GIANFRANCO LOMBARDI

(giocatore)

nato a: Livorno

il: 20/03/41

altezza: -

ruolo: ala

numero di maglia: 6

Stagioni alla Virtus: 1958/59 - 1959/60 - 1960/61 - 1961/62 - 1962/63 - 1963/64 - 1964/65 - 1965/66 -  1966/67  -  1967/68  - 1968/69 - 1969/70

statistiche individuali del sito di Legabasket

biografia su wikipedia

 

OLIMPIADI DI ROMA '60

Giganti del Basket - Agosto 1984

 

Dado Lombardi è diventato un nome mitico nella storia della pallacanestro italiana fin dal suo primo apparire alle Olimpiadi di Roma del 1960, durante le quali si presentò come una delle più belle realtà del panorama cestistico di allora, inserito nel quintetto ideale assieme a fenomeni come Roberstson e Jerry West.

"Penso che quelle Olimpiadi segnarono l'inizio del vero basket in Italia. Fino ad allora non facevamo paura a nessuno e fu proprio nel '60 che cominciammo ad avere fiducia nei nostri mezzi e riuscimmo a battere formazioni come l'Ungheria e la Cecoslovacchia, che prima ci avevano sempre 'bastonato'. Un ricordo che non cancellerò mai dalla mia mente è il primo tempo che giocammo contro lo squadrone americano: finì 52 a 48 ma la nostra prestazione ebbe dell'incredibile. Vidi più di una volta i giocatori americani guardarsi in faccia l'un l'altro allibiti di fronte alle nostre prodezze. Finimmo al quarto posto, ma la nostra vera posizione sarebbe stata la terza in quanto perdemmo una partita incredibile contro il Brasile. Quelle immagini sono ancora impresse nitidamente nel mio cervello: entrammo nel Palazzetto dell'EUR e 15.000 persone ci accolsero con un enorme boato.

Nessuno era abituato a giocare di fronte a tanta gente poiché gli spettatori che allora venivano a vedere la pallacanestro al massimo era 2.000: figurarsi la nostra emozione quando vedemmo tutte quelle persone che sventolavano il tricolore e gridavano "Italia". Si sarebbero meritati una vittoria, ma, purtroppo per noi, perdemmo.

Nei miei ricordi c'è anche la figura del Villaggio Olimpico: fu là che nacquero cestisticamente giocatori come Vianello, Vittori e Lombardi, ed ancora oggi quando passo da quelle parti e lo vedo non posso fare a meno di ricordarmi, anche con un pizzico di nostalgia, di quei 'bei tempi'".

Dado Lombardi attacca in palleggio (foto tratta da Giganti del Basket)

IL MIO ALLENATORE

Giganti del Basket - n. 2 dicembre 1966

 

Che cosa pensa del suo allenatore?

Preparatissimo, sul piano tecnico e su quello psicologico. Del resto non per niente Jaroslav Sip ha portato lo Slavia Praga aad una finalissima di Coppa Europa, non più tardi di un anno fa.

C'è un particolare tecnico che il suo allenatore le abbia insegnato o corretto, tale che possa servire da esempio?

Essendo arrivato da poco, il primo contatto di Sip con la squadra èstato necessariamente tutto teso ad una ricerca di amalgama, anche in considerazione dei mutamenti notevoli della formazione. Per di più la Candy ha iniziato la stagione attraverso una serie di vicissitudini contro le quali si è dovuto tutti lottare stringendo i denti. Un allenamento a ranghi completi finora non l'abbiamo mai potuto fare. Non c'è stato ancora tempo quindi per innovazioni tecniche, di grande portata.

Escludendo l'allenatore che ha attualmente, con quale altro allenatore italiano le piacerebbe giocare? E perché?

Vittorio Tracuzzi. Allenatore che ho già avuto nella prima parte della mia carriera. Mi piacerebbe tornare con lui per la sua stupenda conocenza del basket. Poi Paratore. Forse nessuno risponderà a questa domanda col nome di Nello Paratore, semplicemente perché a Paratore nessuno ci pensa mai veramente: lui è troppo in alto, è l'allenatore della Nazionale, non viene naturale di pensare a lui sullo stesso piano degli altri tecnici italiani. Ora, per me fare un campionato con Paratore (tra l'altro: Sip è proprio un tipo Paratore), è sempre stato un sogno, un'esperienza interessantissima che vorrei davvero poter fare: ma un sogno irrealizzabile, credo. Lo stesso discorso, più o meno,valer per Primo.

Sempre a parte quello che ha ora, quale degli allenatori che ha avuto ricorda con maggior piacere, per qualsiasi motivo?

Ricordo naturalmente con immenso piacere il mio primo allenatore, Otello Formigli, per la passione con cui dedica sé stesso al basket, per la modestia e la bravura con cui di continuo produce campioni nel suo vivaio di Livorno. Io vorrei, prima o poi, tornare da Formigli a ringraziarlo, a giocare ancora con lui. E credo che tutti i livernesi sparsi per le squadre di tutta Italia abbiano lo stesso desiderio.

Ha un'opinione in generale sugli allenatori italiani?

Tutti gli allenatori italiani che ho conosciuto a fondo, da Tracuzzi a Formigli, da Paratore ad Alesini, grandi e... piccoli, insomma, ho avuto modo di trovarli molto bravi, capaci, competenti.

Farebbe l'allenatore, anche al termine della carriera?

Finché uno gioca non può, credo, pensare sul serio di fare l'allenatore. Forse a me piacerebbe, comunque non ho idea, non ci ho mai pensato.

Dado a canestro (foto tratta da Giganti del Basket)

LIVORNESE CON SANGUE YANKEE

di Gianfranco Civolani - Giganti del Basket - n. 4 aprile 1967

 

Ecco qua l'antipatico. La maschera e il volto vorrei aggiungere. Antipatico, come tu mi vuoi. Tremula mammola, piuttosto. Un livornese che ha sangue yankee nelle vene. Si chiama McLombard, e un giorno lo naturalizzarono italiano, e magari noi non l'abbiamo mai saputo. Si chiama McLombard, è un califfo del basket, ma la sua psiche è un gambo. Gambo di mammola, come vedremo. Ma intanto mi si dice: gran tizio, mostro del basket, ma antipatico, antipatico da morire.

ANTIPATICO

Prendo lo spadone, buco il luogo comune, tolgo la maschera al mio yankee fatto in casa, gli addolcisco i lineamenti e gli parlo chiaro, gli dico che la musica è finita e che con me la recita è rinviata.

Io sto antipatico a molti, lo so. Però mi domando il perché. Ho mai fatto del male a qualcuno io?

Ti dovrebbero conoscere da vicino, su questo non c'è dubbio.

Dicono che sono un divo? Ma ti pare?

Mi pare e non mi pare. Troppo spesso ti atteggi...

Ma allora tu non mi hai capito! Lo sai chi vorrei essere io? Un giocatore come tutti gli altri, ecco quello che vorrei essere. Uno dei dieci, lo giuro.

Balle, grossissime balle. Tu vivi del tuo personaggio.

... un personaggio che mi frega. Perché io faccio la figura dell'antipatico e non lo sono proprio...

Lo ammetto. Il personaggio prigioniero delle proprie dimensioni fasulle. Fatevelo amico, il Francone, entrategli nella manica, e ci ritroverete il fanciullone, il marcantonio che a buon diritto coltiva il suo mito, ma un marcantonio che ha un cuore, che ha basket nelle vene, che ha voglia di stringere relazioni con il prossimo, che ha voglia di frantumare le scorie che qualcuno ha frettolosamente attaccato al suo personaggio. Antipatico? Ma dove? Se necessario, affrontatelo a muso duro, fategli capire che non è aria di filodrammatica, patti chiari, amicizia lunga. Avrete l'amico più caro, un amico campione oltretutto. Antipatico? Niente affatto. Un simpatico che ha paura di darlo a vedere, che si prepara le sue brave freudiane censure difensive per paura di denudarsi nell'intimo. Ecco qua l'antipatico. Frequentatelo, smonterete pezzo per pezzo tutta una certa vostra idea. Conoscere il campione per apprezzare l'uomo. Provateci.

TREMULA MAMMOLA

Il campione dalle ombre lunghe. Troppo lunga quell'ombra per lasciarlo tranquillo. Lui ha deciso: "la storia della mammola me la devi spiegare..."

Hai fifa di tutto. Vedi nemici per ogni dove. Ti manca la tranquillità di colui che è qualcosa più degli altri...

Mi faccio i fatti miei...

Non è vero. Soprattutto ti curi di quello che pensano i compagni, la stampa, gli amici. Fregatene. Gioca con grinta e basta. Piantala con le tue riserve mentali. Sari sempre discusso, è fatale...

Che mi discutano non mi interessa, è segno che sono un personaggio. Semmai mi infastidisce che da Lombardi si pretenda sempre la superprestazione. Sono un comune mortale anch'io, ti pare? E come posso scendere in campo tranquillo quando so che sono obbligato a fare grossissime cose, sempre...?

Basta che qualcuno su un giornale parli di te per mandarti in barca...

Perché i giornalisti si sono sempre fatti un'idea sbagliata su di me...

Qualcuno vede giusto, te lo dico io...

Ho capito, non mi sei più amico...

Ecco, lo sentite? Non mi sei più amico, devi essermi amico, quello lì mi vuol male, ho l'impressione che anche tu mi voglia male. Eccetera eccetera. Il colosso d'argilla, così lo ha definito Peppino (tout court) un giorno. Ha bisogno di una spolverata alle ossa ogni tanto, ha aggiunto ancora il Peppino.

Massì: spolveramogliele quelle ossa. Fiore per fiore, trasformiamolo almeno in un baudelairiano fore del male, altro che mammola. Un campione che alza la voce per paura di sentire il vuoto attorno a sé. Mi sovviene di quel testo di Inge, "Il buio in cima alle scale". Né mammola né treMula. Questo pretendiamo. Mo che vogliam bene al vero yankee della Candy.

MC LOMBARD

Gradirei il copyright dell'americanizzazione. Il fatto del "Mc" ha attaccato. Ora ci insistono tutti. Bene, il Mc Lombard è una cosa grande, grandissima. Nato e sputato per il superbasket. Uomo felice (moglie e prole), buon lavoratore (occupato nell'industria del suocero), il Francone completa la sua vita con quell'imprescindibile pane e companatico. Vita mondana, niente di niente. Sta in casa e legge. Legge basket. Frequenta tutte le palestre della provincia. Studia il basket. Se c'è una conferenza di basket, ci si tuffa. E prende la parola, e tiene pallino con arte consumata. Ogni tanto dice che la vita può consentirgli di piantarla col basket. Meriterebbe una botta in testa. Se smette col basket possiamo preparare la salma. In campo gioca con quelle mille riserve mentali in testa. Ma è mezza Candy, si abbia il coraggio di dirlo. Via il "Mc" e si spegne il sole in casa Candy. L'antipatico, la mammola eccetera, ala Candy se lo terranno ben stretto. Gli faranno un vitalizio. Se lo terranno proprio perché ha sangue yankee nelle vene.

L'avrete capito che sono fortissimamente Lombardiano. Lo sono perché lo sport non è solo pane e prosciutto impregnato di sudore. Lo sport è anche espressione campionistica, credo. Poi magari succede che Francone fa: "Se fai un pezzo per i Giganti, ti prego, parla delle mie sospensioni, insomma di me giocatore. Lascia stare l'uomo. Tutti vi fate delle idee sbagliate, e presumete di conoscermi. Insomma non fare colore, va liscio d'accordo?".

E così il Mc Lombard si aggrappa disperatamente alla sua mitologia. E trema. Ha paura, chissà perché, che qualcuno un bel giorno voglia scuoiarla, quella gratuita mitologia. Al di qua di quella, c'è il Lombardi vero, il baby di anni ventisei che troppo spesso prova un "ciuff" al cuore.

CARTA D'IDENTITA'

Gianfranco Lombardi nasce a Livorno il 28 marzo 1941. A 10 anni nell'Oratorio Salesiano della sua città comincia a giocare a basket e Don Breschi lo fa giocare nella Juvenilia. A 13 anni Lombardi passa al Livorno e gioca nelle squadre minori sotto la guida di Pinoschi.

A 14 anni il fanciullo prodigio esordisce in Serie A. Esordice come pivot, ma nel '56 Paratore convince Franco (durante un corso a Fermo) a trasformarsi in esterno per via della statura (metri uno e novantacinque). Il fanciullo prodigio passa alla Virtus nel '58 (con Tracuzzi) e fa quel giorno non ha più cambiato società).

L'esordio in Nazionale (Italia B-Francia B) avviene a Pesaro nel '57. Dopo alcuni mesi Franco debutta anche nella Nazionale maggiore (a Istanbul). Ed ecco il gran palmares di Lombardi: Quasi 100 maglie azzurre (mancano pochi gettoni). Partecipazione a 2 Olimpiadi, a 1 campionato del Mondo, a 3 campionati d'Europa. E infine Giochi del Mediterraneo, Challenge Round eccetera.

2 volte primo nella classifica Marcatori. Quasi tremila i punti segnati in campionato a tutt'oggi. Vinse per la prima volta la classifica dei marcatori a 19 anni (!). è capitano della Nazionale da alcuni anni. Gioca sempre come esterno. Sa fare tutto, ma la sua specialità è il jump-shot in corsa. La sua percentuale di realizzazione media in campionato si aggira sul quarantacinque per cento (pregevolissima).

è sposato con prole. Lavora con il suocero (ferramenta per mobili). Ha appena compiuto i ventisei anni.

Ha vinto e stravinto, ha avuto tutto nello sport. Avrà ancora tante cose belle negli anni che gli restano.

Non ha mai vinto uno scudetto.

Dado batte il suo marcatore

LE OLIMPIADI: È DIFFICILE SCEGLIERNE DODICI

Giganti del Basket - 06/02/1968

 

"Dado" Lombardi è cambiato. Credeteci, è cambiato. Oltre che essere uno dei più grandi realizzatori del campionato italiano (e magari d'Europa). è stato sempre considerato uno dei polemisti più accaniti, uno di quelli che - il sangue toscano è una base fondamentale in queste cose - difficilmente sanno star zitti e soprattutto astenersi dal criticare il prossimo. Le dure esperienze alle quali è stato sottoposto a Bologna, subendo a volte anche critiche ingiuste e che addossavano a lui la responsabilità dei ricorrenti insuccessi (o meglio mancati successi) della Candy, sono state una grande scuola per Dado. Oggi, non solo s'è messo a dar preziosi palloni ai compagni, magari evitando il tiro ad ogni costo, non solo ha cominciato a giocare forte anche in difesa oltre che in attacco ma è diventato anche uno dei più severi "critici di sé stesso". Forse le due trasformazioni sono connesse; lo abbiamo sentito, al termine di una partita persa fare spassionatamente l'elogio degli avversari e dire che "non solo hanno giocato meglio, ma erano senz'altro più bravi". Da un Lombardi così non si puà che sperare cose grosse; anche un completo "inserimento" nella nuova Nazionale che Paratore sta tentando di creare.

 

Durante la 2 edizione del Trofeo "Oscar del Basket" (alla quale la Virtus non partecipava) Eldorado, nel novembre 1969 Masini, Racalcati (rappresentato da Ossola) e Lombardi, classificatisi per il secondo anno consecutivo, ripettivamente, primo, secondo e terzo, con le statuine d'oro, argento e bronzo

Tratto da "Virtus - Cinquant'anni di basket" di Tullio Lauro

 

Nel 1959 arriva a Bologna un grosso personaggio, un giocatore simbolo delle Vu nere per lunghi anni, anni però sfortunati durante i quali lo scudetto rimane sempre in Lombardia e la Virtus può solamente guardare da lontano o da vicino, ma solo guardare. "Livornese di nascita" racconta Enrico Campana sempre da 60 anni di campionato, "Lombardi giura di essere stato virtussino fino dalla nascita. Spesso andava col padre a Bologna per seguire la squadra del cuore. Fu pagato 40 milioni, rivela. Quanto sarebbero oggi 40 milioni? Forse mezzo miliardo ...". MOlti imputavano ed imputano al grande "cecchino" livornese (in maglia Virtus segnò la bellezza di 4868 punti), di aver soggiogato con la propria grande personalità compagni e allenatori, così da avere in qualche modo frenato la possibile ascesa, le possibili vittorie del suo club. "Balle, i campionati li perdevano per una partita, massimo due, era una lotta gagliarda" è lo stesso Lombardi a raccontare "è stato un caso". Un caso o no, fatto sta che di scudetti Dado Lombardi non ne ha vinti. "è il mio solo grande rammarico" continua "tante volte vicini alla conquista e mai al traguardo. Perché? Allora si diceva: il complesso del Simmenthal. Una sorta di paura paralizzante di fronte ai grandi avversari. Io non sono mai stato d'accordo. Forse perché dei complessi non mi sono mai sentito prigioniero. Io ho sempre sostenuto che il Simmenthal, quel Simmenthal, era più forte di noi. Oh, non di molto, ma di quel tanto che bastava per arrivarci davanti alla resa dei conti. Ma non era una questione psicologica, era un rapporto di forze. Cedevamo dopo lotte gagliarde e testa a testa esaltanti". E a match esaltanti Lombardi si abitua presto. Alla sua prima stagione in maglia bianconera, viene scaraventato in campo con grande coraggio, o se volete la solita incoscienza, da Vittorio Tracuzzi: segna 23 punti sul campo dei campioni d'Italia del Simmenthal. "Fra i Knick o i Boston e la Virtus, avrei scelto la Virtus. Sempre." racconta McLombard come spesso viene chiamato oer chiarire a tutti che l'americano delle Vu nere era lui "Solo chi gioca in quella squadra lo può capire. Il presidente dell'Ignis Tedeschi e il presidente del Simmenthal Bogoncelli mi misero un assegno in tasca, ma non ho mai rimpianto, nemmeno per un momento, di aver scelto la Virtus. Perché se vince la Virtus è come quando vince la Juve: è la gioia dell'Italia intera".

Tutti sanno che Lombardi si consacrò campione di razza, fuoriclasse di livello mondiale alle Olimpiadi di Roma quando, appena diciannovenne, venne inserito nel quintetto dei migliori assieme allo slavo Korac e ai mostri americani tipo Jerry West, Jerry Lucas e Walt Bellamy, in una delle formazioni più belle mai mandate in campo con la maglia azzurra. Formazione che, non per niente,  terminò per un soffio al 4° posto, senza appoggi arbitrali, superata da USA, URSS e Brasile.

Dado a rimbalzo (foto tratta da Giganti del Basket)

MCLOMBARD E LA SUA LINGUA

di Gianfranco Civolani – Superbasket – 22/12/1983

 

Affascinante come e quanto? Fascinoso, turbinoso e rapinoso come una bella sciantosa, proprio così. Nasce come Gianfranco Lombardi da Livorno, ma poi col tempo lo etichettiamo in mille altri modi e gli rimane addosso il “Dado” e quelli come me lo ricordano come il McLombard dei tempi fastosi e gloriosi, e magari io particolarmente lo ricordo in questa maniera perché - scusate tanto -fui proprio io a storpiargli il cognome all'americana. Il suo fascino sommamente indiscreto. Sarà che a me piacevano da morire i giocatori che la imbucavano dentro… cerchiamo di capirci, io avevo poco più di vent'anni, lui ne aveva appena qualcuno di meno, ma come tirava e come imbucava… e nel frattempo mi riempiva la testa di mille favole e nel frattempo Giomone (al secolo Augusto Giorno) mi faceva notare che con egoistacci di quella tempra, gioco di squadra zero virgola zero e nel frattempo a Bologna c'era il partitino dei Giomofili e c'era il partitone dei Lombardofili e io, per la miseria, ero veramente amico dell’uno e dell'altro e ammiravo massimamente la tecnica difensiva di Giomone, ma ero magnetizzato dalle raffiche del Dadone, raffiche in campo e fuori. Intendiamoci bene: non ero così fesso da non capire che il Dadone tirava a prenderci per il naso tutti quanti e figuriamoci le amene sceneggiate con i giornalisti più o meno suoi coetanei e così trascorrevamo qualche mattinata raccontandogli io che tipo di servizio giornalistico si poteva fare insieme e raccontandomi lui quei che avrebbe fatto da grande, raccontandomi lui che avrebbe allenato magari la mia squadra di femmine senza pretendere una lira perché - mi raccontava - si vive di poesia o no? Mi ricordo quella sera a Lubiana, la Jugo di Nikolic contro l'Italia di Paratore. Una bolgia infernale, una paga memorabile, mi pare settanta a cinquanta per loro, era la Jugo di Giergia-Daneu-Korac-Rajkovic-Djuric, non so se mi spiego. A fine match sto all'albergo dei nostri, Lombardone tiene concioni nelle orecchie di Paratore e il prof mi fa: “Amico caro, abbia pazienza, ma lei riesce a togliermi dai piedi questo eterno rompicoglioni?”. Mille altri episodi potrei raccontare, mille altre robe da capitan Fracassa o da rompiglione o da incantatore di serpenti. Quando smetto di giocare faremo un libro insieme perché tu sei stato fra i giornalisti il mio profeta, mi diceva il Mc. E stai certo che per la tua squadra di donne non ci sarà bisogno di un coach, stai certo. Ma ne ha raccontate non so più quante, mai un minuto è venuto in palestra per dare un'occhiata alle mie baskettare e quando la figlia sua ha voluto provare a tirare a canestro, bè, la figlia sua si è tesserata per un club concorrente e naturalmente lui mi ha poi raccontato che la colpa era tutta di sua moglie che - la poverina - non poteva sapere che lui e che io e che insomma buonanotte e arrivederci. Impagabile Mc a Rieti, a Forlì, a Trieste e da altre parti ancora. Impagabile Mc perché con la sua chiacchiera, con la sua finta burbanza, con la sua maschera di cartapesta e con i berci che fa ai ragazzini ha saputo tracciare solchi e gettare semi e non c'è dubbio che un po’ qui e un po' là questo inimitabile istrione abbia fatto lievitare intere piazze e adesso che anche a Reggio il Mc lascia il segno e adesso che appunto a Reggio sognano orizzonti sconfinati di gloria, ecco che io mi rallegro vivamente e sinceramente perché cosa mai sarebbe la vita senza un minimo grano di follia? Ho sentito che forse scriverà un libro. Io non ci credo, ma mi risulta che semmai lo scriverà con un altro collega, mi sembra giusto. L'ho visto durante un'amichevole delle sue “Riunite”, l'ho sentito riempire di urlacci metà squadra, ma non Brumatti e i due Usa, mi sembra giusto anche questo. Mi ha confidato che la vita del coach sarà anche bella, ma che sarebbe addirittura paradisiaca se una volta nella vita gli capitasse di allenare a Bologna, Virtus o Fortitudo, ma qui a Bologna dove il Mc probabilmente ha contato troppe favole per farsi prendere sul serio, oggi che è coach vero, e molto più bravo di altri che stanno già nell'Olimpo degli immortali. Fateci caso: Rieti, Trieste, Forlì, Reggio Emilia, fateci caso. Aumentano i clienti al botteghino, si dilata l'immagine dell'azienda sponsorizzatrice, si valorizza qualche giovane e si parla e si straparla di tizio o di caio perché Dadone parla e straparla nel sonno. Per guarda com'è la vita. Quando McLombard giocava, dicevano tutti: un tipo capace di pensare solo per sé e incapace di ragionare di squadra. McLombard ha fatto il capolavoro. Si guadagna da vivere pensando agli altri perché poi gli altri facciano fare buona figura a lui, l'habla habla del canestro.

 

DADO LOMBARDI

Dan Peterson - www.basketnet.it

 

Dado Lombardi. Sto parlando proprio dei veri 'giganti' del basket. Ieri, Elio Pentassuglia, oggi Gianfranco 'Dado' Lombardi. Quando Ettore Zuccheri, ex-compagno di Dado alla Virtus Bologna, l'ha visto a Cortina nel 1975, dove eravamo per un clinic, notando l'aumento di peso di Lombardi, disse: ''Dado, doppio blocco laterale!'' Nessuno ha riso più del Dado. Poi, quando si parla di Lombardi, dove si comincia? Primo realizzatore Italiano? Olimpiade a Roma a 19 anni? Grande coach di club di diverse promozioni? Ha avuto un impatto sempre: mentalità attaccante come giocatore; quella difensivistica come allenatore.
Alberto Petazzi racconta questo 1000 volte meglio di me. Petazzi è GM a Trieste e cambia allenatore. Dentro Lombardi. Siamo nel 1977-78. Lombardi fa discorso con la squadra. Sto sbagliando i numeri ma l'idea è questa. Abbassando gli occhiali da sole per vedere tutti meglio, dice: ''Mi chiamo Lombardi Gianfranco, detto Dado. Primo realizzatore Italiano tre volte. Cento e rotte presenze in nazionale. Due Olimpiadi. Ho fatto più viaggi a Mosca che ... Berlinguer!'' Petazzi giura ancora che è stato il discorso più bello quanto allucinante di ogni tempo. è una fotografia del mitico Dado come coach e come personaggio unico.

Dado batte un giovane Renzo Bariviera

DADO LOMBARDI

di Enrico Schiavina - tratto da "DERBY! Fortitudo-Virtus - Storia di una rivalità senza fine

 

Gianfranco Lombardi, oggi "Dado" ma all'epoca anche "McLombard" perché giocava come un americano, è stato un grandissimo giocatore, è uno stimatissimo allenatore. In quarant'anni di basket si è tolto ogni genere di soddisfazione, fuorché una: non ha mai allenato a Bologna. Eppure, della Virtus Lombardi è stato giocatore-simbolo, negli anni Sessanta (vincendo la classifica marcatori, ma mai lo scudetto), e nella Fortitudo ha giocato due anni (vincendo 3 derby su 4, mentre in maglia Virtus ne ha giocati 8, perdendone 5).

Chissà, forse ancor oggi sta continuando a pagare quel salto del fosso, nell'estate del '70,acquistato per 25 milioni da una Fortitudo Eldorado che aveva chiaramente intenzione di strappare alla Virtus la sua bandiera, a qualsiasi costo. Mai completamente accettato da una parte, visto come un traditore dall'altra, l'incolpevole Dadone si è portato addosso questa macchia per una vita. E ricorda ancora benissimo di quando sua moglie, tifosa Virtus, al suo ritorno a casa dopo un derby giocato e vinto in maglia Fortitudo gli urlò inviperita: "Hai fatto tutti quei canestri? Adesso ti fai anche da mangiare da solo!"