ANDREA LUCHI

Nato a:

Il:

Stagioni alla Virtus: dal 2007/08 al 2008/09

 

ANDREA LUCHI

da www.basketnet.it: I 50 nomi influenti del basket italiano

 

General Manager della Virtus Bologna, ha già battuto un record venendo riconfermato.
Prima di lui, infatti, Sabatini non aveva mai rinnovato il contratto a fine stagione ai suoi predecessori Bottai, Zanca, Faraoni e Santucci. Lui, invece, è riuscito a guadagnarsi la fiducia di un patron così esigente, anche al termine di un'annata non proprio positiva. Merito di un curriculum comunque importante, dove ha saputo cogliere risultati anche in piazze di secondo piano. Il suo esordio da GM, dopo dieci anni da giornalista, è nel 1995 a Montecatini che porta in sei stagioni in serie A, ai playoff e in Korac. Quindi, dopo la parentesi di Messina, l'occasione alla Scavolini, che, nel 2003, arriva alla finale di Coppa Italia e alla qualificazione in Eurolega. Dopo la promozione in A con Scafati e l'onesta salvezza a Sassari, l'approdo a Basket City.

 

CRISI VIRTUS, SABATINI CACCIA TUTTI: VIA BONICIOLLI, GIOVANNONI E LUCHI

Il Resto del Carlino - 28/05/2009

 

L'eliminazione ai quarti di finale dei playoff ha fatto esplodere la situazione in casa Virtus:  Matteo Boniciolli non è più l’allenatore della Virtus Bologna. E Andrea Luchi non è più il general manager. Lo ha ufficializzato la stessa società con due distinti comunicati apparsi sul sito. “Virtus Pallacanestro Bologna - si legge - comunica che si è concluso il rapporto professionale con Matteo Boniciolli. La società ringrazia il coach per il lavoro svolto e gli rivolge i migliori auguri per il futuro”.

Praticamente identica la nota relativa all’ormai ex manager Luchi, verso il quale la Virtus esprime riconoscenza “per il grande contributo umano e professionale dato alla società e gli augura un futuro ricco di successi”. Boniciolli si era seduto sulla panchina della Virtus Bologna il 10 novembre scorso al posto dell’esonerato Renato Pasquali, firmando un contratto di due anni.

Ma ad andarsene è anche il capitano Guilherme Giovannoni: pure quest’ultimo addio è stato reso noto dal club con una nota sul sito: “Virtus Pallacanestro Bologna comunica di aver interrotto il rapporto professionale con Guilherme Giovannoni - si legge - La società ringrazia Gui per l’impegno e la professionalità dimostrati durante questi anni e gli augura un affettuoso in bocca al lupo per un futuro ricco di soddisfazioni”.

 

LUCHI: «STAGIONE IN MALORA DOPO IL KO IN CASA CON SIENA»

di Elisa Fiocchi - Corriere di Bologna - 06/06/2009

 

Andrea Luchi, lei lascia la Virtus dopo due anni da General Manager. Come ha reagito alla decisione del patron Sabatini?

Il mio era un rapporto in scadenza, ci siamo salutati in maniera civile ed educata, non è stato né un addio né un arrivederci, ma un congedo sereno senza porte sbattute in faccia. Resta il mio quattordicesimo anno di carriera portato avanti fino alla fine, ne sono orgoglioso.

Eppure nell'ultimo mese, già circolavano le voci del suo possibile successore, un po' di amarezza deve averla provata...

Le voci c'erano e mi arrivavano naturalmente, non solo quelle riguardanti la mia posizione. Non aiutavano certo a mantenere la concentrazione generale, eppure ho cercato sempre di non distogliermi dal lavoro, quell'ufficio era la mia prima casa. Ho fatto uno sforzo umano e sovrumano ogni giorno, ero un po' l'equilibratore della Virtus.

Lei, Boniciolli, Giovannoni congedati tutti alla svelta, all'indomani dell'uscita dai playoff. Perché?

Non voglio giudicare lo stile, certamente sono stati addii inconsueti come modalità.

Due anni con Sabatini: com'è stare al suo fianco?

Non mi è stato difficile. Ha talento e idee, ama la Virtus e con la sua personalità non ti annoi mai. Mi ha sempre portato rispetto, anche nei momenti di scontro s'è dimostrata una persona schietta e pulita, non rancorosa, capace di mettere subito tutto alle spalle. Nei riguardi della squadra, dopo alcune sconfitte, era capace di togliere la pressione e sdrammatizzare, non è un pregio da poco. Certo, il salto di qualità sarebbe stato riuscire ad operare con un pizzico in più di equilibrio e di pazienza in ogni situazione.

Ci sono state tante turbolenze in questa stagione, conclusasi poi amaramente. Troppe aspettative sulla squadra?

Il clima con cui è finita la stagione è stato ingiusto. Purtroppo abbiamo condotto una stagione bella per cinque mesi e brutta nel finale che ha portato a un'atmosfera di delusione.

Da dove sono nati i veri problemi?

Nella troppa emotività, nelle troppe distrazioni e nell'eccessiva fretta. Non abbiamo gestito bene il dopo Siena di campionato: il rammarico sta nell'essere rimasti bloccati a quella partita, quando il dovere era concentrarci sul presente e sugli obiettivi. Sono stati inseriti argomenti che hanno distratto il gruppo. Quando Boniciolli mise in spogliatoio la foto di Boykins e del fallo non fischiato, gli dissi che aveva avuto una bella idea ma che avremmo dovuto attaccare il fotogramma precedente, ovvero il rimbalzo catturato da Kaukenas, un modo per partire dalle nostre responsabilità: le sconfitte successive, Ferrara e Teramo, furono figlie di quel vespaio di polemiche.

Anche su Boykins si sono concentrate tante chiacchiere. Lei che ha pensato?

Che i panni sporchi si dovessero lavare in famiglia: Earl non ha mai fatto la prima donna perché aveva giocato 600 partite in Nba, il suo finale di stagione non è stato esaltante ma in tante gare è stato lui a mettere il sigillo, anche a Ostenda quando giocò con un piede fuori combattimento. Forse non abbiamo fatto abbastanza per mettere a proprio agio alcuni giocatori.

Langford invece, resterà?

Io posso confermare che Keith voleva davvero il rinnovo, poi non so cosa succederà.

Sabatini che vuole cedere la Virtus. Quanta verità c'è?

Dopo l'ultima partita l'ho visto molto deluso, anche per la questione abbonati, mi sembrava sincero. Ma sapendo quanto ama la squadra, penso resterà alla guida.

Con un budget ridotto, si vocifera.

La mia logica non è mai stata quella di partire dal budget, in campo prima ci vanno gli uomini. Poi succede che Biella elimina Roma ai playoff...

Il suo momento più angosciante alla Virtus?

L'anno precedente, prima della partita con Montegranaro quando perdere poteva significare compromettere la permanenza della Virtus in serie A. In carriera non ho mai vissuto la retrocessione, fosse avvenuta proprio alla Virtus, sarebbe stata la morte civile.

Quanta pressione si accumula a lavorare a BasketCity?

Ce n'è tanta ma è il sale e la benzina di ogni stagione. Adoro lavorare nei posti con grandi aspettative, tanti media e tifosi interessati.

E il derby Sacrati-Sabatini?

Indubbiamente sono presidenti con due stili diversi. Analizzando i risultati direi che l'operato di Sacrati è stato un k.o tecnico alla prima ripresa. In due anni non s'è capito nulla, con il piccolo dettaglio di una retrocessione. Sabatini in 5-6 anni ha già intuito tantissime cose della pallacanestro.

Adesso c'è il suo futuro da costruire. Novità?

È ancora tutto lontano per il momento. Fino a venerdì mattina, prima che Claudio mi congedasse, non ero interessato ad esplorare nuove alternative.

Chi si porta nel cuore della Virtus?

Ringrazio comunque Claudio e Fabio Sabatini per l'opportunità che mi hanno dato. Poi certamente non posso dimenticare i senatori, come li chiamo io, ovvero Roberto Rimondini, Gigi Terrieri, Romano Bertocchi e Giordano Consolini. Queste quattro persone mi hanno dato sempre fiducia in due anni di lavoro, loro incarnano il vero stile Virtus.