CHARLES SMITH

(Charles Cornelius Smith)

Charles Smith chiama un blocco

nato a: Forth Worth (USA)

il: 22/08/1975

altezza: 195

ruolo: guardia

numero di maglia: 16

Stagioni alla Virtus: 2003/04

biografia su wikipedia

 

SMITH, VISITE OK E PRIMO ALLENAMENTO

di Marco Martelli - La Repubblica - 16/10/2003

 

Charlie Smith è pronto per la Virtus. è arrivato martedì sera, ieri ha passato le visite e fatto il primo allenamento, oggi riparte per la Grecia ritirare il visto. Se non incontra problemi, può farcela per esordire domenica a Scafati, sennò, più probabilmente, sarà in campo a Ferrara, quella dopo. Non c’è fretta, ora, anche se fin qui s’è dovuto fare tutto di corsa. Poco più di ventiquattr’ore in città e, a poco meno di 300.000 dollari per un anno, la Virtus ha ingaggiato Charlie Smith detto il Ragno. Il blitz è da raccontare.
Felpa bianca XXL, cappellino da pescatore, numero cinque valigie al seguito: all’aeroporto Marconi, Smith plana così, alle 22.30 di martedì. Ad accoglierlo, i suoi nuovi dirigenti: Tudini («No, non sono io il presidente, il number one è Claudio»), Sabatini, il coach Ticchi, il ds Santucci. Strette di mano e presentazioni, poi Charlie comincia a parlare del suo stato fisico, ciò che più preoccupa la dirigenza bianconera, e che ieri ha fatto avviare un’accurata serie di visite mediche.

Sono a posto, mi sento bene: in Grecia mi sono allenato un mese e mezzo senza saltarne uno. Sono però fermo da 5 o 6 giorni: non vedo l’ora di tornare in palestra.

Da Kozani a Bologna, un salto discreto.

L’esperienza in Grecia è andata male, ma non certo per il posto: avevamo una delle migliori palestre dove allenarci, non c’era motivo di lamentarsi. Ma il gioco non mi piaceva: troppo lento, non adatto alle mie caratteristiche. Non è andata bene e il coach ha deciso di tagliarmi: io non ho deciso nulla, non sono uno che lascia le squadre a metà. Qui invece troverò un tipo di basket che ricordo, un basket più veloce: so che alla squadra piace correre, e piace anche a me. Ruolo preferito? Guardia tiratrice.

Del nuovo mondo conosce ben poco, ma una cosa sì.

Ho giocato contro Cummings nella Nba: io agli Spurs, lui a Philadelphia. Gli altri li conoscerò strada facendo: però conosco la storia della Virtus, so che riempie il palazzetto, e ricordo che quando ero qui con Udine era la squadra migliore d’Europa». Vecchio continente, dopo il rifiuto della Nba. «Quest’estate ho giocato una buona Summer League, ma non mi hanno fatto offerte concrete. Avevo molte proposte dall’Europa, soprattutto dall’Italia: avevo scelto la Grecia per l’offerta economica migliore. C’è stata una guerra tra agenti? Non so cosa sia successo qui: io ho ascoltato solo Tony Dutt, che è il mio agente da circa sei mesi.

A Giampiero Ticchi brillano gli occhi.

Abbiamo bisogno di personalità e lui ne ha. è un grande giocatore, con grandi capacità offensive ma anche difensive. Tutto ruota attorno alle sue condizioni fisiche.

E se andasse male, la Virtus ha già pronta la riserva.

Ma non ci voglio nemmeno pensare - dice Ticchi -. Charlie è il primo della lista: qualcun altro, dopo di lui, c’è, ma vogliamo sperare che sia tutto a posto. Ho visto un paio di partite della Summer League: è andato bene. Ne ho vista anche una di quelle in Grecia: mi pareva che il problema fosse il non-ambientamento.

A Scafati, intanto, la Virtus avrà El Gringo. Ticchi si sta già stropicciando gli occhi per i primi allenamenti di Andres Pelussi: una furia, con cui Paolo Barlera ha dovuto subito fare i conti. Ma l’argentino non è ancora in peso forma. «Coach, non ci siamo: peso 110 chili» gli ha detto l’’animale’. Replica di Ticchi: «Devi arrivare a 106?». «No, a 118...».

 

SMITH: QUESTA VITTORIA PROVA CHE SIAMO UNA VERA SQUADRA

di Marco Martelli - La Repubblica - 13/11/2003

 

Cambio pelle in due giorni netti. Domenica, a Fabriano, una FuturVirtus inguardabile; a Badalona, invece, una Virtus capace di dominare 40' contro una squadra di categoria superiore. Evidentemente, la strigliata del patron Sabatini prima della partenza ha punto nell'orgoglio. «Ci ha detto di lottare, di giocare ogni partita come fosse l'ultima: e ci ha ricordato che chi gioca per la Virtus lo deve fare per vincere», questo il breve ed edulcorato sunto di Andrea Niccolai, prima di imbarcarsi sul volo di ritorno. Decisivo AirNick, con un ultimo quarto da 3 bombe e un assist: diversamente da domenica, dov'era andata male. «Mi piace essere protagonista, amo prendermi grosse responsabilità: questa è andata bene», ha aggiunto, per poi chiosare la giornata brandendo il microfono dell'aereo, ringraziando chi aveva accompagnato la Virtus a prendersi questa nobile vittoria. E chiedendo tanta gente per domenica (20 euro prezzo più economico, metà per gli under 18).

Ma Niccolai è solo una delle tante note liete di una serata che, come ha detto Charles Smith sull'aereo, «servirà come esempio per il futuro, perché ha fugato i dubbi sul nostro valore»: da Barlera, che senza problemi di falli ha 214 cm da far pesare; a McCormack, che partito in sordina sta crescendo in personalità; fino allo stesso Ragno, ormai incoronato leader. Ma soprattutto la nota lieta viene da Brkic, fuori a Fabriano per scelta tecnica, di bell'impatto martedì con 12 punti in 14', ma soprattutto grande reattività. Ciò che non deve fare la Virtus è vedere, ora, tutto rosa: il bilancio è 3-5 in campionato, a 4 vittorie da Reggio (e una sola sopra le ultime). Domenica arriva Rimini (8 punti), poi il calendario propone due match con formazioni che l'appaiano (a Sassari) o seguono (Novara): una vittoria in Uleb Cup farà morale, ma una striscia, anche mini, in campionato conterebbe di più. La vittoria sulla Joventut è poi servita anche a Ticchi per tirare un sospiro di sollievo: mai messo in discussione dalla società, è vero, ma lo stentato avvio aveva già fatto aggrottare qualche ciglia. Dopo essersi tolto dalla spalla la scimmia di Boniciolli, volato a Messina, Ticchi si toglie quella della vittoria, con gli annessi complimenti di Sabatini: la Virtus ha giocato corale, ha costruito tiri, è rimasta sopra anche con la panchina (Martìn a parte), lucrando gioie anche da Di Marcantonio, che in difesa ha mosso bene i suoi 125 chili. Ticchi ha ruotato 9 uomini nei primi 7', usandone alla fine 11 (dentro anche Noferini), con Ceresi a bagnare il piede negli ultimi 30": e su eventuali scelte dubbie nel finale, non c'è stato neanche tempo di recriminare. Solo da gioire. Questo basta, per ora. Da qui in avanti, si vedrà.

 

LA VIRTUS PUNTA SULLA STRATEGIA DEL RAGNO

di Marco Martelli - La Repubblica - 01/02/2004

 

Aspettando di trovarsi in mano un playmaker, probabilmente dalla prossima settimana, la Carisbo sale oggi a Reggio Emilia (18.15, diretta Radio Budrio) per provare a prendersi due punti pregiati. Difficili, con Reggio imbattuta in casa, ma non impossibili, contro la Bipop d'adesso, sconfitta due volte nelle ultime tre, acciaccata in lungo e in largo, senza uno straniero (Roberson) e a corto di pivot: Damiao andrà dentro, ma intanto si cerca pure qualcun altro. Anche in Virtus non si sta da pascià: dopo l'influenza, Podestà è tornato ad allenarsi ieri mattina, e in più c'è il Cummings da testare, ogni volta, dopo una settimana a lisciarsi il ginocchio. Sul campo, c'è da vendicare la sconfitta dell'andata: la Bipop violò Casalecchio (61-65) in una gara strana, vinta col 26% da due, ma tenendo la Virtus a 23 punti nella ripresa. E come dovrebbe essere di regola, l'ago della bilancia dovrà essere Charles Smith, «Ragno» sontuoso per la LegaDue, ma a volte un po' troppo impigliato nella propria tela: la prima proprio all'andata (16 con 6/15). Può sembrare blasfemo, parlando comunque di un giocatore da 24 punti a gara, ma quel pizzico in più che spesso sarebbe servito, è arrivato poche volte: tanto che molti, Bucci in primis, faticano a riconoscergli le stimmate di leader.

Chi invece l'ha fatto, e a lui deve «una buona parte della carriera», è Matteo Boniciolli da Messina, Sicilia, dove l'ennesimo blitz in extremis del presidente Caruso ha fatto sì che tutti si allenassero, in vista della partita odierna con Roseto. Boniciolli fu il primo coach di Charlie in Italia, quando il suo arrivo fece schizzare Udine dal settimo posto di A2 alla promozione: un colpo da maestri. «Ma il merito fu tutto di Giancarlo Sarti - dice oggi Matteo -. Avevamo Dalmau, un portoricano poco adatto a guidarci: Sarti andò negli Stati Uniti e tornò con Smith. Lo buttai dentro 40 ore dopo che era sceso dall'aereo: 20 ad Avellino, poi 28 a Napoli. E sparò un playoff mostruoso, da vincente». Vincente. Parola che qui, spesso, si è pronunciata a denti stretti, dopo secondi tempi scialbi, a fronte di prime metà da sogno. «Lui è un fenomeno - continua l'ex coach della Skipper -, e vince le partite: non solo in attacco, perché se vuole è il miglior difensore che puoi avere. Ricordo Trieste-Udine, Capodanno 2001: Charlie gioca 20 minuti strepitosi, noi andiamo avanti di 24. Poi Penn, che ora sta in Eurolega col Cibona, rimonta da solo: gli ultimi due minuti lo do a Smith, lui lo leva dalla gara e si prende pure l'ultimo tiro da tre. Dentro, vittoria. L'unica della Snaidero a Trieste». Vittoria che, anche qui, Smith ha spesso cercato col tiro da lontano: poche percussioni, quindi pochi liberi (3.7 a partita): e dire che spesso dà l'idea di essere incontenibile. «E lo è, tanto che mi sono domandato il perché anch'io, vedendo la sua attuale predilezione a tirare dalla lunga. Ma a difesa schierata è un vero coltello. Con Napoli, in A2, fece una cosa clamorosa, che gli udinesi ricordano ancora. Penetrazione contro Rajola, doppio aiuto di Morena e Semprini per lo sfondamento: lui s'arresta, e schiaccia col petto sopra la testa di Morena. Finì a 41». Oltre a quello che ha già visto, la Virtus vorrebbe anche questo Smith, quello che la conduca nei finali cruciali. Per il resto, il ragazzo è d'oro, allora e ora. «Mai un problema - dice Boniciolli -, tutta un'altra cosa rispetto al tipico bomber americano, eccentrico e bizzoso: lui umile, sorridente e lavoratore, senza catenoni d'oro, ma in tuta sportiva. Davvero, lo amo. Persona super, e attaccante come in Europa non avevo mai visto». Vorrebbe amarlo anche la Virtus: e oggi Reggio, contro i primi della classe, è il valico giusto.

 

 

SORPRESA, UNO STOPPER DI NOME SMITH

di Marco Martelli - La Repubblica - 13/05/2004

 

Cinque vittorie su cinque, tre su tre in trasferta (tante quante, in stagione, tutte quelle di Bucci). Tre soli quarti persi su venti giocati. Avanti nel punteggio 196 minuti su 200. L'immacolato play-off della Carisbo, in attesa di rigiocare domani sera con Ferrara, per chiudere 3-0 a Casalecchio, passa anche per le statistiche: sue ed altrui. E c'è altro, in comune. Il doppio break con Ferrara, come il cappotto a Pavia, è frutto dell'annebbiamento delle stelle più fulgide dell'una e dell'altra: Malik Dixon prima, Terrell McIntyre fin qui. Il mastino è sempre Charles Smith che, in contumacia Cummings, cui spesso e volentieri veniva affidato il bomber avversario, s'è saputo riciclare come specialista difensivo. Lo era già ai tempi di Udine, e lo stesso Matteo Boniciolli aveva avvertito: nel momento del bisogno, Charles diventerà il miglior difensore della squadra. Così è stato, e bene per la Carisbo, con Smith ad azzerare l'avversario diretto.

Dixon veniva da 26 punti di media, col 49% dal campo e 25 di valutazione: n'è uscito ridimensionato a 13.7, 26% e 9.7. L'antidoto sta funzionando pure contro McIntyre, mai in valutazione negativa quest'anno, due di fila in semifinale (-1 e -7, 4/19 al tiro globale). Forse, l'enorme lavoro difensivo ha un po' limato le percentuali da fuori del Ragno: dopo il 5/6 di Gara 1 con Pavia, il play-off di Smith gira a 7/28 da tre, un 25% lontano dal 41 di stagione regolare. Si può far cambio, se finisce come in Gara 2, con Smith a chiudere il match proprio con due cesti da lontano. Ma percentuali o no, è uno Smith diverso, più equilibrato, in soldoni più decisivo. Più tiri da due (10.6 contro 9.8), meno da fuori (6.8 contro 9), più assist (1.8 contro 1.3), più recuperi (5.2 e 4), meno perse (1.6 e 3.1). Di riflesso, la qualità dell'attacco se ne giova, pur sopportando qualche vuoto in regia di Brunson, che però in Gara 2 ha acceso Tony Williams. In un play-off in cui la Carisbo viaggia a 88 di media, nell'ultima scorpacciata (90), Williams ha fatto il pienone: il 37 di valutazione è il massimo stagionale, il 9/10 al tiro (e le 0 perse) anche.