FILIPPO GIULI

Filippo Giuli col massaggiatore Giarella (foto da "Il mito della V Nera 1871-1971)

nato a:

il: ?/03/1891 - 04/08/1968

Stagioni alla Virtus: dal 1930 al 1933/34

 

È MORTO FILIPPO GIULI

Ex atleta della Virtus e apprezzato dirigente
Primatista italiano nel salto triplo e specialista dell'asta

 Stadio - 6 agosto 1968 (Archivio S.E.F. Virtus)

 

È improvvisamente scomparso Filippo Giuli, stroncato da una malattia che l'aveva colto qualche giorno fa, proprio quando diceva d'essere sul punto di partire per una vacanza in montagna

Nato nel marzo del 1891, Filippo Giuli aveva acquistato grande popolarità nel mondo sportivo bolognese. Fin da ragazzo aveva gareggiato per i colori della Virtus, come ginnasta e come atleta. Per la sezione Ginnastica della vecchia società bolognese aveva partecipato a numerosi concorsi nazionali e intrenazionali; come atleta era arrivato al traguardo della maglia azzurra: sue specialità erano il salto con l'asta e, soprattutto, il salto triplo. Mel salto triplo, in particolare, aveva stabilito nel 1910 il primato italiano.

Lasciata l'attività agonistica, non aveva voluto abbandonare il mondo dello sport; anzi, col passare del tempo, si era interessato ad altre discipline, segnatamente la pallacanestro. Era allenatore e istruttore giurato della Federazione ginnastica italiana e giudice benemerito della Fidal. Aveva costituito a Bologna la sezione dell'Associazione Azzurri d'Italia (della quale era stato poi nominato Delegato per la nostra città e consigliere nazionale).

I bolognesi che seguono le vicende sportive ormai da anni, difficilmente potranno dimenticare quella figura che era tra le più simpaticamente note della città; quell'uomo che pure in età avanzata, aveva tante cose da insegnare ai giovani che muovono i primi passi nelle piste, nelle pedane, nelle palestre.