MASSIMO ZANETTI

Zanetti esulta per la promozione in Serie A (foto tratta da bolognabasket.it)

 

Nato a: Villorba (TV)

il: 12/02/1948

Stagioni in Virtus: 2016/17 - 2017/18

ZANETTI CONQUISTA LA VIRTUS. È IL PRIMO SOCIO CON IL 40%

Per Mister Segafredo un impegno complessivo di 1,5 milioni. Baraldi entrerà in cda.

di Luca Aquino - corrierediologna.corriere.it - 21/01/2017

 

Allunga le mani sulla Virtus, Massimo Zanetti. L’assemblea dei soci della Fondazione di venerdì, durata quasi tre ore, ha deliberato un aumento di capitale da 1,5 milioni di euro che la Segafredo si è impegnata a sottoscrivere per il 40%. In questo modo, il re del caffè assumerà sostanzialmente il controllo del club salendo a una quota di maggioranza. Il restante 60% sarà suddiviso equamente fra la Fondazione, che resterà al 30% con i 600mila già versati in precedenza e che costituiscono l’attuale capitale della Virtus, e fra uno o più soggetti che sarebbero già stati individuati e che verranno ufficializzati in una nuova assemblea venerdì prossimo.

«Il dottor Zanetti e la Segafredo si sono assunti l’impegno di sottoscrivere il 40% di questo aumento di capitale — ha detto Luca Baraldi, rappresentante della Segafredo all’assemblea —. Cerchiamo di pilotare questo aumento come azienda di riferimento ma non da soli, abbiamo chiesto di trovare un altro soggetto che al 30% ci affianchi insieme alla Fondazione che rimarrà al 30%. Per me questa è una gran bella giornata, speriamo lo sia anche per gli altri e per i tifosi della Virtus ». La scalata di Zanetti era nell’aria, negli ultimi tempi era stata ribadita l’idea di non rimanere solo al comando ma di essere comunque disposto ad e dovrebbe essere lo stesso Baraldi. «Metteremo a disposizione della Virtus la nostra esperienza dall’esterno perché abbiamo ribadito la totale stima e fiducia in questo management — ha sottolineato Baraldi —. Noi entriamo come azionisti ma non nella gestione della società, che non ha bisogno di innesti». Innesti arriveranno in campo, come ha deliberato l’assemblea.

...

 Zanetti si sta divertendo, ha visto diverse partite, ha esultato al derby e gioisce per il primato in classifica. L’azienda elaborerà un piano arrivare a una quota del 40%, proprio quella che sarà sottoscritta la prossima settimana. In termini pratici, Segafredo verserà 840.000 euro nelle casse bianconere (il 40% dei 2,1 milioni di nuovo capitale sociale), che si vanno ad aggiungere agli oltre 300mila della sponsorizzazione e a quelli della precedente stagione. Si parla di un investimento da circa 1,5 milioni. Un uomo di fiducia di Zanetti entrerà nel cda della Virtus Pallacanestro triennale: «Siamo ambiziosi e Segafredo, come dice il presidente, è un marchio che di solito porta fortuna. In questi tre anni vogliamo dare stabilità alla Virtus e riportarla innanzitutto in A1. L’obiettivo era farcela in due stagioni, ma siamo in testa e ci proviamo. Una volta arrivati nella massima serie ci vorremmo consolidare e poi puntare al palcoscenico che compete alla Virtus, cioè quello europeo».

ZANETTI: "ABBIAMO FATTO UN MIRACOLO. HO DETTO A BUCCI CHE VOGLIO PORTARE LUI E LA VIRTUS IN EUROPA"

tratto da bolognabasket.it - 21/06/2017

 

Massimo Zanetti, patron della Virtus, è stato intervistato da Simone Monari su Repubblica.
Ecco un estratto delle sue parole

Sull’aspettarsi la promozione. Onestamente no, è stata una serata bella, bella davvero, è andato tutto bene, abbiamo centrato un filotto che francamente credo fosse inimmaginabile. Mi sembra un miracolo, ho già visto i video dei tifosi in piazza Maggiore, una grande soddisfazione. Sono appena arrivato, dico alla Virtus, e abbiamo centrato questo traguardo, vinto una Coppa Italia e gli Under 18 sono diventati campioni d’Italia. Beh, è un triplete anche questo. E in più ora sono ancora in corsa Allievi e ragazzini. Abbiamo un settore giovanile che è forse il migliore in Italia.

Sul contributo di Alberto Bucci alla stagione trionfale. Lui e Ramagli sono i due principali artefici, direi alla pari: io assegnerei il 50% dei meriti ad entrambi. Di sicuro Alberto è l’anima di questa società, io sono molto contento per lui, sappiamo quanto soffre, quanta forza ha, e sappiamo tutti quanto è stato importante il suo carisma, la sua competenza, perché, diciamolo, se non ne capisce lui di basket chi ne capisce? Alberto è stato prezioso per i consigli che ha dato, per come è intervenuto con Ramagli.

Sul rischio esonero di Ramagli durante i playoff. Queste son chiacchiere, Bucci non ha mai avuto la minima idea di cambiarlo.

Sul prendere la maggioranza del club. Stiamo benissimo così, noi al 40%, le Coop al 30, la Fondazione al 15.
Al Bologna fu una scelta pagata a caro prezzo? Di calcio preferirei non parlare. Anche qui, come nel Bologna, sono entrato per dare una mano, ho cercato di portare tranquillità economica.

Sul futuro tecnico della società. Chiariamo, io di basket non capisco nulla, quindi non entro nel merito, la gestione sportiva è in mano a Bucci, deciderà lui con gli organi della società, è giusto che queste scelte spettino a chi conosce il basket. Di sicuro questa squadra la rinforzeremo.
L’Europa? Vogliamo arrivare ai vertici nel giro di qualche anno, ho detto a Bucci che voglio dargli la soddisfazione di portare lui e la Virtus in Europa Vediamo se ci riusciamo, è un bene che Alberto abbia queste soddisfazioni, se le merita. E adesso godiamoci tutti assieme questo momento.