2000-01

di Ezio Liporesi per Virtuspedia

 

BRUNAMONTI FIRMA IL DERBY CADETTI

tratto da Il Resto del Carlino - 24/03/2001

 

Kinder 78: Brunamonti 21, Lodi, Graziano 4, Vitali 20, Zucchini 8, Biguzzi 1, Bruno 13, Conti 2, Cantore, Antonioni, Bonaiuti 9, Belinelli. All. Sanguettoli.

Paf 70: Lanfranchi, Chiarini 2, Repetto, Corazza 25, Grandi 9, Orselli, Sorrentino 22, Cristoni, Tinti 4, Belletti, Piga, Guizzardi 8. All. Politi.

Parziali: 26-13; 40-37; 59-55.

Pronostico ribaltato quando la favorita del derby allievi era la Virtus. I cadetti di Politi godevano dei favori del pronostico: si impongono i giovanotti di Marco Sanguettoli. La cronaca: partenza bruciante Kinder che in 6' si porta sul 17-1. Timeout di Politi: Paf a zona. Comincia la rimonta Fortitudo, parità al 26' (49-49). Un parziale di 7-0 per la Virtus in un minuto porta il punteggio sul 56-49. Ancora zona e +1 Paf in due occasioni, 61-62 e 65-66. Nuovo parziale di 6-0 e partita chiusa sul 72-67 con palla rubata da Vitali e assist per Brunamonti.

Molin commenta la prima gara delle finali nazionali: Virtus - Reyer 81-73

 

"Partita bruttina ed equilibrata, dove siamo stati sotto anche di 5 punti. Nell'ultimo quarto alcuni canestri in serie di Akrivos e Ferri ci hanno dato quel vantaggio cha abbiamo conservato fino alla fine".

VIRTUS ESTROMESSA DALLE FINALI E MULTATA DALLA FEDERAZIONE

Polemica: la strana storia degli allievi

tratto da Il Resto del Carlino - /07/2001

 

I reclami, nei campionati giovanili di basket non sono ammessi, ma la Virtus ci ha provato lo stesso perché si è considerata vittima di un'ingiustizia. Nella Città dei Canestri succede, talvolta, che una squadra del settore giovanile partecipi a due campionati - nel caso bianconero allievi nazionali e cadetti regionali - per consentire ai ragazzi di prender parte  a gare con un livello agonistico più elevato. È successo, in passato, fanno rilevare in Virtus, che una squadra abbia vinto il titolo provinciale e regionale della categoria più grande. "Questo perché si è sempre evitata, al club impegnato in un campionato, la concomitanza con una gara di un'altra categoria".

Ed è proprio su questo punto che vertono le rimostranze bianconere.

"Alla Kinder - fanno sapere dal quartier generale bianconero - è stato tolto il diritto di partecipare alla final four regionale del campionato cadetti (diritto acquisito sul campo) perché le date erano concomitanti (26 e 27 maggio). La Kinder aveva segnalato alla Fip questa possibilità il 28 marzo, la Kinder aveva confermato la concomitanza tre minuti dopo la conclusione della gara che l'aveva qualificata e due giorni dopo aveva formalmente chiesto lo spostamento degli incontri cadetti, mettendo a disposizione il proprio impianto per il fine settimana successivo".

Non è finita, perché oltre al danno ci sono 280 mila beffe. Perché la Virtus è stata multata, per non essersi presentata al concentramento, di 280 mila lire. Una sanzione che, viste le premesse, appare proprio un colpo basso. Ma la multa, è bene precisarlo, non è ancora stata pagata e, probabilmente, potrebbe diventare un caso sul quale discutere (ci auguriamo per migliorare il mondo della pallacanestro, non per complicarlo inutilmente).

"Che commentare? La squadra di nati nel 1986 della Kinder - prosegue la lettera bianconera - ha partecipato a un campionato della Fip senza poterlo concludere. Che cosa c'è di sbagliato? Fare attività o applicare i regolamenti in questa maniera? È meglio giocare a basket o burocratizzare il basket? A Basket City succede anche questo".