WALTER MAGNIFICO

Walter Magnifico dalla lunetta

nato a: San Severo

il: 18/06/61

altezza: 209

ruolo: ala/centro

numero di maglia: 6

Stagioni alla Virtus: 1996/97

statistiche individuali del sito di Legabasket

biografia su wikipedia

palmares individuale in Virtus: 1 Coppa Italia

 

WALTER MAGNIFICO SEDICI ANNI DOPO: "MI VOLEVA PORELLI, MA ARRIVÒ FERRO"

di Alessandro Gallo - Il Resto del Carlino - 28/06/1996

 

...

Chi non salta è un pesarese. Emozionato, dopo sedici stagioni in biancorosso, Walter Magnifico si ferma a parlare con i tifosi (una cinquantina di Forever Boys) per chiarire le discussioni (legate a qualche gesto poco chiaro) di un paio di anni fa. "Giocavo per Pesaro", ribatte Walter, adesso è qui, e racconta che con la Virtus avrebbe potuto concludere quindici anni fa. "Mi voleva Porelli, ma ero in ballottaggio con Ferro. L'avvocato chiese lumi a John McMillen: credo che non gli abbia più parlato". Da un aneddoto all'altro. "Conosco bene Prelevic. Con la Scavolini affrontammo il Paok in Korac. Dopo aver vinto di 16 in casa ne buscammo 38 in Grecia: una delle peggiori giornate che io ricordi".

...

CARA VIRTUS, HO L'ENTUSIASMO DI UN ESORDIENTE

Superbasket - Giugno 1996

 

Walter Magnifico è nato a San Severo (Foggia) il 18 giugno 1961. Lanciato in A dalla Fortitudo Bologna, con cui esordì nel 79/80, l’anno dopo passò a Pesaro, dove ha giocato ben 16 campionati. In A ha segnato 8152 punti (10° assoluto), da 14 anni di fila ha una media punti superiore ai 10. In azzurro ha giocato 215 partite, era agli Europei di Atene l'estate scorsa. A metà anni '80 fu chiamato ad un camp dagli Atlanta Hawks.
Magnifico, con la Virtus è stato amore a prima vista?
Mi hanno colpito la fiducia e la disponibilità con cui mi ha parlato Cazzola. Ha capito che a 35 anni, e con il mio entusiasmo, chiedere un biennale vuol dire solo poter andare in campo con tranquillità.
Ma quello di Bologna è stato un "blitz" o parlavate da tempo?
Giocavo a Pesaro da 16 anni, non potevo andar via all’improvviso. In un incontro a tu per tu Valter Scavolini mi ha esposto i programmi futuri. Massima disponibilità nei miei confronti, ma, come accadde in passato con Andrea Gracis, non c'era la volontà di farmi un biennale. Quindi i piani non rispondevano alle mie aspettative.
C’è stata rottura immediata?
Rottura mai. Con Scavolini ho un rapporto bellissimo, gli devo tanto. Ci siamo incontrati ben 3 volte. Alla seconda, mi ha offerto un ingaggio inferiore a quello dell'anno scorso. lo l'ho accettato, ribadendogli però il desiderio di avere 2 anni di contratto. lì presidente mi ha fatto capire che la fiducia era immutata, ma che più di un anno non poteva.
Per la prima volta nella sua carriera si è affidato ad un agente...

Si, a Toto Ricciotti, che devo ringraziare perché è stato un ottimo professionista. Prima non ne avevo avuto bisogno. Ma, vista la nuova situazione, non potevo certo telefonare io alle società ed offrirmi...
Forse Scavolini non pensava che lei sarebbe andato a rafforzare un team da scudetto come la Virtus...
No, lo immaginava. Magnifico non poteva certo lasciare Pesaro per andare in A2! Al terzo incontro gli ho annunciato quest'opportunità e non ha tatto problemi. Mi ha confermato che la disponibilità del suo club e la sua stima personale restavano immutati.
Il suo legame con Pesaro resta...
Mia moglie è di Pesaro, la mia famiglia risiede a Pesaro e a Pesaro ho aperto una palestra. Qui tornerò per il dopo-basket al quale però non penso minimamente, perché è molto lontano.
Ma in quanti giorni è maturato l'ingaggio alla Virtus?
Una decina. La trattativa è stata lampo, con Cazzola ci siamo capiti subito. Certo, ho dovuto riflettere bene su questo passo. Ma non mi sono sentito combattuto perché ho avuto fortuna: la situazione era chiara da una parte (Pesaro) ed era chiara dall'altra (Bologna).
Aveva offerte anche dall’estero?
Si, dalla Grecia.
Ritroverà Alberto Bucci in panchina dopo i 2 anni dì Pesaro...
Mi ha illustrato i programmi della società. Conosco bene lui e la sua filosofia. Ma è anche vero che gli uomini non sono sempre uguali e la squadra a Bologna sarà molto diversa dalla Scavolini di allora, quindi sarà diverso Bucci.
Cosa la stimola di più?
Dovrò ricominciare da capo. A Bologna arriverò come l'ultimo dei ragazzini, senza privilegi o riguardi. Dovrò guadagnarmi lo spazio, la fiducia, il rispetto. Questa novità mi dà entusiasmo e mi fa sentire più giovane.
Si ricorda quando fu l'ultimo anno in cui giocò da non capitano? Ora le ricapiterà...
Per la verità non me lo ricordo (era il 1985, ndr). Dopo Brunamonti il capitano alla Virtus sarà Binelli. Porterò rispetto al mio nuovo capitano.
Bucci le ha parlato del tipo di utilizzo che le riserverà?
No ed ho gradito particolarmente la cosa. Non posso pensare che ad un giocatore venga garantito il minutaggio prima che si conosca l'esatta composizione della squadra e prima che si inizi a giocare.
Forse non sarà in quintetto...
Non c'è problema. Anche l'anno scorso, all'inizio, non ero in quintetto. Poi ho finito la stagione tra i primi 5, ma non do importanza a questo particolare. L'importante è sentirsi utili. In questo mi ha aiutato l'ultima esperienza in nazionale. Non partivo tra i primi 5, poi sul finire degli Europei ero in quintetto. L'importante è che Bucci abbia fiducia in me e me l'ha dimostrato. Poi ci saranno i momenti in cui potrò giocare di più e quelli in cui giocherò meno.
Passi per l'Italia, ma in Europa il trio Binelli, Carera, Magnifico può essere una coperta corta?
Penso che possiamo farcela ad alto livello anche in Europa. L'importante è che il reparto esterni riesca a trascinare la squadra dettando i ritmi. Poi a tener botta contro i pivot avversari possiamo pensarci noi. A Pesaro, io, Costa, Vecchiato e Natali vincemmo uno scudetto con Cook e Daye.
A proposito di mercato, alla Virtus, via Coldebella, potrà avere il suo numero, il 6...
Sono contento per il numero. Mi spiace, ovviamente, per la partenza di Coldebella. Claudio è stato uno dei miei più acerrimi nemici sul campo. Ma è il giocatore che adori quando gioca per la tua squadra.
Pesaro la applaudirà come ha tatto con Gracis?
Vedremo, sarà difficile che incoraggino un giocatore della Virtus. Però la gente deve capire le scelte mie e di Scavolini. Nel basket del futuro ci sarà sempre meno posto per le bandiere.

MAGNIFICO, PALLA A DUE COL PASSATO

Walter torna a Pesaro da avversario: "Non sono teso solo emozionato. Forse qualcuno fischierà ma altri ricorderanno cosa ho fatto con la maglia Scavolini per 16 anni. Alla Virtus ho ritrovato un Bucci con la carica agonistica di una volta. Non sono pentito della mia scelta, devo solo abituarmi alla nuova realtà"

di Alessandro Gallo - Il Resto del Carlino - 24/08/1996

 

La prima volta a Pesaro da avversario. Dica la verità, Magnifico, cosa le passa per la mente?

"Sedici anni di carriera. Centinaia di partite, due scudetti, vittorie e sconfitte. Un po' di tutto, insomma".

In questo suo ritorno c'è più emozione o paura?

"Diciamo che il carattere amichevole della manifestazione mi aiuterà. Ho pensato dverse volte a questo momento, credo che l'emozione prenderà il sopravvento sulla tensione".

Ma potrebbero accoglierla fischiando. In fondo ha lasciato la Scavolini dopo sedici anni.

"Mi sta bene tutto. So di aver dato tanto alla Scavolini, ma mi metto pure nei panni dei tifosi. Molti non accetteranno mai questa mia scelta, e per questo motivo mi fischieranno. Mi basta che ci sia qualcuno che si ricordi ancora di quel che ha fatto Magnifico con quella maglia".

Ma perché ha lasciato le Marche?

"L'ho detto e ripetuto. Ho 35 anni, non sono più un ragazzino, ma credo di poter reggere a questi ritmi ancora per qualche anno. Pesaro mi offriva un annuale, io volevo un rapporto più lungo. Così mi trovo qua, a Bologna".

Pentito della scelta?

"Assolutamente no. Sono in pace con la mia coscienza, e poi sono arrivato in una società ambiziosa, in una delle squadre più forti che ci siano in Italia e in Europa". 

Un bilancio di queste prime settimane all'ombra delle Due Torri"

"Positivo, senza ombra di dubbio. Non ho saltato un allenamento, mi sento bene fisicamente. Cosa potrei volere di più? L'unico problema è che, dopo tanti anni a Pesaro, ci vuole un piccolo sforzo mentale per abituarsi alla nuova realtà. Ma ci sono già riuscito".

A Bologna ha ritrovato Bucci. È cambiato il coach bianconero?

"No, ha sempre la stessa carica agonistica, che riesce a trasmettere ai giocatori con grande facilità. Alberto ha un pregio: comunica in modo semplice, senza tanti giri di parole, così la squadra non ha difficoltà a seguirlo".

Tra i nuovi compagni c'è qualcuno che l'ha colpita?

"Galilea, non ho dubbi. Non solo è un gran giocatore, ma è una persona squisita. È arrivato da poco in Italia, ma vuol conoscere tutto, si documenta, si interroga. Un bel tipo, insomma".

A che punto siete della preparazione?

"A buon punto: nel torneo di Portorose abbiamo fatto le prove generali, a Pesaro si vedrà un gruppo più rodato, anche se mancherà ancora Savic".

Toccherà ancora a lei partire in quintetto.

"Così assaggerò subito quell'impianto del quale si favoleggiava dai tempi del primo scudetto della Scavolini. Peccato che nessuno di quella squadra abbia potuto giocarci con la maglia biancorossa".

 

WALTER MAGNIFICO

"Il chi è chi" 96/97, redazione Superbasket

 

L'ex idolo di Pesaro, il capitano positivo e sereno, l'ala più dinamica d'Italia non si ritrova più molto in questo basket lento e antispettacolare, lui che per anni esaltava le folle con il suo tiro perfetto dalla distanza ...

Un po' sottotono nell'ultima stagione, la prima lontana da Pesaro, deve reinventarsi uno spicchio di carriera a Roma ...

Sarà sicuramente una presenza nello spogliatoio, dove è sempre stato più mediatore (soprattutto con gli americani) che leader ...

Ha perso due o tre stagioni di allenamenti intensi a causa dei malanni alla schiena e al ginocchio ...

 

Al tiro da sotto contro Thurl Bailey della Polti Cantù

WALTER IL MAGNIFICO,  RE D'EUROPA

L'esperienza e la precisione dell'ex Pesarese decisive con Spalato. "Non potevo sbagliare: mi è bastato seguire l'esempi e la grinta di Carera. Per la Kinder era l'ultima carta, non potevamo gettarla al vento"

di Alessandro Gallo - Il Resto del Carlino - 22/02/1997

 

Un martello. Walter Magnifico ha aggiunto un'altra pagina indimenticabile alla sua lunga storia. Walter il "Magnifico" è entarto in punta di piedi e, senza forzare una conclusione, ha dato una robusta mano alla Kinder, prima a resistere al ritorno dei croati, poi ad affossarli, senza alcuna pietà. Con le sue lunghe leve ha recuperato rimbalzi offensivi importanti; con quella sospensione mortifera ha punito l'entusiasmo degli spalatini. Però Walter "rifiuta" le luci della ribalta e le orienta verso un compagno, Carera.

Bella partita. Complimenti.

"La sentivamo parecchio. Sapevamo che, sbagliando, l'Europa sarebbe rimasto un sogno. Battendo Spalato avremmo ottenuto la qualificazione agli ottavi: nessuno si è tirato indietro".

Come lei, per esempio.

"Beh, credo che sia stata fondamentale la prova di Prelevic. Mancava Arijan, sapevamo che non era facile segnare i suoi punti. Bane lo ha fatto con molta naturalezza e poi ha difeso anche molto bene".

Ma lei è entrato a freddo, contribuendo al break.

"Non potevo fare diversamente: davanti avevo un esempio eccezionale".

Quale?

"Quello di Flavio Carera. È uno che in attacco tocca pochi palloni, ma in difesa si sente, eccome se si sente. Sporca tutti i passaggi avversari. Ma quello che più mi ha dato la carica sono state quelle conclusioni che lui ha cercato, con grinta e temperamento. Ha realizzato canestri importanti, così ha dato la spinta giusta a atuta la squadra. Quando Alberto mi ha gettato nella mischia ero caricatissimo, perché l'esempio di Flavio aveva veramente dato più coraggio e consistenza a tutti. E poi...".

Sì?

"Come dicevo prima Flavio è un difensore eccezionale. Non ha ceduto un centimetro e su quella difesa abbiamo costruito un successo importante".

Ma non vogliamo proprio parlare di walter, il Magnifico?

"Parliamo della Kinder, piuttosto, e del risultato che ha ottenuto. In Eurolega avevamo commesso fin troppi errori, ma nel momento decisivo ci siamo ritrovati nonostante Arijan fosse fuori per infortunio e lo stesso Binell avesse dovuto abbandonare all'inizio della ripresa".

E adesso?

"Un paio di giorni di riposo, poi si riprende".

Si ricomincia dal campionato, il 2 marzo a Varese, e quattro giorni più tardi, a Milano, per l'Eurolega.

"Ora vado a Pesaro. Non per l'All Star Game ma perché voglio andare a trovare un sacco di amici ai quali l'avevo promesso da tempo. Poi ci sarà Varese, ma soprattutto Milano. Con la Stefanel ce la giochiamo in trasferta, ma sono convinto che questa Virtus, recuperando gli infortunati, e giocando su questi livelli, possa farcela".

ANDATA E RITORNO

di Marco Tarozzi tratto dal libro "Semplicemente Magnifico"

 

Succede, dicono. A volte succede. Non che uno si sieda sugli allori, ma insomma: vivi in una città da sedici anni, di mestiere fai il giocatore di basket professionista e sei l'idolo locale, il punto di riferimento, la bandiera. "Col numero 6, Walter Magnifico": e via, il palazzo s'infiamma. D'accordo, negli ultimi tempi la squadra non brilla come ai tempi d'oro, gli scudetti in bacheca cominciano a fare la polvere, ma come fai a pensarti su un'altra piazza con un'altra canotta addosso, altri colori? Davvero, è fantascienza. Invece, capita ed è tutto così dannatamente improvviso. Estate 1996.

Non immaginavo che un giorno avrei dovuto fare le valigie e andarmene da Pesaro. Distaccarmi dalla gente che mi aveva accolto così bene sin dai primi giorni e verso la quale nutrivo e nutro tutt'ora un profondo affetto. Non più, arrivato a quel punto della carriera. In tutta sincerità ho vissuto un momento molto triste della mia vita e quell'incertezza me la sono portata anche tra le mura di casa. Passai tre giorni difficili, quelli in cui si sviluppò la situazione del mio rinnovo contrattuale. In ballo c'erano il mio futuro, i rapporti con la società, le scelte fatte dal nuovo tecnico, Zorzi. Quando cominciai a capire, insieme a Donatella, che la possibilità di interrompere il rapporto, e di conseguenza la necessità di andare via da Pesaro, si facevano concrete, mi trovai spiazzato.

Non abbastanza, o almeno non abbastanza deluso, da decidere di chiudere con il basket giocato.

Mai passato per la testa di abbandonare, mi piaceva tanto giocare ed ero ancora molto motivato nel volermi misurare sul campo con gli altri e contro gli altri. No, non mi sembrava ancora arrivato il momento, E in questo mio moglie era d'accordo con me, ancora una volta il suo sicuro sostegno fu fondamentale. 'Non c'è problema, se bisogna andare, si va tutti insieme, perché siamo una famiglia'. Ma nel mio cuore il senso di tristezza era forte. Soprattutto perché stranamente vedevo interrompere un rapporto, sì di lavoro, ma fatto di estrema stima e fiducia reciproca, durato la bellezza di 16 anni. Ciò che mi amareggiò fu il fatto che il tutto si svolse attraverso semplici telefonate. Non un incontro, magari seduti ad un tavolo, e senza avere spiegazioni precise. Sono sicuro che il nocciolo della questione sta nella valutazione che la società aveva fatto su di me. Avevo chiesto di prolungare il rapporto per un biennio accettando anche la riduzione economica, mi proponevano il rinnovo per un solo anno, era evidente che non credevano più nella mia tenuta fisica, che pensavano che non avrei potuto più dare garanzie di rendimento. In realtà la scelta di ringiovanire la squadra, che era già cominciata qualche tempo prima con la partenza di Gracis, Costa e Zampo, fu in un certo senso voluta anche dalla piazza e finì per coinvolgere anche me soprattutto dopo una stagione non troppo esaltante. L'idea di ricostruire un nuovo gruppo entusiasmava un po' tutti a Pesaro: per carità, un'ambizione sacrosanta, naturale dal momento che il gruppo cominciava ad avere un'età media piuttosto alta. Ma non immaginavo che si arrivasse ad una radicale trasformazione. In quei giorni chiesi all'amico Toto Ricciotti di capire con me la situazione in cui ero e lui, in maniera molto serena e sincera, mi tranquillizzò. Dall'alto della sua abilità professionale aveva già capito che tutto non sarebbe finito lì, anzi...

Tre giorni di smarrimento, si diceva. Non uno di più, perché a bruciapelo arriva la chiamata di un'altra grande squadra, quella che forse in un momento dei genere neppure uno come Walter Magnifico si aspetta. Suona il telefono di casa, Walter alza la cornetta e di là c'è Piero Costa. C'è la Virtus Bologna.

Quell'invito mi diede serenità e nuove forti motivazioni. Per tre giorni mi ero sentito a pezzi, col morale sotto i tacchi. La chiamata della Virtus mi riempì d'orgoglio. Richiamai il presidente Scavolini, gli dissi con sincerità che mi cercava una grande squadra, che avrei preferito restare ma se proprio non c'era alcuna possibilità ero pronto a fare le valigie. Lui mi riconfermò solo la loro proposta.

Momenti difficili, non solo per un giocatore che si riconosce nei colori della squadra in cui è cresciuto, nella quale ha giocato sedici stagioni vincendo due scudetti. Anche per una società e una città che quel ragazzo, all'inizio, lo avevano voluto con tutte le loro forze, e poi lo avevano visto crescere e diventare un campione.

Credo che sia dispiaciuto anche a lui. D'altra parte è sempre stato un presidente che dà piena fiducia al coach che ingaggia e quindi se gli era stata suggerita una strategia quella doveva essere la strada da seguire.

Il momento del distacco. Le ultime parole famose, o almeno quelle che al momento sembravano tali.

Chiamai il presidente e gli dissi: 'Signor Valter, ho concluso, vado via'. 'Posso sapere dove?'. 'Certo, vado a Bologna, nella Virtus'. 'Proprio lì?' mi rispose. 'Proprio lì. Proprio in un'altra grande squadra'. Così, semplice e diretto. Sono le parole esatte che ci dicemmo.

Ricorda altro, Walter. Il giorno del primo ritorno al Bpa, con la canotta della V nera, in un torneo amichevole di precampionato. Altro momento da dimenticare, se solo fosse possibile.

Un brutto giorno. Mi è arrivata anche qualche monetina addosso quando sono sceso in campo e hanno insultato la mia famiglia, come a significare che era stata tutta una questione di soldi. Non potevo e non volevo crederci. Capii che la passione di Pesaro verso il basket non vive di mezzi termini, o sei con loro o sei contro di loro. Mi dispiacque molto. Ma col senno di poi credo di inquadrare meglio i motivi di quella contestazione. Nessuno aveva capito bene le ragioni per cui me ne ero andato due mesi prima. Le cose, del resto, si chiarirono in fretta, Quanto tornai quattro mesi dopo, per la sfida di regular season, con la Scavolini purtroppo già in crisi, mi dedicarono uno striscione che attraversava tutto il campo, e io feci il riscaldamento pre-partita tra le lacrime. In quei momenti sentii di essere biancorosso a vita, che il mio cuore batteva solo per Pesaro. Emotivamente, fu un momento bello e difficile al tempo stesso.

La Virtus è la svolta. Lo stimolo che occorre anche ai campioni, quando magari si sentono vicini al crocevia della carriera e qualcuno, con una semplice telefonata, li fa sentire ancora importanti.

Quella chiamata fu la benzina che mi permise di andare avanti ancora cinque stagioni, prima di ritirarmi. Anche se ebbi le mie difficoltà, trovandomi nella condizione di dover cambiare ruolo, funzione: da giocatore che entrava subito in quintetto e giocava trenta minuti a partita, dovetti trasformarmi giocoforza in uno che esce dalla panchina, rinforzo a cui si chiede una certa affidabilità. C'è , in questi casi, la necessità di un adattamento fisico e mentale. Alla Virtus mi sono reso conto per la prima volta che i giocatori da panchina devono avere una forza interiore incredibile, più intensa dei titolari. Devono aspettare, effettuare come tutti un buon riscaldamento e poi magari stare fermi anche un quarto d'ora, cercando di mantenere alta la concentrazione per poter dare qualcosa di utile una volta entrati in campo. è un ruolo difficilissimo, e Roberto Brunamonti mi aiutò molto a interpretarlo. Mi parlò dei suoi ultimi anni cinconeri, del modo in cui lui aveva affrontato il cambiamento.

Stagione contraddittoria, per gli uomini della V nera. Stagione di cambiamento, dopo la partenza di Danilovic per gli States.

Vincemmo una Coppa Italia contro la Polti Cantù e non era certo quello l'obiettivo di una squadra come la Virtusm che con Sasha era abituata a primeggiare. C'erano Komazec e Savic, arrivarono Prelevic e Patavoukas che avrebbero dovuto dare qualità ed esperienza, ma non riuscimmo a cementarci nel modo giusto. Galilea, poi, s'infortunò gravemente in una delle prime partite e visse una stagione difficilissima. Ma erano tutte ottime persone. Ci furono anche momenti drammatici: la morte di Piero Costa, che lasciò un vuoto in tutti noi, l'esonero in un certo senso a sorpresa di Alberto Bucci. In più, quell'anno non riuscimmo a portare a casa nemmeno un derby, con la Fortitudo ne perdemmo cinque fra regular season e playoffs. Una stagione non entusiasmante, ci venne meno la continuità rispetto a quelle precedenti. Resto dell'idea che quella fosse una squadra in grado di fare molto di più di quanto fece. Davvero, non fu un'annata da Kinder. Anche se io quella Coppa Italia me la tengo stretta. Ma mi rendo conto che per il presidente Cazzola, uomo di successo, e per una società abituata a primeggiare, quell'annata sia stata catalogata alla voce 'esperienze dimenticabili'. Per me e la mia famiglia invece fu il contrario perché ci integrammo molto bene grazie alla disponibilità e cortesia di tanti bolognesi. Ottavio non ci stancheremo mai di dirtelo, per noi sarai sempre un grande amico.

Walter magnifico infila nel baule dei ricordi un altro trofeo. è una stagione diversa, la prima da "numero sei", anche di fatto. Ha un ruolo diverso, a Bologna è diventato un cambio di lusso, ha speso bene la sua esperienza e la sua intelligenza cestistica. E ha trovato, comunque, i suoi spazi. Trentatré partite in regular season, una media di quasi diciotto minuti e 8,3 punti per gara. Ma la valigia, a fine stagione, è da rifare. Un saluto a Bologna, un benvenuto da Roma. Lo attende la Calze Pompea di Attilio Caja.

 

WALTER MAGNIFICO

di Dan Peterson - www.basketnet.it

 

La Scavolini Pesaro è stato l'avversario più terribile della mia Olimpia Milano durante gli anni '80. Nel 80-81, coach Franco 'Ragno' Bertini ci ha battuto 3-su-3; nel 1981-82, abbiamo fatto la finale-scudetto; nel 1982-83, la semi-finale playoff; nel 1983-84, la semi-finale Coppa delle Coppe; nel 1984-85, ci eliminò in semi-finale Coppa Italia e noi li abbiamo battuto in finale-scudetto; nel 1985-86, finale Coppa Italia; nel 1986-87, finale Coppa Italia e quarti di finale Playoff. Ogni giorno, a me sembrava, dovevamo disputare una partita o una gara difficilissima contro la Scavolini Pesaro.
Artefice di quelle vere battaglie era, per loro, Walter Magnifico, ''Il Leone da San Savero in Foggia''. Lui era il prototipo dell'ala grande moderna in Italia, il 2.08 capace di tirare da fuori e giocare uno contro uno faccia a canestro come era anche in grado di giocare in pivot basso, spalle a canestro. Oltre quello, sapeva difendere su un pivot come contro un'ala, pigliare rimbalzi, passare la palla e giocare per la squadra. Insieme a tutto ciò, era uno di quei giocatori che c'era nelle partite che contavano di più, il vero campione, non quello che fa 45 contro l'ultima in classifica poi spara un 5-21 nella partita dell'anno.
Ma la cosa più difficile era marcarlo. Metti uno piccolo e veloce (perché Magnifico era anche veloce), lui lo portava sotto canestro e lo segnava in testa; metti uno alto e potente (perché Magnifico era anche forte fisicamente), lui lo portava fuori per comodi tiri o entrate micidiali. Ho preso in squadre difensori per solo cinque giocatori durante la mia carriera in Italia: Bruce Flowers, Oscar Schmidt, Antonello Riva, Pierluigi Marzorati e Walter Magnifico. Russ Schoene mi disse: ''Quel Magnifico potrebbe giocare nell'NBA.'' Infatti, Mike Fratello, coach di Atlanta, l'ha scelto e l'ha anche provato nell'estate del 1986.
La cosa che mi disturbava di più di Magnifico era la facilità con cui faceva le cose. Forse meglio dire la 'eleganza' dei suoi movimenti. Mettevo forse anche il mitico Vittorio Gallinari addosso a Magnifico, oppure il leggendario Dino Meneghin. Magnifico, con una semplicità disarmante, trovava lo spazio per tirare con minimo sforzo. Peggio, caricava i miei uomini più importanti di falli perché era così difficile da contenere. Ecco Magnifico, non un giocatore statico, ma totale, capace di girare per qualsiasi metro quadrato del campo con efficacia, il classico giocatore 'multi-dimensionale,' come dicono ancor'oggi nell'NBA.
Quel quintetto che ho nominato sopra, con Riva e Magnifico, avrebbe, secondo me, anche fatto bene nell'NBA. Metterei loro in campo contro qualsiasi squadra NBA dei tempi o anche oggi. Non farei certo una brutta figura. E sono certo che Walter Magnifico darebbe parecchio fastidio alle ali grandi anche oggi. Forse, oggi, sarebbero leggermente più veloci di Walter. Ma non più tecnico, non con più cuore. Beh, un giorno, un giornalista mi ha chiesto una descrizione flash di Walter Magnifico, in tre parole. Ho detto: ''Punti, rimbalzi, esperienza.'' Purtroppo, tre parole non sono sufficiente per un giocatore 'totale' come lui.