SAMUELE PODESTA'

Podestà con coach Bucci

nato a: Sestri Levante (GE)

il: 12/01/1976

altezza: 204

ruolo: centro

numero di maglia: -

Stagioni alla Virtus: 2003/04 - 2004/05

biografia su wikipedia

 

SAMUELE PODESTA'

"Il chi è chi" 96/97, redazione Superbasket

 

Quanta attesa su questo ragazzo che apre un dilemma: o nasconde una calamita dentro il pallone di gioco e l'opposto magnetico sotto la maglia, oppure ha davvero un senso del rimbalzo mostruoso, tale da vederlo prevalentemente senza rivali quando decide di interferire sulle traiettorie della palla dall'anello in poi...

Madre natura lo ha dotato di arti superiori sovradimensionati, a scapito di qualche centimetro: sarà compito arduo decidere se il suo ruolo è quello del Wes Unseld d'Italia oppure obbligatorio rendere quei 200 centimetri efficaci anche dalle tacche...

 

PODESTA' A LIETO FINE

di Marco Martelli - La Repubblica - 29/11/2003

 

Stavolta è fatta, Podestà è stato tesserato della Virtus. Di più, domani giocherà contro Novara. Avevamo scritto ieri che la trattativa per averlo s’era bloccata, annotando pure il comunicato della società, ma non chiusa. E infatti, nella tarda serata di giovedì, mentre la Fortitudo affrontava il Maccabi, la Virtus vinceva la sua personalissima partita, strappando il centro alla concorrenza di Livorno e ottenendone il prestito dalla Benetton. Podestà è così arrivato ieri mattina a Bologna e nel pomeriggio, al PalaMalaguti, ha fatto allenamento. 27 anni, cresciuto nella Don Bosco Livorno, 'Samu’ esordì in A2 proprio con i labronici, nel 1996: subito 10.7 punti e 9.4 rimbalzi di media, eliminato in semifinale da Montecatini. L’anno dopo, nella sua prima finale promozione, viene battuto 3-1 da Imola: 14 punti e 7 rimbalzi a fine stagione. Finale anche l’anno seguente (chiuso a 15.4 punti e 7.6 rimbalzi), ma altra sconfitta, in 5 gare contro Trieste. Dove passa, a metà della stagione 2000, in A1, prima che, la scorsa estate, lo chiami la Benetton. Ora, a Bologna, cercherà nuovamente di tornare in A1.
«Ho saputo solo negli ultimi giorni - ha detto ieri - che la Benetton m’avrebbe lasciato andare: alla fine sono contento di essere qui, in un’altra società blasonata, dopo la serietà di Treviso. Assorbito l’infortunio dell’anno passato, alla Benetton cercavo minuti: non li ho trovati e ora darò tutto. Vengo in una piazza importante ed entusiasta: è vero, potevo tornare a Livorno, dove ho tanti amici, o andare a Biella, con persone di grande serietà». Podestà esordirà domani col numero 14: andrà a rimpinguare il pacchetto lunghi, portando ciò che manca alla FuturVirtus, ossia rimbalzi e gioco spalle a canestro.

 

SULLE SPALLE DI PODESTA' LA VIRTUS PUO' RISALIRE

di Marco Martelli - La Repubblica - 16/01/2004

 

PORTO SAN GIORGIO - Facendosi bastare la pochezza altrui, stringendo due minuti sì e quattro no, sopportando una panchina vuota di brio e applaudendo il ritorno dell' Anthony Williams migliore da mesi a questa parte, misto a un Podestà babau, Bucci e la sua Carisbo, alla fine, si tolgono dalla spalla la scimmia delle trasferte tabù. Appiedati i due bomber locali (Wilson 5/17, Williams 9/22), farsi uccidere dagli altri era francamente troppo: è arrivato un brodino, ma da bere ad occhi aperti, dopo 40' che agli altri paura non dovrebbero fare. Si attende Scafati, per un test più probante: troppo poco, onestamente, la banda Baldinelli, che pure c' ha messo del cuore. Ma s' è sbattuta anche la Virtus, quando ansia e depressione potevano sopraffarla. Nell' anonimato di uno scarno pubblico, l' avvio è loffio per entrambe: circolazione a zero sia di qua che di là, ma sarà a lungo il leit-motiv. Contro un' avversaria povera povera, il primo allungo è Virtus: Podestà viene infilzato da Zudetich, uno che faceva fatica a San Lazzaro (B2), ma di là devasta l' area. Gli dà una mano Williams, che ha il gomito riaggiustato e il mirino pure: due panieri di T-Will firmano un 11-1 bianconero (11-18), poi sono i primi cesti di Smith a dare l' apparente calma. Carisbo anche a +14 (19-33), finchè Bucci, che nei primi 13' non ha toccato nulla, comincia a spizzicare in panchina: ha niente da Brkic, svarioni da Pelussi e crepacce da Martin, levato per un McCormack bombardato dai falli (3 in 12' ). Osimo allora risale la china: un canestro dal campo in 5' per Bologna, e di là impazza il loro Williams, ma anche Peretti, e allora qualcosa stona. Un antisportivo di Martin regala il -3 a metà (34-37): ringraziare la sirena, che toglie un agghiacciante -1 (Damon Williams lungo di un soffio). Terzo quarto da spaccare in due: la prima parte Virtus, con un 14-2 firmato da tutti, ma il comodo +15 fa rilassare come sopra un sofà, e c' è ancora ossigeno per Osimo, che riappare a -6. La Carisbo accende e spegne, e quando spegne non si guarda. Il quarto di Smith aumenta l' ansia: Osimo arriva anche a -3 (58-61), ma lì torna ad esplodere Williams, con 5 punti e un assist, e allora Bologna può finalmente festeggiare. Giocatori sotto la curva, Sabatini sorridente, baci e abbracci per tutti. Oggi bastava poco.

 

Tratto da Bianconero

Numero di maglia 14
Hai un soprannome? Samu
Fidanzato/Sposato? No
In che zona vivi ? Corticella
Consolini è …. Un allenatore preparatissimo
Il più burlone? Davison
Il più serio? Guyton
Il coach più significativo del tuo passato Non ce n’è uno solo, tutti mi hanno trasmesso e insegnato qualcosa
Meglio stoppata o schiacciata? Schiacciata
Rimbalzo offensivo o sfondamento subito? Rimbalzo in attacco
Cosa pensi dell'altro? (Casoli) Un bravo ragazzo
Che tipo sei in campo? Cerco di fare sempre il mio meglio
Che tipo sei fuori dal campo Tranquillo… anche Casoli ha risposto così?…
Il tuo più grande valore La lealtà
Il tuo “idolo” cestistico Hakeem Olajuwon
Un rimpianto nella tua carriera La finale con Jesi dello scorso anno
Come e dove ti immagini tra 15 anni? Ho tante idee per il futuro, ma ancora non ce n’è una definitiva
Il tuo hobby Passare il mio tempo con gli amici
I preferiti: film La vita è Bella
… libro Novecento, il libro di Baricco da cui è stato tratto “La leggenda del pianista sull’oceano”
… cantante o un gruppo musicale De André, De Gregori, Paolo Conte
… canzone La donna cannone
Il tuo piatto preferito? La pasta, in generale: le tagliatelle con il ragù qui sono ottime…
La vacanza della vita a … A girare il mondo
Un sogno da realizzare Uno riguarda l’esito di questa stagione…
Descrivi Bologna in poche parole Si sta bene, si mangia anche meglio, e in generale è una bella città
Per te Virtus vuol dire? La storia del basket italiano