CAL BOWDLER

nato a: Sharps (USA)

il: 31/03/1977

altezza: 207

ruolo: centro

numero di maglia: -

Stagioni alla Virtus: 2002/03

 

DOPPIO COLPO VIRTUS, PRESI BOWDLER E SEKURALAC

www.telebasket.it - 02/09/2002

 

La squadra del Presidente Madrigali ha anche firmato per questa stagione l’ala forte americana, ma di passaporto irlandese Cal Bowdler, prima scelta degli Atlanta Hawks col numero 17 nel 1999. Tre stagioni ad Atlanta per circa 11 minuti a partita di utilizzo, giocatore solido, con un buon tocco e propensione alla stoppata.

 

IL PUNTO DI BOSCIA TANJEVIC

di Francesco Forni - La Repubblica - 10/09/2002

 

Cal Bowdler, dalle referenze, pare un giocatore classico darea. Dove potrebbe essere più incisivo?
«Nella sostanza non credo sia un pivot molto diverso da Andersen o Frosini. Ho visto alcuni suoi filmati: si trattava di spezzoni che duravano pochi minuti, ma in base anche alle altre informazioni che ho ricevuto mi sono fatto un'idea. Bowdler, pur non essendo un grande nel gioco spalle a canestro, mi pare un buon lungo, per tecnica e applicazione. Adatto all'Europa, poiché è un pivot di taglia normale, non extra-large come avrebbe dovuto, se avesse voluto proseguire ad alti livelli in Nba. Quando ci ho parlato mi è sembrato molto motivato della sua nuova destinazione. Ci ha chiesto di avere pazienza per i ritardi del passaporto: era chiara la sua aspirazione di venire».

CAL BOWDLER, DALLA VIRTUS A SIENA

www.virtus.it - 29/10/2002

 

La Virtus Pallacanestro Bologna e la Montepaschi Siena hanno raggiunto l’accordo per il passaggio in maglia biancoverde di Cal Bowdler, ala statunitense, 27 anni, 208 cm. L’intesa tra le due società è stata siglata in data giornata. Il giocatore, con il doppio passaporto statunitense ed irlandese, è già stato tesserato e sarà a disposizione della formazione senese per la partita di giovedì con il Panathinaikos. Cal Bowdler nato a Sharps, negli Stati Uniti, è cresciuto nella Old Dominion University, dove ha giocato per quattro anni, mettendosi in luce per le sue doti di stoppatore: nelle ultime due stagioni universitarie, poi, è stato uno dei migliori giocatori di Old Dominion per punti e rimbalzi (10,2 pts e 8,8 r. nel 1998, 14,8 pts e 9,9 r. nel 1999). Grazie anche a questi numeri ha convinto gli Atlanta Hawks a sceglierlo nel primo giro della draft 1999 con il numero 17, cosa che gli ha permesso di firmare un ricco contratto garantito con la franchigia della Georgia. Membro dell’All Defensive Team CAA nel 1998, scelto con il numero 17 nella draft del 1999 (Atlanta Hawks), in questa stagione ha deciso di lasciare gli Stati Uniti per l’avventura europea.