe fargli i discorsi giusti.
Bene, ad affare fatto dissi a Gabrielli che bisognava pagare la mediazione a De Luca mentre per me poteva bastare un caffè al bar. “Mio caro - mi disse Gabrielli - io a De Luca e a te farò due regali che vi stupiranno”.
Passò un mese e chiesi se almeno il regalo a De Luca - che abitava a New York - era stato spedito. “Ma certo che è già stato spedito”. “E cioè cosa è stato spedito?”. “Ma uno stock di dieci belle cravatte a fiori, vedrai che Enzo avrà apprezzato”.
Chiaro che da quel giorno De Luca mi tolse il saluto, peccato e pazienza. Ma il caffè al bar per me? “Vienimi a trovare nella mia villa sui colli e vedrai, vedrai.” Un pomeriggio andai sui colli. Gabrielli mi prese per mano e disse “Chiudi gli occhi un attimo”. E va bene, li chiusi. “Adesso riaprili”. E va bene, li riaprii. E mi trovai in mano una bella rosa rossa. “E’ del mio giardino, guarda quanto è bella, eventualmente fanne dono a una qualche tua signora”.
Bè, oggi a trent'anni di distanza che devo dire e pensare? Semplice: che non c'è rosa senza spine.

 

Articolo fornitomi dal Vescovo

GIGANTEGGIA SWAGERTY SI ARRENDE IL «SIMM»

Gran lezione di basket della Candy (77-67)

di Franco Vannini - l'Unità - 27/11/1967

 

Circa 7.500 spettatori (biglietti esauriti ) hanno assistito oggi al Palasport bolognese ad una formidabile lezione di basket. L'insigne maestro è stato 1'americano Swagerty. Diamo subito la parola alle cifre, aggiungendo che il suo avversario era Raymond (6 centimetri più alto). Dunque Swagerty ha realizzato 28 punti (tiri liberi compresi); su 22 conclusioni ha fatto centro la bellezza di 12 volte, ha preso 19 rimbalzi e una stoppata. Una validissima spalla dell'americano è stato Cosmelli,  regista impareggiabile, contropiedista attento e abile altresì nello spezzare gli attacchi avversari. Su questi due uomini la Candy ha costruito una vittoria netta «77 a 67», indiscutibile,. giacché per quasi tutta la partita ha mantenuto un vantaggio costantemente rassicurante. Dopo le prime battute equilibrate, la Candy passa a condurre di misura (al 6' 14 a 10), sono sempre i locali a dominare sotto tabellone con Swagerty che vince il duello con Raymond, mentre Cosmelli dirige e realizza  D'altra parte Masini (inizialmente controllato da Rundo, quindi da Lombardi) si dimostra in giornata ed è l'unico ad indovinare il canestro avversario. Al 10' il punteggio è di 24 a 14. Il Simmenthal è dominato, dopo aver messo in mostra qualche schema studiato per Raymond e Masini.

Il vantaggio si mantiene «tranquillo» per la Candy, che al 17' ha ancora 9 punti in più e conclude il primo tempo sul 40 a 30. La situazione non cambia granché nella ripresa. Eccovi appunto alcuni parziali: al 5' 51-36, al 13' 64-48, al 15' 67-53. alla fine i bolognesi vincono per 77 a 67. successo che non si discute, dunque. La Candy ha il merito di avere trovato la grinta e, soprattutto, un grande giocatore americano, Swagerty. Da lui partono ispirazioni geniali, con lui, in difesa, la Candy gioca tranquilla perché i rimbalzi sono quasi sempre suoi. Da un paio di domeniche è anche centrato nelle conclusioni.

Ora quindi la squadra gioca, ha una manovra. Lombardi non è più là in mezzo la «primadonna» di un tempo, oggi, accortosi di non essere troppo centrato (nel primo tempo un solo canestro su azione, su otto conclusioni), ha sgobbato parecchio in difesa. Individualmente validissimo pure Rundo, mentre Giomo è stato ordinato.

Il Simmenthal ha deluso. Praticamente è stato dominato fin dall'inizio. Su un solo piano si è salvato: la grinta, l'indomita volontà sino all'ultimo minuto per contenere la sconfitta in termini non umilianti. Sarà stata l'assenza di Pieri, ma, se si escludono i primi minuti con Raymond-Masini, per il resto ha fatto vedere ben poco. Individualmente sono piaciuti: il primo tempo di Masini e Jellini. Un elemento che cresce bene è Brumatti, mentre Riminucci non si è elevato dalla mediocrità. Raymond è stato dominato. Specie nel primo tempo ha tirato parecchio, ma in condizioni difficili, tanta era assidua la marcatura di Swagerty. Le cifre complessive dicono: 22 tiri, 9 canestri (nel primo tempo tre panieri su 13 tentativi), 6 stoppate e 7 rimbalzi, ma il suo apporto s'è fatto sentire quando il match era praticamente segnato.



 

QUANTE STAR "USA" NEL CIELO DEL BASKET BOLOGNESE

di Giovanni Cristofori - Il Resto del Carlino - 22/08/1974

 

Swagerty, 2,02, pivot. Forse il migliore centro visto sul parquet del Palazzo dello Sport, portò la Candy al secondo posto in campionato. Rimbalzista eccezionale, ma all'occasione ottimo tiratore, divenne ben presto beniamino del pubblico, ma alla fine della stagione lasciò Bologna per tentare la via del professionismo con scarso successo. Realizzò 409 punti.

SWAGERTY OGGI

 

Keith Swagerty oggi possiede e alleva cavalli da galoppo nello stato di Washington.